Vittoria

Libertà per Valérie Bacot!

Questa petizione ha creato un cambiamento con 720.316 sostenitori!


FRBR  ES | DK I DE 

Libertà per Valérie Bacot!

Valérie Bacot era ancora una bambina dodicenne quando incontrò il suo aguzzino. Il suo patrigno era Daniel, il compagno di sua madre. Ogni sera, quando lei tornava da scuola, lui abusava di lei. Nel villaggio di La Clayette, in Saône-et-Loire, tutti sospettavano. Ma nessuno ha mai detto niente.

Denunciato da un membro della sua stessa famiglia, Daniel è stato processato e condannato a quattro anni di prigione nel 1995. La madre di Valérie, tuttavia, costringerà la figlia ad andare a trovarlo in sala visite. Una volta libero, Daniel torna a vivere con la mamma di Valérie, come se nulla fosse successo. Il calvario di Valérie ricomincia di nuovo. L'adolescente rimane incinta di lui, all’età di 17 anni. Per evitare uno scandalo, sua madre la caccia via. Rimasta sola e senza mezzi finanziari, Valérie cade nelle mani di Daniel, il suo carceriere, di 25 anni più anziano di lei. Tutti disapprovavano, ma nessuno ha fatto nulla per aiutarla.

La famiglia, che non aveva vita sociale, si stabilisce in un quartiere periferico di Baudemont, in Saône-et-Loire, dove Valérie ha vissuto in isolamento per quasi vent'anni. Daniel ha avuto quattro figli con lei e alla fine l'ha sposata. Durante tutti gli anni vissuti insieme, a Valérie non le è permesso di uscire, inoltre deve obbedire ad ogni suo comando o affrontare rappresaglie. La picchia, la stupra, la umilia, la insulta, la fa prostituire - durante tutti questi anni, lei è costantemente in pericolo. Valérie e i suoi figli hanno provato due volte ad allertare la polizia, ma non sono stati ascoltati. Tutti sapevano, ma nessuno è intervenuto.

Il 13 marzo 2016, affinché lui non la uccidesse, lei lo ha ucciso - con la pistola che lui usava per minacciarla. Valérie ha 36 anni, Daniel più di 60. Lei si fa prendere dal panico e nasconde il suo corpo nella foresta. Sarà arrestata nel 2017, incarcerata e messa in custodia. Accusata di omicidio, rischia l'ergastolo.

Oggi in libertà vigilata dopo un anno di prigione, ha un contratto a tempo indeterminato e continua ad occuparsi dei suoi figli. Il suo processo avrà luogo dal 21 al 25 giugno 2021 davanti alla corte d'assise di Chalon-sur-Saône.

Anche se ha commesso un omicidio uccidendo il suo aguzzino, e considerando i venticinque anni di sofferenza che ha subito e sopportato nell'indifferenza generale, è la sua libertà che chiediamo.

Dobbiamo parlare di Valérie, raccontare la sua storia, non abbandonarla al suo destino. Per lei, come per tutte quelle donne vittime di violenza domestica, abbiamo aspettato troppo a lungo - non è più tempo di guardare altrove...

Non possiamo più chiudere gli occhi.

Per inviare le vostre donazioni, o per essere coinvolti nel comitato di sostegno, andate su www.valeriebacot.fr

Seguiteci:
su Facebook
Su Twitter
Su Instagram

Il comitato di sostegno per Valérie Bacot
Contatto: Florian MAÏLY +33(0)6.62.81.67.47 (portavoce del comitato di sostegno)

Perché la sua firma venga presa in considerazione, deve essere convalidata dall'e-mail che riceverà in seguito.

Grazie per il vostro sostegno!

#LibertéPourValérie
#LibertàPerValérie

Maggiori informazioni su www.valeriebacot.fr



Oggi: Le comité de soutien à Valérie Bacot conta su di te

Le comité de soutien à Valérie Bacot ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Libertà per Valérie Bacot! #LibertéPourValérie #LibertàPerValérie". Unisciti con Le comité de soutien à Valérie Bacot ed 720.315 sostenitori più oggi.