Petition Closed

STOP alla fornitura di armi all'ISIS

L'Arabia Saudita fino all'altro anno risultava essere il maggiore destinatario extraeuropeo dell’esportazione di armamenti italiani con circa il 14% delle commesse.

Dalle notizie pubblicate dalla stampa risulterebbero provenienti da privati cittadini residenti in Arabia Saudita, Qatar e Kuwait i maggiori contributi di armamenti riservati al sedicente Stato Islamico e ad Al Qaeda, anche a causa della normativa presente in questi Stati.

Perché l’Italia non sospende, a titolo precauzionale, la fornitura di armi, come ha già fatto la Germania?

Il decreto legislativo 22 giugno 2012, n. 105 che ha modificato la legge n.185/1990 sul controllo dell'esportazione dei materiali di armamento, in attuazione della direttiva 2009/43/CE, vieta l’esportazione di armi quando mancano adeguate garanzie sulla definitiva destinazione dei prodotti per la difesa; è prevista anche l’eventuale sospensione o revoca di autorizzazioni già concesse per gravi motivi nel frattempo subentrati.

Perché non si fa una legge che preveda la tracciabilità del petrolio acquistato in Italia (e in Europa e nel mondo), in modo da non acquistare quello proveniente dai pozzi controllati dall'ISIS?

Carlo Battistella

 

(testo aggiornato il 25 novembre)

 

This petition was delivered to:
  • Presidente della Camera dei Deputati
    Laura Boldrini
  • Presidente del Senato della Repubblica
    Pietro Grasso
  • Ministro della Difesa
    Roberta Pinotti
  • Presidente della Repubblica Italiana
    Sergio Mattarella
  • Presidente del Consiglio dei Ministri
    Matteo Renzi
  • Presidente della Repubblica
    Sergio Mattarella (Presidente della Repubblica)
  • Presidente della Camera
    Laura Boldrini
  • Presidente del Senato
    Pietro Grasso
  • Ministro dell'interno
    Angelino Alfano
  • Ministro degli Affari Esteri
    Paolo Gentiloni
  • Ministro della Difesa
    Roberta Pinotti

Ester Bontempo started this petition with a single signature, and now has 77,488 supporters. Start a petition today to change something you care about.