Save the starry night sky from “mega sat constellation” out-of-control proliferation

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


We are concerned about the launch of a large number of new artificial satellites into orbit.

Many projects such as "Starlink" or "Kuiper" ("megaconstellations" for Internet connection) is a serious threat to astronomical observations from Earth.

Sending thousands of new artificial satellites into orbit, dramatically increases the already very high rate of light pollution of the starry night sky: to the "off" skies without stars, of most of the urbanized areas of the planet, will be added thousands of new "false little star” that will disturb the activity of both scientific research centers and amateur observers.

It will also increase the amount of space waste to be disposed of (and consequent risks), the risk of collisions with spacecraft (inhabited and otherwise), or of uncontrolled fall to Earth.

 

We ask that the integrity of the night starry sky is not further compromised.

We ask for specific international standards for the protection of the extraterrestrial proximal space.

We ask that the United States Federal Communications Commission (FCC) no longer authorize mega-projects involving the entire planet, without sharing and international agreement.

The space around the Earth is a World Heritage Site, and every nation must use it with respect for the environment and the rights of every human being, on the basis of shared, fair and solidarity global agreements.

 

We ask that at least these four rules be issued, which are essential both to the activity of scientific institutions and to keep the starry night sky at least in its current state: it is our duty to transmit it as intact as possible to future generations.

 

• Set a ceiling on the number of artificial satellites in orbit (not exceeding a few thousand units).

 

• Limit the operational altitude of the "mega constellations" to an altitude not exceeding 600 km, so that they "disappear" in the shadow of the Earth after sunset.

 

• Limit its brightness to the eighth apparent magnitude (not visible to the naked eye).

 

• The transceiver frequencies of the "mega constellations" do not offer to interfere with those of terrestrial radio telescopes.


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Salviamo il cielo stellato dalla proliferazione incontrollata delle "mega costellazioni satellitari"

L’inquinamento luminoso attanaglia l’astronomia sin da quando l’illuminazione notturna ha fatto la sua comparsa nelle nostre città, in particolare dal dopoguerra…

Al giorno d’oggi infatti, i grandi osservatori astronomici vengono costruiti in aree remote del pianeta, come ad esempio i deserti…

Lo stesso vale per i radiotelescopi, in quanto ogni città “disturberebbe” le bande radio alla quale gli strumenti sono sensibili, vanificando ogni tentativo di ricerca scientifica.

Fortunatamente sono nate leggi per la tutela del cielo notturno, ed inoltre esistono a livello globale delle norme (RADIO QUIET ZONE) che tutelano gli osservatori radioastronomici da particolari frequenze radio dannose per le osservazioni.

Purtroppo nell’epoca in cui viviamo, ci troviamo di fronte ad una nuova forma di inquinamento luminoso, quello prodotto dalle nascenti “costellazioni di satelliti” per la diffusione globale di internet.

Progetti come “starlink” attualmente in costruzione, e che contano già oltre 900 piccoli satelliti in orbita terrestre bassa (LEO), con la previsione di lanciarne decine di migliaia nei prossimi anni, costituiscono una grave minaccia per le osservazioni astronomiche, sia nell’ambito del visibile (numerose tracce lasciate sui sensori che riprendono fotografie degli oggetti celesti), sia nelle osservazioni radio-astronomiche, che vengono impedite a causa dell’interferenza che questi satelliti provocano.

 

Forum Skylive vuole prendere una posizione in merito a tutto questo, la quale è pienamente contraria ad un’ulteriore diffusione di questi mini-satelliti per telecomunicazioni.

Vogliamo precisare che non siamo contrari al progresso tecnologico, ma siamo altresì convinti che questo debba sempre essere eco-sostenibile e rispettoso della ricerca scientifica, sia in ambito professionale che in quello amatoriale, ed è impensabile conciliare una maggiore copertura internet sul pianeta con la distruzione del cielo stellato.

Auspichiamo attraverso la nostra campagna “NO TELE-SATS PROLIFERATION” che siano emanate a livello internazionale misure adeguate, per contenere l’aumento incontrollato di satelliti artificiali, in particolare di quelli relativi alle mega-costellazioni satellitari per la diffusione di internet.

 

Nella fattispecie riteniamo fondamentali i seguenti punti:

 

• Fissare un tetto massimo al numero di satelliti artificiali in orbita terrestre, che non superi alcune (poche) migliaia di unità.

• Limitare la quota operativa delle “mega costellazioni” ad una altitudine non superiore ai 600 km, in modo che i satelliti "scompaiano" nel cono d'ombra della Terra dopo il tramonto del Sole.

• Limitarne la brillanza alla ottava magnitudine apparente (non visibile ad occhio nudo).

• Le frequenze di ricetrasmissione delle “mega costellazioni” non dovranno interferire con quelle dei radiotelescopi terrestri.


Solo così potrà essere garantita la tutela del cielo notturno e dell’antica scienza dell’astronomia, allo stato attuale e per le future generazioni.

 

Documento sottoscritto da, signed by:

Forum Skylive (a webcommunity of Italian stargazers):
www.forumskylive.it

Buiometria Partecipativa:
http://www.buiometriapartecipativa.org/

Avv. Mario Di Sora, direttore OACC, Osservatorio Astronomico Campo Catino (Guarcino, FR, ITALY):
http://www.campocatinobservatory.org/

Lazio Stellato:
http://www.laziostellato.org/

VenetoStellato:

VenetoStellato sottoscrive l'iniziativa proposta dal forum di Skylive, Il cielo non può essere proprietà di nessuno, non possono alcuni privati prevaricare sul diritto di tutti a godere dello spettacolo del cielo notturno per meri fini commerciali.

Leopoldo dalla Gassa - Presidente di VenetoStellato
www.venetostellato.it

CieloBuio - Coordinamento per la protezione del cielo notturno:
https://cielobuio.org/