Salviamo il Cimitero delle 366 fosse di Ferdinando Fuga

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


Il Cimitero delle 366 fosse, realizzato a Napoli dall'architetto Ferdinando Fuga su richiesta di re Ferdinando IV di Borbone, è un'opera unica al mondo: luogo di sepoltura all'avanguardia per il suo tempo, è costituito da 366 fosse comuni, una per ogni giorno dell'anno (compresi i bisestili), destinate ad accogliere i defunti le cui famiglie non avevano disponibilità economiche. Un'opera caritatevole e civile, insomma. Presto però il mondo non potrà più vederla.

Un edificio sta per essere costruito proprio davanti al suo ingresso per conto dell'Ente Religioso della Provincia della Natività della Beata Vergine dell’Ordine della Santissima Trinità. In questo caso, però, non si tratta di un'opera caritatevole – come lo era il cimitero del Fuga – ma di un investimento vero e proprio: l'edificio avrà infatti destinazione residenziale e sarà composto da appartamenti modernissimi.

I permessi ci sono tutti, ma basta un permesso per cancellare la memoria e obliterare la cultura? Il nuovo edificio occluderà del tutto la facciata del Cimitero delle 366 fosse e, nonostante le autorizzazioni, metterà probabilmente a rischio il sottosuolo dove ancora riposano i defunti. L'intero quartiere Poggioreale ne uscirà stravolto.

Il cimitero è ancora frequentato e molti vi si recano per rendere omaggio ai defunti che lì riposano. Tra di essi figura il M° Riccardo Muti, i genitori del quale sono lì sepolti.

Chiediamo al sindaco di Napoli Luigi de Magistris, al governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca e al ministro dei beni e delle attività culturali Alberto Bonisoli di fermare questo ulteriore scempio edilizio nella nostra città!

 

 



Oggi: Martin conta su di te

Martin Rua ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Salviamo il Cimitero delle 366 fosse di Ferdinando Fuga". Unisciti con Martin ed 377 sostenitori più oggi.