Vittoria confermata

Ministro POLETTI, i diritti sono per tutti, non li decide lei!

Questa petizione ha creato un cambiamento con 726 sostenitori!


Il Ministro del Lavoro Giuliano POLETTI con l'APE SOCIAL introdotta dal Parlamento Italiano vuole escludere dal diritto i lavoratori che hanno chiuso con un rapporto di lavoro a TEMPO DETERMINATO e includere solo quelli a TEMPO INDETERMINATO.

Questo è in contrasto con la Costituzione, che sancisce l’eguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge. (art. 3 cost.it.).

Nel merito, l'articolo 1, commi da 179 a 186, della L. 232/2016 ha introdotto, in via sperimentale dal 1° maggio 2017 al 31 dicembre 2018, l'istituto dell'APE sociale consistente in una indennità, corrisposta fino al conseguimento dei requisiti pensionistici, a favore di soggetti che si trovino in particolari condizioni.

Possono accedere all'APE sociale i soggetti in possesso di un'età anagrafica minima di 63 anni e in possesso, alternativamente, di uno dei seguenti requisiti (comma 179):

  • soggetti in stato di disoccupazione che abbiano concluso integralmente la prestazione per la disoccupazione loro spettante da almeno tre mesi e siano in possesso di un'anzianità contributiva di almeno 30 anni;
  • soggetti che assistono da almeno sei mesi il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap grave e sono in possesso di un'anzianità contributiva di almeno 30 anni;
  • soggetti che hanno una riduzione della capacità lavorativa uguale o superiore al 74%  e sono in possesso di un'anzianità contributiva di almeno 30 anni;
  • lavoratori dipendenti al momento della decorrenza dell'APE sociale, che svolgono specifiche attività lavorative "gravose" da almeno sei anni in via continuativa, e sono in possesso di un'anzianità contributiva di almeno 36 anni.

Il Ministro POLETTI vuole escludere dall'APE SOCIAL quei lavoratori (punto 1) che hanno chiuso con un contratto di lavoro a TEMPO DETERMINATO e includere invece solo i lavoratori che hanno chiuso con un contratto a TEMPO INDETERMINATO.

Aver chiuso l'ultimo rapporto di lavoro a TEMPO DETERMINATO o a TEMPO INDETERMINATO, modalità previste dal nostro ordinamento giuridico, non può produrre differenze sul piano giuridico, riconoscendo diritti a taluni, negandoli ad altri.

Come può una tipologia di rapporto di lavoro essere una ragione per differenziare un trattamento nei diritti tra persone con gli stessi requisiti richiesti dalla legge?

I Lavoratori a TEMPO DETERMINATO hanno gli stessi DOVERI dei lavoratori a TEMPO INDETERMINATO.

E allora perchè non devono avere gli stessi DIRITTI?

E’ questa una logica perniciosa dalle conseguenze devastanti sul piano giuridico, politico, etico e morale, che porta in se il germe della discriminazione.

Semmai, sono proprio quei lavoratori con contratti a termine, a progetto, tirocini, stage, contratti di inserimento, apprendistato, etc., ad aver bisogno di maggior tutela, dal momento che l’assenza di continuità del rapporto di lavoro (e spesso di adeguate condizioni lavorative), ha portato e porta all'insicurezza economico-sociale e all'impossibilità di poter progettare un futuro.

Invece con l’APE SOCIAL voluta dal Ministro POLETTI, si vedono “PUNITI” una seconda volta. La prima, per aver vissuto anni di precarietà, e adesso per giunta, si ritrovano ad essere “PENALIZZATI” e “DISCRIMINATI”.

Per questo è necessario scongiurare tale DISCRIMINAZIONE e PENALIZZAZIONE di lavoratori e ripristinare lo stato di diritto, che presuppone l’uguaglianza giuridica di tutti i cittadini di fronte alla legge.

Chiediamo

al Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo GENTILONI, al Ministro Giuliano POLETTI e a al Governo Italiano affinchè nell'apposito DPCM vengano inclusi nell'APE SOCIAL, anche i lavoratori che hanno chiuso con un rapporto di lavoro a TEMPO DETERMINATO!



Oggi: Raffaele conta su di te

Raffaele Paparella ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Ministro POLETTI, i diritti sono per tutti, non li decide lei!". Unisciti con Raffaele ed 725 sostenitori più oggi.