Giustizia per l'elefantessa incinta e brutalmente uccisa a Kerala, India

0 hanno firmato. Arriviamo a 3.000.000.


EN

Un elefantessa incinta è morta nel Kerala, regione dell'India, lo scorso mercoledì, dopo aver affrontato una delle forme più brutali di abuso su animali.

E' morta dopo aver mangiato un ananas pieno di petardi, che le era stato offerto presumibilmente da alcuni locali.
Il frutto le è esploso in bocca, ferendola gravemente.
Il povero animale ha girovagato nel villaggio, con dolore lancinante e affamata, ma non è riuscita a mangiare nulla a causa delle ferite.

E' rimasta calma, nonostante la sofferenza e il dolore lancinante.
Non ha attaccato nessuno mentre correva per le strade del villaggio, non ha distrutto una sola casa, né creato alcun caos.

L'elefantessa si è diretta al fiume, in modo che la sua bocca e la lingua potessero avere sollievo dalle fiamme. Purtroppo, però, è morta nel fiume.

Sull'episodio ha fatto luce Mohan Krishnan, responsabile forestale, Nilambur, sulla sua pagina Facebook, con questo messaggio:
"Questo è davvero scoraggiante e ci fa stare male in modo incredibile. Ci sono stati diversi episodi di abuso di animali in India negli ultimi mesi e, a meno che non venga intrapresa un'azione rigorosa contro i trasgressori, questi abusi e aggressioni sugli animali non si fermeranno mai."

Riteniamo personalmente che l'accusa di omicidio debba essere avanzata contro le persone coinvolte in questo brutale omicidio.
Vorremmo pertanto chiedere al Governo Indiano di agire immediatamente contro i trasgressori.
Firma e condividi la mia petizione in modo che possiamo ottenere giustizia per l'elefantessa.