AVVISIAMO LE VITTIME QUANDO IL PERSECUTORE ESCE DAL CARCERE IN PERMESSO PREMIO!!!!!

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


Un triste pomeriggio d'estate B. B., in lacrime, viene a sapere che l’ex marito, finito in carcere per le violenze che le aveva inflitto, sarebbe uscito con un permesso premio. Conoscendo bene, dopo anni di botte e maltrattamenti, il  carattere e il modo di agire del padre dei suoi figli, chiede al Magistrato di sorveglianza di sapere per quale giorno è prevista la scarcerazione, per poter mettere se stessa e i bambini al riparo da vendette e ulteriori abusi. Ma la Magistratura respinge la sua richiesta in nome della privacy.Qualche giorno dopo all’improvviso B.B. sente citofonare a casa ed è..lui!!! Tutto sfocia in un litigio violento e per fortuna lei riesce a scappare.

Molti fatti di cronaca ci insegnano che il persecutore quando esce dal carcere - anche solo temporaneamente - molto spesso ne approfitta per reiterare la violenza sulla Vittima che lo ha denunciato, o per compierne altre. Troppi sono anche i casi di omicidio commessi proprio durante un permesso o una sospensione della pena.

TUTTO QUESTO E' ASSURDO E INAMMISSIBILE!!

Tutto questo non solo offende il senso comune di giustizia, ma rappresenta una superficialità troppo grande che lo Stato non può permettersi, quando con una semplice modifica al codice di procedura penale, come previsto nella proposta di legge "“DISPOSIZIONI IN MATERIA DI COMUNICAZIONI DOVUTE ALLE VITTIME DI REATI”, può prevenire che la Vittima sia di nuovo oggetto di atti violenti o persecutori e dunque salvare la vita di molte persone.



Oggi: Cinzia conta su di te

Cinzia Pellegrino ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "FIRMATE: AVVISIAMO LE VITTIME QUANDO IL PERSECUTORE ESCE DAL CARCERE IN PERMESSO PREMIO!!!!!". Unisciti con Cinzia ed 2.187 sostenitori più oggi.