Topic

Animali

113 petitions

Update posted 3 days ago

Petition to

Ritirare la concessione per la costruzione di una pista per levrieri a Maserada sul Piave

Vi invitiamo a unirvi a noi nel chiedere al Sindaco e alla Giunta del Comune di Maserada sul Piave di ritirare la concessione per la costruzione della pista per levrieri a Maserada sul Piave. Il comune di Maserada sul Piave, provincia di Treviso, ha dato in concessione all’Enci un’area nel parco Parabae allo scopo di costruire una pista ovale per le corse di levrieri. La concessione ha una durata di 15 anni con un canone annuo di 4000 euro, per un investimento dichiarato da parte dell’Enci di oltre 160.000 euro.L’obiettivo è lecito, e non c’è molto da eccepire sul piano legale, dal momento che la pista sarebbe dedicata a corse amatoriali, anche se con 160.000 euro in ballo il termine stona. Al di là del fatto che le corse amatoriali sono legali, storicamente le corse dei cani attirano spesso interessi illeciti, cioè scommesse clandestine, al di là della volontà e della responsabilità degli organizzatori. Inoltre la presenza di questa pista e le iniziative connesse, aperte anche ad altri paesi europei, potranno incentivare l’importazione di greyhound da paesi come l’Irlanda, alimentando l’industria del greyhound racing che sfrutta ed elimina migliaia di cani ogni anno.  Sappiamo già che in Europa ci sono levrieri impiegati in corse cosiddette amatoriali che vengono acquistati in Irlanda dall’industria del greyhound racing. Illegale non è, ma immorale certamente: chi acquista uno di questi cani in Irlanda aiuta un’industria crudele e sanguinaria. Per concludere, non vediamo buone ragioni per giustificare un’iniziativa del genere, che dal punto di vista di chi ha cuore il benessere dei cani non può che avere conseguenze negative per i levrieri oltre che poco lusinghiere e, probabilmente, poco remunerative per il territorio.  Confidiamo che il Sindaco e la Giunta Comunale possano accogliere questo nostro appello, facendo una scelta saggia e lungimirante, tutelante il benessere dei levrieri, già oltremodo sfruttati nel racing, nel coursing e nella caccia a vista nel Regno Unito, in Irlanda, in Portogallo e Spagna.  Per favore firmate e divulgate questa petizione. 

Grazie! Stefania Traini Presidente e fondatore Pet Levrieri onlus Elenco delle organizzazioni animaliste italiane firmatarie (in ordine alfabetico) Carla RocchiPresidente Nazionale ENPA Alessia NastasioPresidente Faccia da Cane Cristina BompaniPresidente La Casa degli Elfi Rescue Odv - Vicenza Gianluca FelicettiPresidente LAV Gian Marco PrampoliniPresidente Leal Lega Antivivisezionista  Piera Rosati Presidente Lega Nazionale per la Difesa del Cane APSStefania Traini Presidente e fondatore Pet Levrieri onlus Loredana Carlotta FuséPresidente Podencos For Life Rescue-ODV Massimo ErricoPresidente Progetto Galgo Onlus Sara Turetta Presidente e Fondatrice Save the Dogs and other Animals Angelo VairaPresidente ThinkDog-Istituto di Zooantropologia ApplicataElenco delle organizzazioni animaliste straniere firmatarie (in ordine alfabetico)  Alliance Against Greyhound Racing (UK)Aran - Animal Rights Action Network (Ireland)Coalition for the Protection of Greyhounds (Australia) Društvo S hrti za hrte Slovenija (Slovenia) Fundación Benjamin Mehnert Galgo Libre ChileGalgo Libre Uruguay Galgo Livre Brasil Greyhound Awareness Cork (Ireland)GREY2K USA WorldwideIrish Council Against Blood Sports (Ireland) Plataforma NAC - No A La Caza (Spain) Proyecto Galgo ArgentinaProtectora y Santuario ScoobyTrato Etico Animal ONGUdruga za udomljavanje hrtova Honey (Croazia) Per saperne di più: Un’iniziativa poco opportuna, inutile e controproducente per l’immagine del territorio, dannosa per i levrieri https://www.petlevrieri.it/news-su-pet-levrieri/qualche-domanda-per-la-giunta-comunale-di-maserada-sul-piave/https://www.petlevrieri.it/news-sui-cani-e-l-ambiente/la-riduzione-dei-levrieri-a-macchine-da-corsa/https://www.petlevrieri.it/articoli-denuncia/lequivoco-delle-corse-cosiddette-amatoriali/ REVOKE THE LICENCE FOR THE CONSTRUCTION OF A GREYHOUND RACETRACK AT MASERADA SUL PIAVE Please join us in asking the Mayor and the County Council of Maserada sul Piave in the Veneto region to revoke the licence that has been granted for the construction of a greyhound track at Maserada sul Piave. The council of Maserada sul Piave, in the province of Treviso, has granted the licence to ENCI (Ente Nazionale Cinofilia Italiana – the Italian Kennel Club) for an area in the Parabae park, for the purpose of building a circular track for amateur greyhound racing. The licence would last for 15 years at a lease cost of 4,000 euros per year, and with a declared investment from ENCI of over 160,000 euros. The aim itself is within the law and there is little that can be objected to in legal terms, since the track would be used for amateur racing, although with an investment of 160,000 euros the term ‘amateur’ would seem somewhat ill suited. Despite the fact that amateur racing is legal, historically dog races of any kind tend to attract illegal interests such as clandestine betting, regardless of the goodwill and responsibility of the organisers. In addition, the presence of this track and related initiatives -  which would be open to other European countries too -  might encourage the importation of greyhounds from countries such as Ireland, thus feeding the greyhound racing industry which exploits and eliminates thousands of dogs each year. We already know that in Europe there are greyhounds used in so called amateur racing that are acquired in Ireland from the greyhound racing industry. It’s not illegal, but it is certainly immoral: whoever acquires one of these dogs (from the industry) in Ireland is helping support a cruel and bloody industry.In conclusion, we see no good reason to justify an initiative of this kind, which from the point of view of those who care about the wellbeing of dogs can only have negative consequences for the greyhounds, as well as an unflattering impact on the area, and probably not a very profitable one either.We trust that the Mayor and the County Council will take on board our appeal and make a choice that is wise and forward thinking and which protects the wellbeing of greyhounds, who are already extremely exploited in racing, coursing and hunting with galgos in the UK, Ireland, Portugal and Spain. Please sign and share this petition!Thank you!Stefania Traini President and founder of Pet Levrieri Onlus List of signatory Italian animal welfare organizations (in alphabetical order)Carla RocchiNational President of ENPA Alessia NastasioPresident of Faccia da Cane Cristina BompaniPresident of La Casa degli Elfi Rescue Odv - Vicenza Gianluca FelicettiPresident of LAV Gian Marco PrampoliniPresident of Leal Lega Antivivisezionista Piera Rosati President of Lega Nazionale per la Difesa del Cane APS Stefania Traini President and founder of Pet Levrieri onlus  Loredana Carlotta FuséPresident of Podencos For Life Rescue-ODV Massimo ErricoPresident of Progetto Galgo Onlus  Sara Turetta President and founder of Save the Dogs and other Animals Angelo VairaPresident of ThinkDog-Istituto di Zooantropologia Applicata List of signatory international animal welfare organizations (in alphabetical order): Alliance Against Greyhound Racing (UK)ARAN- Animal Rights Action Network (Ireland) Coalition for the Protection of Greyhounds (Australia)  Društvo S hrti za hrte Slovenija (Slovenia) Fundación Benjamin Mehnert (Spain) Galgo Libre Chile Galgo Libre Uruguay Galgo Livre Brasil Greyhound Awareness Cork (Ireland) GREY2K USA Worldwide Irish Council Against Blood Sports (Ireland)Plataforma NAC - No A La Caza (Spain)  Proyecto Galgo ArgentinaProtectora y Santuario Scooby Trato Etico Animal ONG Udruga za udomljavanje hrtova Honey (Croazia) 

Pet levrieri Italy Associazione
41,794 supporters
Update posted 1 week ago

Petition to Margherita II di Danimarca

Fermiamo la strage dei delfini nelle isole Faroe!!

Vostra Maestà Margherita II Gentile Primo Ministro Mette Frederiksen,  Gentile primo ministro Bárður á Steig Nielsen Vorrei rivolgere alle Vostre autorevoli cariche istituzionali e alle vostre coscienze, un appello, dopo aver visto le immagini shock nei video che stanno facendo il giro del mondo, sul massacro dei 1500 delfini uccisi, con feroce crudeltà, sulle spiagge delle isole Faroe. Sì, mi appello alle vostre coscienze, perché ho ancora fiducia che il senso di Umanità possa prevalere nelle nostre Comunità, impedendo all'indifferenza e alla voracità di prendersi tutto lo spazio. L'orrenda, documentata mattanza, che si ripete annualmente, è stato uno spettacolo particolarmente odioso e di gravità inaudita, in un anno che ci ha mostrato le conseguenze sulle nostre vite di un degrado costante e ormai poco controllabile della nostra realtà ambientale globale.  Perché?  Perché un Paese, la Danimarca, il cui alto grado di civiltà è riconosciuto dalla comunità globale, permette di offrire questo  spettacolo efferato ed inquietante agli occhi del mondo?  Come possono coesistere un alto grado di civiltà, intesa come cultura,  rispetto, giustizia e libertà e un simile rituale di barbarie perpetrato sulla Natura che sembra non tenere conto di cosa stia accadendo a livello globale e di quanto sia importante che ogni comunità sappia dare un esempio virtuoso per invertire il processo di degrado ambientale?  Mi auguro con tutto il cuore che la Vostra giurisdizione possa mettere fine a questo scempio e che la vostra immagine di Paese possa tornare ad essere un modello per le Comunità.  Un sincero ringraziamento.  Tutti i miei riguardi.  Francesca Cesaroni  (Scultrice e Psicoanalista italiana)  -------------------------------------- Your Majesty Margrethe II Dear Prime Minister Mette Frederiksen Dear Prime Minister Bárður á Steig Nielsen   I would like to make an appeal to your authoritative institutional offices and your consciences, after having seen the shocking images going around the world, showing the massacre of 1,500 dolphins, killed with ferocious cruelty in the bays of the Faroe Islands. Yes, I appeal to your consciences, because I still trust that the sense of humanity can prevail in our communities, preventing indifference and greed from taking all the space. This horrendous slaughter, which is repeated annually, was a particularly hideous spectacle of unprecedented severity, in a year that showed the consequences a constant and now barely controllable degradation of our global environmental reality has on our lives. WHY? Why does a country like Denmark, whose high degree of civilization is recognized by the global community, allow this heinous and disturbing spectacle to be offered to the eyes of the world? How can a high degree of civilization, understood as culture, respect, justice and freedom, coexist with a ritual of such barbarism that seems to ignore not only what is happening globally but each of our community’s responsibility to give a virtuous example as to reverse the degradation process? I hope with all my heart that your jurisdiction can put an end to this massacre and that your image as a country can once again become a role model for the communities. A sincere thanks. All my regards. Francesca Cesaroni (Italian sculptor and psychoanalyst)

francesca cesaroni
89,209 supporters
Update posted 2 weeks ago

Petition to Sindaco di Caresana, Sindaco di Chieuti, Sindaco di Asigliano Vercellese

BASTA CORSE DEI BUOI!

Corse dei buoi: quando tradizione fa rima con costrizione. Domenica 24 aprile a Caresana (VC) si è tenuta la "corsa dei buoi", una tradizionale manifestazione di questo comune piemontese che si tiene ogni anno addirittura dal 1236! È ora di dire basta!  Animali costretti a correre a suon di bastonate, per il divertimento degli umani. Corse pericolose sia per l'incolumità del pubblico e dei buoi, che possono subire incidenti e infortuni anche mortali (durante le prove per una di queste corse, un bue morì stremato, e nel 2018 a Chieuti un uomo è morto durante una corsa dei buoi), sia per il messaggio alla base di spettacoli come questi, cioè che si possano utilizzare gli animali per divertimento. Addirittura il 22 aprile anche a Chieuti, nonostante la tragedia avvenuta nel 2018, si è tenuta di nuovo la corsa dei buoi! I buoi non sono nati per essere costretti a correre, sono nati per essere liberi! Dopo la corsa dei buoi di Chieuti e Caresana, domenica 8 maggio ci sarà un'altra corsa dei buoi, questa volta ad Asigliano Vercellese.Firma la petizione per porre fine a questa tradizione di costrizione e sfruttamento nei confronti degli Animali. Chiediamo al sindaco di ognuna di queste città di mettere finalmente fine a questa arcaica tradizione, e che ai buoi in oggetto venga garantita la salvezza (no mattatoio!). LE ASSOCIAZIONI ADERENTI: (in aggiornamento)AIDAAA.M.A. ASSOCIAZIONE MUSETTI ALLEGRIANIMALISTI ITALIANIAVIAVI PARMAHORSE ANGELSLEALMETA MILANOMETA PARMAPARMA ETICARADIOVEG.ITSALVIAMO I MACACHI DI PARMAWORLD ANIMALS LOVE Clicca qui per il video di una corsa dei buoi:https://youtu.be/azteJZeXbBE Clicca qui per il video di una corsa dei buoi:https://youtu.be/fVWakCFe8Bk

Associazione Animalista
4,444 supporters
Started 2 months ago

Petition to

Donkeys and mules of Amalfi Coast: a life of toil and suffering

Donkeys and mules are cruelly used on the Amalfi Coast, where building materials have to be transported along narrow, steep paths sometimes having to walk thousands of steps. They are overloaded with quintals of building material that needs to be transported from one village to another at any temperature. Walking along the coast road, you can meet some of them while they are being loaded. Are they beaten? Well, if they seem not to be able to walk under a scroching sun and be fast (because naturally time is money) obviously they beat them! An animalist who talked about the hard work of donkeys and mules was censored by a local television company. Donkeys and mules have to toil and suffer in silence! But we humans, if endowed with a moral sense, can and must rebel for them. In Italy, an article of the penal code regarding animal abuse provides that "whoever, for cruelty or without necessity, harms an animal or subjects it to torture or fatigue that is intolerable to him, is punished with imprisonment from 3 to 18 months, or with a fine of between 5,000 and 30,000 euros. The penalty is increased by half if the animal dies because of this". Do the municipal administrations enforce the law? Are those who subject the animals to unbearable fatigue really fined in the end? The coast is beautiful, but for the donkeys and the mules it is hell. Each of us must take a stand for them. The coast thrives on tourism, but we only go there if they are able to behave like civilized people, not mistreating animals.

Eugenia Granito
2,185 supporters