Petitioning Sindaco di Cagliari and 2 others

Spostiamo la statua di Carlo Felice - Istesiemus s’istàtua de Carlo Felice

Premessa storica

Lo studio della storia della Sardegna così come si evince dagli scritti di Pietro Martini (Cagliari 1800 – 1866), ripreso poi da altri studiosi […] evidenzia “i limiti, i gravi difetti" di questo regnante di casa Savoia, rispetto al quale “Imbarazzo, prudenza, moderazione non riescono comunque ad attutire la durezza di un ritratto in cui Carlo Felice appare un pigro imbecille che <inclinato ai diletti … aborrì dalle cure che affaticandogli la mente gli turbassero per poco il lieto suo vivere>. Testardo, feroce, <un principe così fatto doveva per necessità diventare … servo dei ministri, ma ancora più dei cortigiani”.

Sempre lo storico Pietro Martini documenta che, Carlo Felice, divenuto re con l’abdicazione del fratello Vittorio Emanuele I, mirò a conservare e restaurare in Sardegna lo stato di brutale sfruttamento e di spaventosa arretratezza “con le decime, coi feudi, coi privilegi, col foro clericale, col dispotismo viceregio, con l’iniquo sistema tributario, col terribile potere economico e coll’enorme codazzo degli abusi, delle ingiustizie, delle ineguaglianze e delle oppressioni intrinseche ad ordini di governo nati nel medioevo”.

Di uguale giudizio è quanto racconta lo storico sardo Raimondo Carta Raspi: “Ai feudatari, da viceré, diede carta bianca per dissanguare i vassalli. Mentre a personaggi come Giuseppe Valentino affidò il governo: questi svolse il suo compito ricorrendo al terrore, innalzando forche soprattutto contro i seguaci di Giovanni Maria Angioy, tanto da meritarsi, da parte di Giovanni Siotto-Pintor, l’epiteto di carnefice e giudice dei suoi concittadini."

Una stridente contraddizione

Non esiste Paese al mondo in cui i tiranni, una volta deposti, trovano spazio nelle piazze e nella toponomastica delle città, eppure in Sardegna e a Cagliari, ancora oggi non si capisce come sia possibile che si dedichi a questo sanguinario personaggio del passato una delle principali strade della città, all’inizio della quale campeggia dal 1860 una statua bronzea da lui stesso voluta, senza peraltro che vi sia alcuna didascalia o targa informativa idonea a rendere riconoscibile la storia dello stesso.

La richiesta-proposta

Per le ragioni sopra esposte si chiede alla municipalità di Cagliari, nella figura del Sindaco e di tutto il Consiglio comunale, di farsi carico immediatamente:

-  della decisione di rivedere il posizionamento della statua di Carlo Felice, spostandola, anche attraverso donazione, in uno dei musei cittadini, corredandola di adeguata didascalia che permetta ad ogni visitatore del museo di prendere coscienza della storia di questo tiranno;

-  della decisione di rivedere la denominazione della strada “Largo Carlo Felice” con qualcosa che richiami un momento positivo della storia dell’Isola e della città, quale per esempio la data della cacciata dei Savoia  e che il Popolo Sardo, attraverso l'Assemblea del Consiglio Regionale, ha deciso di celebrare con “Sa Die de Sa Sardigna”;

-  di sostituire la statua di Carlo Felice con altro monumento idoneo a ricordare invece un eroe della lotta per la liberazione del popolo sardo dalle vessazioni dei dominatori succedutisi nei secoli, quale per esempio, lo stesso Giovanni Maria Angioy i cui seguaci furono perseguitati da Carlo Felice;

- di concordare con le istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado della città iniziative di informazione e formazione degli studenti sulla storia della città di Cagliari così da favorire la conoscenza e la crescita del senso di identità che oggi appare debole, effimero e non consapevole.

                  ---------------------------&&&&&&&&&&--------------------

Premissa istorica

S’istùdiu de s’istòria de Sardigna,  gasi comente si cumprendet dae sos iscritos de Pedru Martini (Casteddu 1800 – 1866), chi l’ant torradu a leare in manu, pustis, àteros istudiosos […] ponet in craru “sos lìmites, sas fartas graes de Carlo Felice”, chi, pessende a issu, “Isfartamentu, prudèntzia, moderatzione non resessint, semper a cando, a abbrandare sa duresa de unu ritratu in ue Carlo Felice aparet unu tontu mandrone chi <inclinadu a sos disvagos … s’est frantu dae sos impinnos chi, faghendeˑli peleare sa mente, aerent pòdidu turbare pro unu pagu sa vida sua ispassiosa>. Testorrudu, incainadu, <unu prìntzipe fatu gasi   deviat devènnere, a mala bògia, … tzeracu de sos ministros, ma galu de prus de sos cortesanos”.

Semper s’istòricu Pedru Martini documentat chi Carlo Felice, devènnidu re cun s’abdicatzione de su frade Vittorio Emanuele I, at punnadu a mantènnere e a restaurare in Sardigna s’istadu de isfrutamentu brutale e de arretratesa terrorosa “cun sas dègumas, cun sos fèudos, cun sos privilègios, cun sos tribunales clericales, cun su dispotismu de vitzerè, cun unu sistema tributàriu ingiustu, cun unu podere econòmicu ispantosu e cun  totu su chi nde sighit in contu de  abusos, ingiustìtzias, disegualidades e opressiones intrìnsecas a òrdines de guvernu nàschidos in s’edade mèdia”.

Su matessi giudìtziu lu dat s’istòricu sardu Remundu Carta Raspi: “A sos feudatàrios, cando est istadu vitzerè, lis at dadu ampra manu pro sangrare sos vassallos. In s’ìnteri at cunfiadu su guvernu a pessonàgios che a Giosepe Valentino: custu at cumpridu sa tarea sua cun su terrore, pesende furcas mescamente pro sos partidàrios de Giuanne Maria Angioy, a su pumtu de merèssere, dae bandas de  Giuanne Siotto-Pintor, s’epìtetu de botzinu e giùighe de sos cuntzitadinos suos."

Una   contraditzione iscandulosa

In peruna parte de su mundu sos tiranos, cando nche los ant bogados, agatant logu in sas pratzas e in sa toponomàstica de sas  tzitades. E belle gasi, in Sardigna e in Casteddu, galu oe non si cumprendet comente siat possìbile chi dèdichent a custu pessonàgiu sididu de sàmbene   una de sas  carreras printzipales de sas tzitade in ue, dae su 1860, dòminat  un’istàtua de brunzu chi issu etotu l’at cherta, sena chi, de su restu,  b’apat una  didascalia o una targa informativa chi siat a tretu de fàghere connòschere s’istòria de custa pessone. 

Sa rechesta-proposta

Pro sas resones craridas subra, si pedit a sa munitzipalidade  di Casteddu, in  sa  figura de su Sìndigu e de totu su Cussìgiu comunale, de leare deretu s’impinnu:

- de sa detzisione de cambiare su positzionamentu de s’istàtua de  Carlo Felice, ponendeˑncheˑla, fintzas cun  una donatzione, in unu de sos museos tzitadinos, ponende una didascalia adeguada chi permitat a cada visitadore de su museu, de leare cussèntzia de s’istòria de custa pessone;

- de sa detzisione de cambiare su nùmene de sa carrera “Largo Carlo Felice” cun unu chi fatzat pessare, imbetzes, a unu mamentu positivu de s’istòria de s’Ìsula e de sa tzitade, comente, pro nàrrere, pròpiu sa die de sa dispatzada de sos  Savojas dae sa tzitade e chi su Pòpulu Sardu, in s’ Assemblea de su Cussìgiu Regionale, at detzisu de tzelebrare comente “Sa Die de Sa Sardigna”;

- de sustituire s’istàtua de  Carlo Felice cun unu àteru monumentu chi siat a tretu de ammentare, imbetzes, unu eroe de sa luta pro sa liberatzione de su pòpulu sardu dae sas vessatziones de sos dominadores chi in sos sèculos sunt bènnidos unu in fatu de s’àteru;  podet èssere, pro nàrrere, unu monumentu a Giuanne Maria Angioy, chi at tentu sighidores ca funti istetius vìtima de sas persecutziones de Carlo Felice;

- de ammaniare pro mèdiu de acordos cun sas istitutziones iscolàsticas  de cada òrdine e gradu de sa tzitade, initziativas de informatzione e formatzione de sos istudentes subra de s’istòria de sa Sardigna e de sa tzitade de Casteddu, pro agiuare sa connoschèntzia e sa crèschida de su sensu de identidade chi como paret dèbile, efìmeru e non cunsapèvole.

(Sa tradutzione l'at fata Sarvadore Serra de su diretivu CSU)

This petition will be delivered to:
  • Sindaco di Cagliari
  • Amministrazione Comunale di Cagliari
  • Consiglio Comunale di Cagliari


    Per la conoscenza della storia della Sardegna started this petition with a single signature, and now has 1,395 supporters. Start a petition today to change something you care about.




    Today: Per la conoscenza della storia della Sardegna is counting on you

    Per la conoscenza della storia della Sardegna needs your help with “Sindaco: Spostiamo la statua di Carlo Felice - Istesiemus s’istàtua de Carlo Felice”. Join Per la conoscenza della storia della Sardegna and 1,394 supporters today.