Confirmed victory
Petitioning Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini and 4 others

SALVIAMO POMPEI! IL TEMPO STRINGE! Rischiamo di perdere 105 milioni di Euro cofinanziati dalla EU.

Pompei si sta sbriciolando giorno dopo giorno, ma i soldi a disposizione per salvarla (o perlomeno per iniziare a farlo) ci sono.

Si tratta di 105 milioni di euro stanziati dal Decreto Legge 8 agosto 2013, n. 91, detto  “Valore Cultura”,  convertito in Legge n. 112 del 7 ottobre 2013.  

Della cifra totale, 60 milioni derivano dalla riprogrammazione dei Fondi per la Coesione, mentre i rimanenti 45 milioni sono stati concessi dalla Commissione Europea in seguito alle richieste italiane e alla definizione di un piano d’azione, concordato con l’Esecutivo Europeo, nel quale si è accertata l’entità dei lavori necessari per la riabilitazione di Pompei.

L'obiettivo dell'investimento europeo è "conservare il sito [di Pompei] in quanto attrazione turistica sostenibile per la regione Campania" e per l'Italia.

Purtroppo i soldi messi a disposizione non sono a fondo perduto: o l’Italia sarà in grado di spenderli correttamente e nei tempi prescritti, o saranno allocati altrove, lasciando il paese a bocca asciutta e con l’onta della revoca subita.

Il termine ultimo perentorio per il totale utilizzo dei 105 milioni cofinanziati dalla Commissione Europea è il 30 giugno 2015.

Sempre secondo la legge n. 112/2013, il termine ultimo per la nomina del Commissario – Direttore Generale  del progetto “Grande Pompei” è il giorno 9 dicembre 2013.

In fase di conversione in Legge del Decreto, che originariamente non lo prevedeva, si è stabilito anche di dover nominare anche la figura del Vice Direttore Generale – Vicario.

Il ministro Massimo Bray ha dunque a disposizione pochissimo tempo, che ormai potremmo valutare addirittura in ore, per designare entrambe le figure di cui sopra.

I compiti del Commissario - Direttore Generale del progetto “Grande Pompei”, saranno, come da progetto comunitario, di gestire e supervisionare tutti gli interventi atti alla "preservazione, mantenimento e miglioramento" del sito archeologico.

La prima grande sfida che il neo-eletto dovrà affrontare sarà quella di riuscire in brevissimo tempo, esattamente entro il 31 Dicembre 2013, a  stilare il piano  di gestione degli scavi e presentarlo  all'Unesco. Se non si dovesse fare in tempo Pompei verrebbe inserita nella lista Unesco dei beni “in pericolo”, perdendo così gravemente di prestigio.

Più impegnativo ancora sarà certamente mettere in pratica tutte le azioni atte a portare a termine i lavori di restauro entro i termini. Bisognerà provvedere ad affidare correttamente, ma velocemente, i Bandi del grande progetto. In questo momento sono già stati aperti solo cinque cantieri, ai quali a metà del mese di dicembre si aggiungerà quello per la messa in sicurezza della Regio VII.

La questione della mancata nomina ha ormai raggiunto il ridicolo: è stato chiesto al Commissario Europeo alle Politiche Regionali Johannes Hahn che cosa pensasse dello sconcertante ritardo nella nomina del direttore generale italiano del progetto. Ecco di seguito le sue parole:

«Considero il progetto Pompei molto importante per l'Italia e il mondo. In particolare però è importante per la Campania, dove può generare nuovi posti di lavoro e trainare l'economia locale grazie ad un turismo di alta qualità. Ovviamente i ritardi non sono positivi e il tempo sta per scadere, visto che i programmi attuali termineranno alla fine del 2015».

Al fine di assicurare il futuro di Pompei, patrimonio dell'umanità e bene che tutto il mondo ci invidia, occorre fare pressione su coloro che possono intervenire in questa situazione di stallo.

Questo è esattamente il fine che questa petizione si propone, cercando di essere non una condanna o un giudizio, ma uno stimolo ad agire velocemente e per il meglio.

Letter to
Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini
Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano
Presidente del Senato della Repubblica italiana Pietro Grasso
and 2 others
Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana Enrico Letta
Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo della Repubblica Italiana Massimo Bray
SALVIAMO POMPEI !

Chiediamo la nomina entro il giorno 9 Dicembre 2013 del Commissario - Direttore Generale, e del Vice Direttore Generale – Vicario, per la messa in atto del progetto “Grande Pompei”, come previsto dal Decreto Legge 8 agosto 2013, n. 91, detto “Valore Cultura”, convertito in Legge n. 112 del 7 ottobre 2013.

Chiediamo altresì che venga rispettata dal neo-nominato Direttore Generale la data del 31 Dicembre 2013 per la presentazione all'Unesco del Piano di Gestione degli scavi di Pompei, al fine che si possa evitare l'inserimento nella lista dei siti "in pericolo" di Pompei.

Chiediamo infine che vengano messe in pratica tutte le azioni atte a portare a termine i lavori di restauro entro il termine perentorio del 30 Giugno 2015, previsto dalla Commissione Europea, al fine di evitare la revoca dei fondi concessi.