CANCELLAZIONE COME CATTIVO PAGATORE I MILIONI DI ITALIANI SEGNALATI DALLE BANCHE DATI EURISC CRIF CTC e EXPERIAN!

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.000.


Illustrissimi Governatori e Presidenti,

Ad oggi risultano circa 16.000.000 di Italiani segnalati nelle banche dati di Crif Ctc ed Experian.

Di questi, circa 6.000.000, nonostante emerga dai terminali e atti che abbiano regolarizzato la propria posizione debitoria (e conseguentemente gli Istituti di Credito non abbiano nulla a pretendere nei loro confronti) sono costretti a subire l’abuso della segnalazione per diversi anni come CATTIVI PAGATORI.

Ciò implica, ovviamente, che non possono accedere a nuovo credito, e questo comporta, oltre alla frustrazione di chi è coinvolto, un notevole danno dell’economia REALE!

Il fatto strano è che questo abuso dominante non è regolamentato da alcuna Legge Italiana e non rientra nei dettami della nostra Costituzione.

E’ solo un patto imprenditoriale tra gruppi di potere, perlopiù Banche e Finanziarie, avallato da alcune associazioni di consumatori (che molto probabilmente non hanno compreso l’entità della gravità dei documenti firmati a suo tempo), i quali hanno deciso autonomamente le sorti finanziarie di milioni di consumatori e aziende dando seguito ad un provvedimento del Garante (n.8 del 16.11.2004 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 23.12.2004 n.300 e successivamente modificato e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 09.03.2005 n.56).

Provvedimento proposto e sottoscritto da AISReC - ABI - FEDERCASSE - ASSOFIN - ASSILEA - CTC - ADICONSUM - ADOC - ADUSBEF - CODACONS - FEDERCONSUMATORI  per il Garante l'allora Presidente Rotodà il relatore Paissan e il Segretario Generale Buttarelli, documento consultabile link: https://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/1556693#n

Pertanto si richiede la modifica dell'articolo 6 comma 2 (conservazione e aggiornamento dei dati) del Codice in materia di protezione dei dati personali A.5. Codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti come segue:

2. Le informazioni creditizie di tipo negativo relative ai ritardi nei pagamenti, successivamente regolarizzati, possono essere conservate nel sistema di informazioni creditizie per un periodo non superiore a 30 giorni dalla regolarizzazione.  

Una semplice correttivo che risolverebbe il problema di 16.000.000 di Italiani, incoraggiati dalla possibilità di essere cancellati immediatamente alla regolarizzazione. 

Si ritiene che questo sistema “obsoleto e perverso” sia tra le cause principali arrecante danno all’intero sistema economico finanziario nazionale, nonché alla psiche e dignità dei milioni di italiani coinvolti, e quindi necessita di immediato cambiamento.

Oggi vediamo un intera nazione economicamente in ginocchio. Ma la maggior parte dei Politici, Economisti ed esperti italiani molto spesso, piuttosto che trovare soluzioni efficaci per i cittadini (come ad esempio questa proposta), impiegano tempo ed energie per litigare sterilmente tra loro!

E' impensabile una ripresa economica se a disoccupati, minorenni, studenti, casalinghe e altri soggetti che per natura non posso accedere al credito, aggiungiamo anche i 16.000.000 di segnalati.

Pertanto si ritiene sia di vitale importanza, per il futuro del nostro paese, ora come non mai, che la Commissione Europea e lo Stato Italiano accolgano in via definitiva la petizione lanciata provvedendo al dovuto correttivo.

Una volta ottenuto il via libera dalle Autorità competenti, la modifica del sistema di segnalazione aprirebbe un mercato di oltre 6.000.000 di italiani che risultano essere bloccati dall’attuale sistema di segnalazione, nonostante abbiano regolarizzato la propria posizione debitoria, permettendo agli stessi, di ritornare liberi di poter accedere a qualsiasi forma di credito.

Supponiamo che ognuno richieda un prestito di un importo medio pari ad euro 20.000,00 (ventimila) si inietterebbe liquidità nel sistema, per euro 120.000.000.000,00 (cento venti miliardi). Somme che transiterebbero nell’economia reale!

E' anticostituzionale il fatto che numerosi soggetti a causa di una temporanea impossibilità a pagare regolarmente i propri debiti finanziari pregressi (dovuti ad esempio ad eventi luttuosi, perdita di impiego, malattia, improvvise ed elevate spese famigliari, separazioni, tasse, ecc.) non possono  "PER MOLTISSIMI ANNI"  accedere a nessuna nuova formula di credito.

Tutto ciò accade a causa di un sistema "informatico" collegato a tutti gli Istituti di Credito, che provvede automaticamente a segnalare i soggetti coinvolti come CATTIVI PAGATORI
Questi servizi sono gestiti e offerti a pagamento dalle seguenti società informatiche CRIF spa, Consorzio tutela del Credito "CTC", ed EXPERIAN".
Ciò comporta a molti soggetti la frustrazione di vedersi negato un finanziamento anche di piccolo importo con una grande ricaduta negativa sul sistema economico finanziario nazionale. L'impossibilità di accesso a nuovo credito ha portato numerosi soggetti coinvolti a vedersi pignorare la propria abitazione principale con conseguenze disastrose in ambito familiare (facili da immaginare)!!!

Inoltre è decisamente anti democratico il fatto che un soggetto debba rimanere censito come cattivo pagatore anche fino a 3 anni nel sistema (A VITA NELLE BANCHE DATI INTERNE DELLA SOCIETA' FINANZIARIA E/O LA BANCA CHE HA EROGATO IL CREDITO! ASSURDO!!!!!!!!)
Ciò accade pur nonostante in molti dei casi il soggetto abbia provveduto a regolarizzare la propria posizione restituendo:

- il capitale finanziato

- gli interessi maturati

- gli interessi di mora

- le spese accessorie.

ASSURDOOOOOOO!!!!!

 
Pertanto credo che la presente petizione sia necessaria per fermare questo sistema anomalo e sotto certi aspetti perverso.



Oggi: Raffaele conta su di te

Raffaele Tafuro ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Professor Giuseppe Conte: CANCELLAZIONE COME CATTIVO PAGATORE I MILIONI DI ITALIANI SEGNALATI DALLE BANCHE DATI EURISC CRIF CTC e EXPERIAN!". Unisciti con Raffaele ed 1.464 sostenitori più oggi.