Libertà per Carola Rackete

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.000.


EN / DE / ES / IT 

29 giugno 2019: i rifugiati della nave di salvataggio “Sea Watch 3” finalmente riescono a sbarcare nel porto di Lampedusa. Le autorità italiane avevano proibito loro di attraccare nell’isola del Mediterraneo, motivo per cui sono stati obbligati a rimanere sulla nave per oltre due settimane. Alla fine la Capitana Carola Rackete si è opposta a questo divieto e ha deciso di attraccare nel porto. Una piccola imbarcazione della Guardia di Finanza ha provato a impedirle l’attracco. Successivamente Carola è stata arrestata con l’accusa di resistenza a nave da guerra in violazione delle leggi marittime. Ora rischia fino a 10 anni di prigione. Una donna che ha salvato 40 vite viene trattata come una criminale!

Rivedere le fotografie di quella notte mi hanno dato un grande conforto: alla fine i rifugiati sono stati salvati. Sfortunatamente, a questo è seguito un silenzio assordante. Una donna che, in un atto di totale altruismo, mette le vite altrui al di sopra della propria e del proprio futuro, che agisce mossa da empatia e compassione, questa ammirevole ragazza è stata tratta in arresto e ora è trattata come una criminale. Questo è il motivo per cui ho lanciato questa petizione. Le persone come Carola Rackete dovrebbero essere celebrati come degli eroi.

Per favore supportate la mia petizione: per difendere l’umanità e per chiedere il rilascio di Carola Rackete.