LAUREA TRIENNALE PER L'ESTETISTA DEL FUTURO. FIRMA ADESSO!

0 hanno firmato. Arriviamo a 10.000.


L’estetista oggi lavora con una legge vecchia di 30 anni, mai aggiornata!

Ci troviamo con un comparto di 70.000 estetiste, quasi tutte donne, che non possono crescere e non possono aumentare il PIL del paese, perché la legge che regolamenta questa professione è vecchia di 30 anni e mai nessuno ha voluto aggiornarla ai tempi d’oggi.

Nel 1990 si diventava estetista dopo la terza media, frequentando un corso professionale di 3 anni.

Oggi si rende necessario un percorso universitario, una laurea triennale: trattare il corpo umano nel 2019 richiede competenze non da scuola professionale.

Il Ministero dello Sviluppo Economico, il Ministero della Pubblica Istruzione, il Ministero del Lavoro e il Ministero della Salute hanno definito nel 1992 i contenuti tecnico-culturali dei programmi, dei corsi e delle prove di esame dell’estetista e da quel giorno nessuno si è mai preoccupato di aggiornarli.

Le estetiste attuali si aggiornano a proprie spese ogni anno e restano al passo con i tempi autonomamente, ma ciò non basta. Ci vuole un aggiornamento immediato della legge professionale dell’estetica L. n. 1 del 4 gennaio 1990.

SIAMO NEL TOTALE ABBANDONO!
VOGLIAMO CRESCERE E VOGLIAMO FAR CRESCERE L’ITALIA!

Le estetiste in Italia sono 70.000, quasi tutte donne e occupate presso 35.000 imprese.

Tutto ciò potrebbe triplicare in breve tempo, ovvero: il numero degli occupati, da 70.000 a 210.000 e si possono raddoppiare il numero delle imprese, da 35.000 a 70.000.

QUESTA MODIFICA, PER LO STATO, È A COSTO ZERO!

Questo comparto è il primo al mondo, l’industria della cosmetica è un vero e proprio gioiello tutto italiano e va salvaguardato.

Non possiamo accettare che si abbandoni questa categoria, senza preoccuparsi dello sviluppo e della crescita di queste imprese italiane.

Vogliamo la modifica della legge del 1990, che tenga conto solo ed esclusivamente dell’interesse collettivo e non dell’interesse particolare di qualcuno.

FIRMA LA PETIZIONE,
I GRANDI CAMBIAMENTI SI OTTIENE ANCHE DALLE PICCOLE COSE!