Vogliamo M49 VIVO!!!

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


 La Corte costituzionale ha intanto deciso sui due ricorsi del presidente del Consiglio dei ministri nei confronti delle Province autonome di Trento e Bolzano, relativi alle leggi sulla cattura e sull'eventuale uccisione degli orsi e dei lupi.La Corte costituzionale ha dichiarato non fondata la questione di legittimità costituzionale, giudicando che la disciplina provinciale contestata rientri nell'ambito delle competenze legislative statutariamente affidate alle Province autonome. Sono giudicate legittime le leggi provinciali di Trento e Bolzano che autorizzano il presidente della Provincia ad adottare provvedimenti riguardanti il prelievo, la cattura e l'eventuale uccisione degli orsi e dei lupi quando ricorrano le condizioni previste dalla normativa di derivazione europea in materia di conservazione degli habitat naturali. “In attesa di leggerne le motivazioni, prendiamo atto del pronunciamento della Corte Costituzionale sulle leggi ‘ammazza-orsi' e ‘ammazza-lupi' delle Province Autonome di Trento e Bolzano", il commento dell'Ente Nazionale Protezione Animali. "Per noi non cambia nulla. Continueremo a denunciare in ogni sede, anche nelle aule di giustizia, le situazioni di illegalità. A partire dalla vicenda dell'orso M49 che presenta tanti punti oscuriper quanto concerne non solo la cattura ma la stessa fuga”, si legge in  una nota. Tratto dal sito di fanpage

 

E ancora L'onorevole Michela Vittoria Brambilla dichiara "M49 CIRCONDATO, BRACCATO E SPAVENTATO: NESSUNA SCUSA E' BUONA PER UCCIDERLO!
L'orso non è un ergastolano in fuga, il Governatore Fugatti non è lo sceriffo e le valli del Trentino non sono il set di un western. L'animale è stato braccato, circondato e spaventato, nulla potrebbe giustificare il suo insensato abbattimento. L'erronea interpretazione alla sentenza della Corte costituzionale non attenua la gravità della decisione presa dal governatore: le procedure prevedono infatti l'utilizzo di metodi non cruenti e richiedono di seguire le direttive dell'ISPRA. L'uccisione di M49 non solo andrebbe contro la regolamentazione, ma anche contro tutti quegli italiani che, come me, sono contrari a questa assurda guerra contro gli animali selvatici, e che desiderano invece che il loro diritto alla vita venga rispettato"

M49 SIAMO CON TE