Chiediamo a mons. MARIO DELPINI di dimettersi e seguire l’esempio dei Vescovi del CILE

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


“…Il trasferimento da Rozzano a Legnano fu deciso da me in persona a seguito di una segnalazione da parte del Parroco – Don Carlo MANTEGAZZA – che mi aveva riferito di un ragazzo – di nome Alessandro – che aveva trascorso una notte a casa di Don Mauro GALLI; Don Carlo MANTEGAZZA in quella circostanza mi disse al telefono che Alessandro aveva poi segnalato presunti abusi sessuali compiuti da Don Mauro durante la notte…”

Non sono parole nostre ma la DICHIARAZIONE di mons. Mario DELPINI alla Questura di Milano – Squadra Mobile in data 24 ottobre 2014.

Mons. DELPINI dichiara dunque, sotto giuramento, di essere venuto a conoscenza di presunti abusi sessuali IMMEDIATAMENTE, ovvero entro due-tre giorni dall’accaduto (fatto avvenuto nel dicembre 2011)!

Mons. DELPINI, dopo aver ricevuto questa comunicazione, DECIDE di spostare il sacerdote in un’altra parrocchia: ancora a contatto con i minori!

Mons. DELPINI non denuncia in alcun modo il sacerdote: né alle autorità civili, né alle autorità ecclesiastiche. (Il procedimento canonico verrà avviato solo nel gennaio 2015: solo successivamente alla denuncia alla Procura della Repubblica fatta dalla vittima di Don Mauro Galli).

Mons. DELPINI, nei fatti, ha provato ad insabbiare il caso.

Don Mauro GALLI è stato giudicato colpevole in primo grado penale: 6 anni e 4 mesi!

Chiediamo a mons. MARIO DELPINI di seguire l’esempio dei Vescovi del CILE: dimettersi dall’incarico di Arcivescovo di Milano!

Chiediamo a mons. MARIO DELPINI di lasciare la guida della Diocesi di Milano!

Chiediamo a mons. MARIO DELPINI di sottoporsi al giudizio canonico previsto per i reati di omissione!



Oggi: Rete L'ABUSO conta su di te

Rete L'ABUSO ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Francisco Luis Ladaria Ferrer: Chiediamo a mons. MARIO DELPINI di dimettersi e seguire l’esempio dei Vescovi del CILE". Unisciti con Rete L'ABUSO ed 1.177 sostenitori più oggi.