Chiudiamo Pornhub e denunciamo i manager per favoreggiamento del traffico di esseri umani!

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.000.


Negli ultimi mesi ci sono stati diversi casi di filmati riguardanti violenze sui minori e di tratta di esseri umani che sono stati caricati e diffusi su uno dei più grandi siti pornografici: Pornhub. Una ragazzina di 15 anni che era scomparsa da anni, è stata infine ritrovata dopo che la mamma è stata avvertita che sua figlia compariva in un film presente sul sito: si è poi scoperto che su Pornhub erano presenti ben 58 filmati dove la povera ragazza veniva abusata.

Il suo aguzzino - che nei video abusava della ragazza - è stato identificato grazie all'utilizzo di telecamere di sorveglianza: al momento è in corso un procedimento penale nei suoi confronti.

Sempre recentemente è venuta alla ribalta la storia di 22 donne che sono state ingannate e costrette a girare filma luci rosse da Michael Pratt, proprietario del sito GirlsDoPorn: filmati che sono poi stati caricati su Pornhub. Queste donne hanno quindi fatto causa a GirlsDoPorn e hanno vinto un risarcimento da 12.7 milioni di dollari: secondo i giudici Michael Pratt è stato riconosciuto colpevole di produzione e diffusione di materiale pedopornografico. Al momento Pratt è scappato in Nuova Zelanda ed è inseguito da un mandato federale.

Ci sarebbero altri personaggi che dovrebbero però essere messi sotto giudizio: Feras Antoon e David Tassillo, manager dell'azienda Mindgeek che controlla il noto sito a luci rosse Ponrhub. Pornhub infatti è complice della tratta di queste donne e dello sfruttamento di questi minorenni.

Questa azienda, Pornhub, fattura milioni di dollari in pubblicità e sottoscrizioni e ogni anno riceve oltre 42 miliardi di visite ed ospita oltre 6 milioni di video. Nonostante questo Pornhub non ha adottato alcun sistema sicuro di verifica di età di coloro che prendono parte ai filmati che ospita sulle proprie pagine e da cui poi trae profitto.

Ad oggi tutto quello che Pornhub chiede come verifica è solo un indirizzo e-mail: nessuna carta d'identità o codice fiscale è richiesto per caricare e diffondere materiale video. In alternativa si può scegliere di diventare utenti verificati del sito semplicemente mandando una  propria fotografia, senza alcuna ulteriore verifica.

Tutto questo cosa significa?

Tutto questo significa che in questo preciso momento su Pornhub potrebbero circolare centinaia se non migliaia di filmati di minorenni vittime di tratta e abusi. Abbiamo già avuto qualche prova al riguardo, come raccontato prima, ma si tratta solo della punta dell'iceberg.

È venuto il momento di chiudere Pornhub e incriminare i suoi manager.

Laila Mickekwait, Direttore di Abolition, Exodus Cry

Questa iniziativa è supportata da oltre 50 organizzazioni che si occupano di combattere la tratta di esseri umani e di protezione dell'infanzia. Ulteriori informazioni sono disponibili qui: www.traffickinghub.com