Autonomia per la Galleria dell'Accademia di Firenze

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


L'associazione degli Amici della Galleria dell'Accademia di Firenze nasce nel 2017 per sostenere le attività del museo, con l'obiettivo primario di avvicinare i visitatori a questa importante istituzione, favorendone un'esperienza continuativa e di qualità.

Come associazione e gruppo di cittadini chiediamo al ministro Bonisoli di revocare la decisione di annullare l'autonomia della Galleria dell'Accademia di Firenze.

Nel 2015 in Italia è avvenuta un'importante riforma che ha comportato l'autonomia dei venti musei statali più importanti; a seguito di questa riforma si sono apprezzati evidenti e oggettivi risultati positivi, in termini culturali e gestionali. Ci saremo aspettati che il ministero proseguisse in questa direzione, guidato da una volontà di continuazione e di ulteriore miglioramento.
Da cittadini, prima di tutto, abbiamo sperimentato come l'interruzione improvvisa, la cancellazione del lavoro svolto in precedenza già con risultati vantaggiosi, sia dannoso per la comunità. Da sostenitori di questo importante museo e delle sue collezioni, abbiamo imparato che una gestione caratterizzata da autonomia favorisce e semplifica gli scopi primari della tutela, conservazione e promozione.

Oltre questi aspetti importantissimi sotto il profilo storico ed educativo, non possiamo non rilevare che la gestione del museo secondo il modello dell’autonomia ha prodotto risultati tecnici molto importanti e ne segnaliamo solo alcuni :

  • la capacità di far fruire il bene culturale in sicurezza da un numero di persone che si è incrementato notevolmente da 1.415.317 nel 2015 a 1.719.645 nel 2018
  • la difesa dell’immagine del David; per la prima volta in Italia una corte di giustizia si è pronunziata a favore della tutela dell’immagine di una bene di stato, spesso utilizzata per fini tutt’altro che nobili
  • l'avvio di essenziali lavori di impiantistica attesi da vari decenni
  • il controllo sulle gestioni dei servizi appaltati che non erano più stati sottoposti al vaglio di una gara da ventuno anni
  • l’acquisizione di nuove opere d’arte
  • la trasparenza di un bilancio annuale
  • un supporto di vicinanza della cittadinanza, mai conosciuto prima

Per tutti questi motivi chiediamo la revoca della decisione di annullamento dell'autonomia.

---

The Association Friends of David (Amici della Galleria dell'Accademia di Firenze) was founded in 2017 to support the museum activities, with the primary objective of bringing visitors closer to this important institution, encouraging a continuous and high-quality visiting experience.

As an association and a group of citizens, we ask Minister Bonisoli to revoke the decision to take away the autonomy of Galleria dell'Accademia di Firenze.

In 2015, an important Italian institutional reform was introduced giving the twenty most important state museums autonomy; as a result of this reform, clear and objective positive results were obtained, in cultural and managerial terms. We would have expected the Ministry to continue in this direction, guided by the will to continue and further improve.
As citizens, first of all, we have experienced how the sudden interruption, the cancellation of work previously carried out with beneficial results, is harmful to the community. As supporters of this important museum and its collections, we have learned that autonomous management promotes and simplifies the primary aims of preservation, conservation and promotion.

In addition to these aspects that are very important from a historical and educational point of view, we must recognize that the management of the museum following the autonomy model has achieved very positive technical results and we would like to point out only a few of them:

  • the ability to make use of the cultural heritage in safety by a number of people who have increased significantly from 1,415,317 in 2015 to 1,719,645 in 2018
  • the protection of the image of David; for the first time in Italy a Court of Justice ruled in favor of protecting the state property image (copyright) which is often used for anything but noble purposes
    the start of essential engineering works that had been delayed for several decades
  • control over the management of contracted services that had not been subject to an open tender procedure for 21 years
    the acquisition of new artworks
  • the transparency of an annual budget
  • citizen support and closeness never known before

For all these reasons, we are calling for the revocation of the decision to cancel autonomy.