Editoriale

2018: il preludio di altri grandi cambiamenti

Jan 20, 2019

Benvenuti nel 2019, anno in cui i cittadini italiani avranno la possibilità di esprimersi in varie elezioni locali e in quelle del Parlamento Europeo. Ma non saranno le uniche occasioni in cui i cittadini potranno dire la loro: da quando esistono piattaforme come Change.org – ormai da oltre 6 anni in Italia – le persone di tutti i giorni sono riuscite a far cambiare idea centinaia di volte a Ministri, Governatori delle Regioni, Parlamentari, Amministratori Delegati e molte altre figure in potere di cambiare qualcosa che stava a cuore a tanti. Dai un’occhiata all’infografica qui sotto: un pezzo alla volta stiamo cambiando l’Italia dal basso, costruendo la più grande comunità di cambiamento sociale del nostro Paese!

A ottobre dello scorso anno – qualcuno di voi se lo ricorderà – abbiamo mandato a tutti i nostri utenti un sondaggio per aiutarci a determinare quali dovessero essere le priorità del 2019. Quasi 47mila persone hanno partecipato! I temi emersi come più delicati per questo nuovo anno sono: inquinamento e rifiuti, disoccupazione, corruzione e sanità pubblica. Nel 2018 abbiamo potuto apprezzare quanto moltissime persone siano pronte a portare l’attivismo a nuovi livelli, integrando azioni online con manifestazioni, eventi e incontri formali. Un esempio è rappresentato da tutte le azioni lanciate dalle diverse promotrici delle petizioni del Movimento change.org/libere, nato quest’anno per proteggere i diritti delle donne.

Come fa Change.org a rimanere aperta e ad aver permesso a 130 campagne solo nel 2018 di raggiungere i propri obiettivi? Grazie a persone come voi: chiunque può sostenere la missione di Change.org di permettere a tutti di realizzare i cambiamenti che desiderano. Versando un contributo mensile a piacimento, migliaia di persone ci stanno aiutando a rimanere indipendenti da politici, organizzazioni e gruppi di potere. Per noi è indispensabile: come potremmo continuare a costringere i potenti ad ascoltare i cittadini se non fossimo liberi? Scopri di più qui. Se ti va di aiutarci a sostenere gli sforzi di chi promuove le petizioni – cittadini come te – unisciti ora! Insieme potremo raddoppiare l’impatto delle persone e portare in alto la voce di tutti.

Auguri a tutti per un 2019 pieno di altri grandi cambiamenti,
lo staff di Change.org in Italia

Se non visualizzi l’infografica qui sopra, puoi cliccare qui.

Se ti va di aiutarci, condividi questo post con chi ti segue su Facebook: