Decision Maker

Virginio Merola

  • Sindaco di Bologna

Does Virginio Merola have the power to decide or influence something you want to change? Start a petition to this decision maker.Start a petition
Petitioning Virginio Merola, Stefano Bonaccini, Midi SRL - Unipol Group, Pierluigi Stefanini

#OZNONSIFERMA: una casa per OZ Bologna. UNIPOL-CALPESTA-OZ

PETIZIONE POPOLARE – UNA CASA PER OZ BOLOGNA / oznonsiferma/ UNIPOL-CALPESTA-OZ OGGETTO Proroga della data di sgombero dello spazio Oz prevista per il 31/05/2018 e assegnazione di una nuova sede adeguata alle attività. AL SINDACO DI  BOLOGNA VIRGINIO MEROLA ALLA REGIONE EMILIA ROMAGNA AL COMPLESSO MIDI SRL AL GRUPPO UNIPOL I sottoscritti titolari dei diritti di partecipazione rivolgono la seguente petizione PREMESSO CHE:   -         Lo spazio sito in via Stalingrado 59, attualmente noto come OZ  Bologna, è stato gestito dall’Associazione Eden ASD per 5 anni con regolare contratto di Comodato d’Uso Gratuito, in totale legalità e tutelando con apposite assicurazioni i propri soci. -         Il recupero dello stabile in degrado iniziato da Ass. Planimetrie Culturali, è stato successivamente portato avanti da una cordata di associazioni coordinate da Eden ASD,  in completa autonomia sia dal punto di vista economico che di risorse umane. -         In 5 anni di attività è stato creato il Parco Sportivo per  sport  urbani e attività circensi più grande ed efficiente d’Europa,  una fucina culturale di produzione video, fotografica e artistica, uno spazio di aggregazione e socializzazione. -         All’interno dello spazio sono presenti numerose attrezzature tecniche di grossa mole il cui smantellamento richiede lunghe tempistiche (es. parete attrezzata da 200 mq per arrampicata, 1200 mq di tubi e pannellature per Parkour, ed altri) -         Lo spazio conta ad oggi più di 6000 soci presenti e attivi e produce mediamente più di 200 collaborazioni sportive lavorative annue. CHIEDIAMO: 1.     Proroga di almeno sei mesi sulla data di sgombero indicata al 31/05/2018 secondo il procedimento 119/1T . 2.     Individuazione e assegnazione di uno stabile adeguato al proseguimento di tutte le attività interne di OZ (sportive e culturali). 3.     Supporto Economico per lo spostamento delle strutture e materiali in nuova sede N.B. i punti 1 e 2 devono essere contemporanei ed imprescindibili.

OZ BOLOGNA
17,681 supporters
Victory
Petitioning Mayor Virginio Merola

Bologna, Italy Mayor: Tell Friendship City Seongnam, That We’re Opposed to Torture of Dogs

Bologna, Italy Mayor Virginio Merola:  Tell Friendship City Seongnam, South Korea, That We’re Opposed to the Torture and Consumption of Dogs and Cats. Il Sindaco di Bologna, Virginio Merola, manifesti alla Città Partner di Seongnam, in Corea del Sud, la propria opposizione alla tortura e al consumo di cani e gatti. Bologna, Italy became Friendship city to South Korea’s Seongnam in November 2015. Yet Seongnam, South Korea is responsible for the horrendous torture and killing of dogs and cats. The largest market in South Korea that sells dogs both dead and alive for meat is the infamous “Moran Market” in Seongnam in Gyeonggido-province. It is estimated that one third of all dog meat consumed in South Korea(2.5 million dogs each year) are distributed through this market. If you have ever wondered what a hell would be like, just take a visit or watch the videos on the Moran Market. This place is a “Hell on Earth” with helpless dogs in cages after cages waiting for the uncaring customers to order them to be slaughtered on the spot by electrocution, hanging, beating, and then thrown into boiling water sometimes while they are still alive. Dogs are being killed in full view of other terrified dogs in cages, in public and in broad daylight. Millions of dogs tortured all their lives in unimaginable misery and agony in dog farms around the country come to meet their tragic and frightening ends at this market. Also, many abandoned and stolen former pets end up in this market. Please watch the undercover videos from Seongnam’s Moran Market: http://youtu.be/UKSGgsjnJlY There are laws in South Korea against selling dogs and cats for consumption yet these laws are blatantly ignored. Please inform Seongnam Mayor Jae-Myung Lee and Gyeonggi-do Governor Kyung-Pil Nam that the City of Bologna and its citizens insist that South Korea and the City of Seongnam issue an official document mandating that the following existing laws be enforced: Livestock Product Sanitary Control Act, Article 2, Item 1 which governs the raising, slaughter and disposal of livestock and the processing, distribution and inspection of livestock products, does not categorize dogs as livestock that can be processed as food.  Therefore this makes the dog meat industry technically illegal.  Food Sanitation Act, Article 7, Clause 1, Korean Food Standards Codex specified by the Food and Drug Administration, does not include dogs in the list of raw materials that can be processed and cooked as food, therefore making raising and slaughtering dogs for consumption illegal. Animal Protection Act: ARTICLE 3. BASIC PRINCIPLES FOR PROTECTION OF ANIMALS Each person shall endeavor to observe the following principles in raising, caring for, or protecting an animal: 1. Each person shall ensure that an animal maintains its natural behavior and original physical shape to live an ordinary life; 2. Each person shall ensure that an animal does not suffer from thirst, hunger, or malnutrition; Each person shall ensure that an animal is free to express normal behavior without experiencing discomfort; 4. Each person shall ensure that an animal is free from pain, injury, and disease; 5. Each person shall ensure that an animal is free from fear and distress. ARTICLE 8. PROHIBITION OF ANIMAL ABUSE ① No one shall commit the following acts toward animals: 1. Act of killing by brutal methods, such as hanging 2. Act of Killing in public or in another animal’s presence ③ No one shall commit the following acts toward abandoned or abused animals: 1. Act of capture and sell or kill. 2. Act of trade or purchase knowing that the animals are abandoned or abused. ARTICLE 9. ANIMAL TRANSPORTATION ① Anyone transporting an animal that has been selected by decree from the Ministry for Food, Agriculture, Forestry and Fisheries must make an effort to abide by the following: 1. Ensure that the animals are properly fed, watered and drive carefully so that animals are not shocked or harmed from sudden departures or stops. 2. The vehicle used for transportation must be built to prevent any harm during transportation and to minimize any pain due to poor ventilation or sudden changes in temperature, etc. 4. Avoid any possible injuries while moving an animal and minimize any pain or discomfort, such as sudden changes in body temperature or difficulty in breathing. ARTICLE 46. PUNISHMENT ① Anyone who violates Article 8, Clause 1 through 3 shall be punished with up to one year in prison or a maximum fine of 10 million Korean won ($7,000 USD). Ministry of Environment's Conservation of Water Quality and Ecosystem Act,  Article 15 Clause 1 Item 2 and Article 78 Item 3, the act of discharging excrements, livestock wastewater, animal carcass, waste materials or sludge into public water is punishable by up to one year in prison or a maximum fine of 10 million Korean won ($7,000 USD). Livestock Safety Management Act, slaughterhouses are only authorized to slaughter animals they are registered to handle. No slaughterhouse is registered to slaughter dogs because dogs are not subject to slaughter under this law. We believe these demands are in line with the goal of friendship city to establish friendly communications in the areas of tourism, commerce, cultural exchange and public health. International and Korean media coverage of the brutal dog and cat meat trade in South Korea has stained South Korea’s image and severely tarnished your city’s friendship city relationship. The time to end this tragedy is now. Thank you for taking swift action. OGGETTO: Protocollo di Intesa tra la Città di Bologna e la Città di Seongnam. Richiesta di intervento per vietare il cruente e illegale mercato della carne di cane e di gatto a Seongnam. La invitiamo a guardare questa ripresa a telecamere nascoste effettuata all'interno del Moran Market di Seongnam, nella Corea del Sud: http://youtu.be/UKSGgsjnJlYLa città di Bologna non dovrebbe stipulare accordi di cooperazione con nessuna città che permette la tortura e il consumo di cani e gatti.E' necessario far sì che il Sindaco di Seongnam Jae-Myung Lee, e il Governatore della Provincia dello Gyeonggi-do Kyung-Pil Nam, chiudano il Moran Market, ovvero, il mercato della carne di cane di Moran, e tutti gli allevamenti e i macelli illegali, oltre che i mercati, i trasporti e i ristoranti che commerciano questo genere di prodotti.E' disponibile online una petizione che chiede il Suo sostegno per porre fine all’orribile mercato della carne di cane e di gatto in Corea del Sud: https://www.change.org/p/bologna-italy-mayor-virginio-merola-tell-friendship-city-seongnam-south-korea-that-we-re-opposed-to-the-torture-and-consumption-of-dogs-and-catsAttendiamo cortesemente una Sua risposta.Grazie per l’attenzione in merito, cordialmente.  --------------------------------------- Click HERE to find more ways to contact Mayor Virginio Merola and City of Bologna.  http://koreandogs.org/friendship-city-campaign-seongnam-south-korea-bologna-italy/ Click HERE to sign this petition in Italian:  https://www.change.org/p/sindaco-di-bologna-italia-manifesti-alla-citt%C3%A0-gemella-seongnam-la-nostra-opposizione-alla-crudele-consumo-di-cani For more info about the South Korean Dog and Cat Meat Cruelty visit: http://koreandogs.org/

KOREANDOGS.ORG
16,924 supporters
Petitioning Comune di Bologna

Trovare una soluzione alla crisi abitativa per gli studenti a Bologna!

*Scroll down for English* [IT] Ogni anno, nel mese di settembre, Bologna accoglie migliaia di studenti provenienti da tutto il mondo. Questi studenti giungono in città con grandi speranze per i propri studi e per investire nel proprio futuro. Ma, al posto delle bellissime sfumature di rosso che si possono apprezzare durante il giorno, Bologna mostra i suoi veri colori abbastanza presto… e non sono così belli. Molti studenti pagano a prezzi troppo elevati centinaia di alberghi, ostelli e affittacamere fino a che riescono a trovare una sistemazione stabile e questo processo può richiedere diversi mesi. A volte non si trova disponibilità di stanze anche avendo il denaro sufficiente. Una città europea che costantemente si vanta della propria storia e ospitalità abbandona gli studenti nelle mani di avidi proprietari e strutture commerciali come se tutti fossero dei ricchi turisti in visita per un paio di giorni. La città rossa, così famosa per le sue rivendicazioni e i movimenti ugualitari mette a dura prova le finanze dei suoi studenti al punto di spingerli a forme di accattonaggio per assicurarsi una stanza in sovrapprezzo o un posto letto in una stanza condivisa (si vedano, per esempio, i gruppi Facebook). Non è il caso di menzionare nemmeno il malfunzionamento del sistema di attribuzione di posti letto negli studentati gestiti dall’Azienda Universitaria ER-GO. È un caos totale ma sembra che a tutti vada bene l’attuale sistema di attribuzione dei posti perché “ha sempre funzionato così”. L’indifferenza verso questa terribile crisi abitativa deve essere fermata! Firma e condividi questa petizione per chiedere all’amministrazione di Bologna e all’Università di Bologna di risolvere questa crisi abitativa che dura ormai da troppi anni. Racconta la tua esperienza sulla città di Bologna in Twitter attraverso l’hashtag #MyBolognaExperience e tagga @Twiperbole @BolognaWelcome e @UniboMagazine. Chiedi di instaurare un meccanismo di controllo sui prezzi selvaggi imposti dagli affittacamere. Rivendica l’esigenza di trovare una soluzione temporanea per i periodi maggiore crisi abitativa (mesi di Settembre e Ottobre) per migliaia di studenti disperati obbligati a seguire i corsi e dare esami senza avere un posto stabile dove vivere e studiare. Agisci subito contro il maltrattamento degli studenti da parte della città di Bologna! *********** [EN] Solve the student accommodation crisis in Bologna! Every September, Bologna welcomes thousands of new students from all over the world. These students come to this city with high hopes for studying or living in better conditions. But instead of the beautiful shades of red you see during the day, the City of Bologna shows its true colors very soon and they are not so beautiful. Many students pay hundreds to overpriced hotels, hostels and guesthouses until they can find a permanent place and this process can take months. Sometimes there is no availability even if you have money. A European city that constantly brags about its glorious history and hospitality gives you up to the money-grubbing hotel and home owners as if you are a rich tourist visiting the city for a couple of days. The red city famous for its protests and egalitarian movements lets you down so spectacularly that after some time you practically start begging for over-priced rooms or beds at shared rooms (see the Facebook groups for reference). I’m not even going to mention the malfunctioning dormitory system managed by ER-GO. It is a complete mess but it seems they are content with it because “it has been like this for years.” The indifference towards this huge crisis needs to stop! Sign and share this petition to urge the City of Bologna and the University of Bologna to solve this decades-long student accommodation crisis. Tell the city about your experience in Bologna on Twitter with the hashtag #MyBolognaExperience and tag @Twiperbole @BolognaWelcome and @UniboMagazine. Tell them to establish a price control mechanism for home owners. Tell them that even a temporary solution for September and October would provide great relief for the desperate students, who are trying to attend classes and complete assignments while having no proper place to stay or to study. Take action against the mistreatment of students by the City of Bologna now! Photo credit: Michele Ursino

Olcay Özdolanbay
13,288 supporters
Closed
Petitioning Sindaco di Bologna, Italia

Dica a Seongnam, citta' partner, Corea S., che ci opponiamo alla tortura e consumo di cani

Sindaco di Bologna, Italia: manifesti alla città gemella Seongnam, Corea del Sud, la nostra opposizione alla crudele tortura e consumo di cani e gatti. Bologna, Italy Mayor Virginio Merola: Tell Friendship City Seongnam, South Korea, That We’re Opposed to the Torture and Consumption of Dogs and Cats. La città di Bologna ha stipulato un’accordo di amicizia con la città sudcoreana di Seongnam in Novembre 2015. Seongnam, provincia di Gyeoggido, Corea del Sud, è sede del più grande, infame e cruento mercato di carne di cane, ‘’Moran Market’’ che vende cani già macellati oppure vivi, affinché possano essere torturati dai clienti dopo l’acquisto. I corenani sono infatti convinti che più i cani soffrano, più proprietà avrà la loro carne. Cuccioli e gatti vengono gettati vivi in pentole d’acqua bollente per preparare cosiddetti ‘’elixir’’ per la salute. Si stima che un terzo di tutti i cani consumati in Corea (circa 2,5 milioni all’anno) vengano distribuiti attraverso questo mercato. Se vi siete mai chiesti come potrebbe essere l’inferno, semplicemente guardate i video filmati di nascosto nel mercato di Moran. Questo posto è stato denominato ‘’INFERNO SULLA TERRA’’ dove si vedono ogni girono innocenti cani indifesi ammassati in gabbie, esposti alla vista dei clienti del mercato che possono scegliere il loro cane vivo ed aspettare che lo macellino al momento, cani vivi esposti a lato di cani già macellati con un penetrante odore di carne cruda e sangue che permea l’aria. I cani vengono abbattuti nei modi più cruenti in presenza di altri cani vivi: folgorati, impiccati, bastonati e finalmente gettati in centrifughe con acqua bollente per rimuovere il pelo, la maggior parte delle volte, essendo ancora coscienti. I cani vengono ammazzati in pubblico, in piano giorno ed in presenza di altri cani. Milioni di cani torturati durante tutta la loro breve e violenta vita, obbligati a vivere in condizioni disumane, in assoluta miseria e agonia in allevamenti intensivi in tutto il paese, arrivano al mercato di Moran per trovare la loro tragica e violenta morte. Le vittime del commercio di carne di cane sono anche cani abbandonati o rubati che vengono venduti a macellai di questo mercato. Per favore, guardate questi video occulti ripresi nel mercato Moran a Seongnam: http://youtu.be/ywxeZ4iElok https://m.youtube.com/watch?v=UKSGgsjnJlY Esistono leggi in Corea contro la vendita illegale di cani e gatti per consumo umano, eppure queste leggi sono chiaramente e palesemente ignorate. Sindaco di Bologna, per favore informi il sindaco di Seongnam Jae-Myung Lee e il governatore della provincia di Gyeonggi-do, Kyung-pil Nam che la città di Bologna e i cittadini italiani insistono che la città di Seongnam e la Corea del Sud ordinino l’applicazione immediata e osservazione delle leggi di benessere animale esistenti: L’atto di controllo sanitario degli animali da macello, Articolo 2, parte 1 che controlla l’allevamento, macello ed eliminazione di bestiame ed elaborazione, distribuzione e ispezione di prodotti da macello, non categorizza i cani come bestiame che possano essere processati come cibo. Per questa ragione, quest’articolo rende l’industria di carne di cane tecnicamente illegale. L’atto di igienizzazione per alimenti commestibili, Articolo 7, Clausola 1, secondo il codice dell’amministrazione di alimenti commestibili, non include i cani nella lista di materie prime che possano essere elaborati, processati e cucinati come cibo, e perciò rende l’allevamento e abbattimento di cani per consumo unamo praticamente illegale. Esiste in Corea del Sud un atto di Protezione animale che include diversi articoli che dichiarano principi basici di protezione animale. Addizionalmente, l’atto di igiene e sanita’ di prodotti commestibili, dichiara che i macelli sono solo autorizzati ad abbattere animali che siano categorizzati come bestiame. Nessun macello tiene quindi autorizzazione per abbattere cani, in quanto i cani non sono soggetti a macello secondo la legge in vigore. Riteniamo che queste richieste basiche siano coerenti con l’oggetto dell’accordo di amicizia e collaborazione stipulato tra le due città per stabilire comunicazioni e scambi amichevoli nell’area del turismo, commercio, scambi culturali e igiene pubblica. I mezzi di comunicazione internazionali che hanno rilevato la brutalità del commercio di carne di cane e gatto di Seongnam, Corea del Sud, hanno macchiato l’immagine di questa città e messo in evidenza l’accordo stipulato dalla città di Bologna che rimane indifferente a tali atrocità. È arrivato il momento di porre fine a questa orrenda tragedia! Grazie per essere la voce dei cittadini italiani che si oppongono a questa barbarie. Esigiamo una presa di posizione da parte del sindaco di Bologna.  --------------------------------------- Clicca QUI per trovare più modi di contattare il sindaco di Bologna Virginio Merola: http://koreandogs.org/friendship-city-campaign-seongnam-south-korea-bologna-italy/ Per più informazioni sulla crudeltà del commercio di carne di cane e gatto in Corea del Sud, visita http://koreandogs.org/italian/ English Petition: Bologna, Italy Mayor Virginio Merola: Tell Friendship City Seongnam, South Korea, That We’re Opposed to the Torture and Consumption of Dogs and Cats.  https://www.change.org/p/bologna-italy-mayor-virginio-merola-tell-friendship-city-seongnam-south-korea-that-we-re-opposed-to-the-torture-and-consumption-of-dogs-and-cats 

KOREANDOGS.ORG
2,472 supporters
Petitioning Renato Mazzoncini, Virginio Merola, Stefano Bonaccini, Sergio Costa, Danilo Toninelli

Salviamo la storia delle OGR (Officine Grandi Riparazioni) di Bologna

La storia delle Officine Grandi Riparazioni che hanno sviluppato a Bologna la rigenerazione, riparazione e manutenzione del materiale rotabile delle Ferrovie dello Stato, inizia nel 1908, in via Casarini, 25, dietro alla Stazione Centrale dei treni. Una vicenda che ha attraversato due guerre mondiali e oltre un secolo nel quale ferrovieri e città si sono segnati reciprocamente in modo indelebile. La Resistenza all’occupazione tedesca, le lotte sindacali per il lavoro, ma soprattutto le battaglie per la salute degli operai. Solo nel 1979, grazie all’azione dei delegati sindacali delle OO.SS. e dei servizi di medicina del lavoro territoriali si è iniziato un percorso di confronto sulle gravi conseguenze del lavoro con l'amianto per i lavoratori, tenuti fino ad allora all'oscuro, per cambiare l'organizzazione del lavoro e con l'obiettivo di interrompere l'esposizione indebita fino all’eliminazione dell' AMIANTO dalle lavorazioni. Lo stabilimento (65 mila metri quadrati di capannoni di cui 18 mila nel solo edificio del 1908), e l'area di pertinenza, di proprietà di Ferrovie Italiane, ne sono ancora contaminati come dimostra la mappatura e come potrà emergere dall'analisi dei terreni (caratterizzazione). Negli anni ed ancora oggi, a causa delle lavorazioni con l'amianto si contano fra i lavoratori e le lavoratrici oltre 300 VITTIME, solo fra i lavoratori diretti delle Ferrovie. Un Museo allestito dai lavoratori e dalle lavoratrici nel corso degli anni è ancora ospitato all'interno delle Officine e rappresenta una testimonianza unica delle storie di vita, lavoro e lotte sindacali che hanno attraversato le Officine. Una battaglia importante e che ha avuto un impatto forte a livello nazionale nella conquista di diritti a tutela della salute dei lavoratori, ma che per troppo tempo è stata unicamente condotta dai lavoratori, dalle loro famiglie, dai sindacati di categoria ed oggi dall'Associazione Familiari e Vittime dell'Amianto Emilia Romagna. Da qualche mese lo stabilimento è stato chiuso e con esso il Museo e il patrimonio che esso rappresenta e custodisce. La necessità di conservare e trasmettere il valore del lavoro e della sua sicurezza ci richiama ancora una volta all'impegno. Dopo una vertenza sindacale durata 10 anni, che ha difeso l'occupazione ed il lavoro, l'attività è stata spostata in un altro stabilimento. Dal mese di luglio 2018 lo stabilimento OGR e l'area di via Casarini sono vuote. Il rischio è che la tragedia dell'amianto così come le lotte sindacali per la salute vengano presto dimenticate lasciando spazio al degrado e all'oblio e aprendo spazi a chi vorrebbe un intervento speculativo sull'area. Nel frattempo su sollecitazione di AFeVA ER e del sindacato alla Regione ed al Governo, il Parlamento nella legge di bilancio 2017 ha dichiarato sito di interesse nazionale (SIN) per la bonifica l'intera area delle Officine. Chiediamo quindi che nell'ambito del percorso previsto per il SIN venga accertato il reale stato di inquinamento dell'area e che vengano stanziate sufficienti risorse per realizzare celermente la sua Bonifica. Con questa PETIZIONE intendiamo richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica e delle istituzioni a sostegno di un recupero delle OGR di Bologna. Chiediamo al Gruppo FS che il Museo e i Monumenti ai caduti della resistenza e del Lavoro vengano mantenuti dove si trovano ora e che l’area venga totalmente bonificata dall’amianto e messa in sicurezza. Proponiamo infine che l’area e lo stabilimento (di interesse storico ed architettonico), oggi dismessi, vengano riconsegnati alla città per la creazione di un Polo culturale di interesse pubblico e per rispondere alle necessità sociali del quartiere e della città di Bologna. Tra i primi firmatari della petizione: Salvatore Fais (figura storica delle OGR), Simonetta Saliera (Presidente Assemblea Legislativa Regionale), Matteo Lepore (Assessore alla Cultura del Comune di Bologna), Valentina Orioli (Assessore all’Urbanistica e all’Ambiente del Comune di Bologna), Lorenzo Cipriani (Presidente Quartiere Porto – Saragozza), Fiorella Belpoggi (Istituto Ramazzini), Andrea Caselli (Presidente di AFeVA Emilia Romagna), Silvano De Matteo (Delegato RSU OGR) e Gennaro Cardone (Rappresentante dei Lavoratori alla Sicurezza OGR). Per informazioni sulla storia e sul recupero delle OGR è possibile contattare AFeVA ER afevaemiliaromagna@gmail.com

Storia OGR Bologna
2,460 supporters