Decision Maker

Marcello Pittella

  • Presidente Regione Basilicata

Does Marcello Pittella have the power to decide or influence something you want to change? Start a petition to this decision maker.Start a petition
Victory
Petitioning Stefania Giannini

Pasta Rummo in tutte le scuole! #SaveRummo

Il Pastificio Rummo di Benevento produce pasta da oltre 160 anni, rappresentando in questo settore una delle eccellenze del made in Italy. La notte tra il 14 e il 15 ottobre questa storica azienda è stata duramente colpita dal nubifragio che si è abbattuto sul beneventano. Tutta la struttura produttiva è stata invasa da acqua e fango, alcuni macchinari e prodotti sono andati distrutti. Lo stabilimento sarà inagibile per parecchio tempo, mentre centinaia di dipendenti sono attualmente senza lavoro. In tanti si sono già mobilitati per dare una mano ad azienda e lavoratori, invitando quante più persone possibili a comprare pacchi di pasta Rummo. Sono un medico nutrizionista, mi piace scrivere di cibo e nel 2014 ho vinto la terza edizione di MasterChef Italia. Promuovo quotidianamente la gastronomia italiana di qualità, il cibo sano nelle scuole, la tutela dei mercati e la diffusione della cultura del cibo. In questi ultimi due anni ho girato le scuole d'Italia per parlare di gusto. E non sempre nella mensa della scuola ci sono grandi sorrisi. Malgrado gli sforzi di tutti. Sono le materie prime a fare la differenza e, tra i prodotti industriali, nella pasta Rummo la differenza si sente.  Mi piacerebbe che le mense di tutte le scuole italiane si impegnassero a utilizzare la pasta Rummo per la preparazione dei primi piatti, sostituendola per il momento a quella che utilizzano attualmente. Con un’azione del genere potremmo dare un grande aiuto al pastificio e allo stesso tempo nutrire i nostri bambini con un alimento eccellente, insegnando loro il valore dell'aiuto reciproco. Potremmo, insomma, farci del bene facendo del bene. Con gusto.  Per questo mi rivolgo al ministero dell’Istruzione e ai Presidenti di tutte le Regioni italiane, ai Presidi e a tutte le mamme, invitandoli a raccogliere il mio appello e ad adoperarsi perché i gestori di tutte le mense scolastiche italiane compiano questo gesto di grande solidarietà. A far del bene c'è più gusto! #SaveRummo

Federico Francesco Ferrero
67,084 supporters
Closed
Petitioning Marcello Pittella, APT Basilicata, Fondazione Matera-Basilicata 2019

Innovare gli itinerari turistici regionali per sfruttare al meglio Matera 2019

Sono Rocco, uno studente di sviluppo e cooperazione internazionale che vive a Bologna ma che, col tempo, ha riscoperto l'amore per la sua Basilicata. Nella mia esperienza personale - che in pochissimo tempo mi ha portato dal voler scappare da una Regione che sembrava non avesse nulla da offrirmi al volerci tornare arricchito da nuove conoscenze per provare ad evitare che una prossima generazione senta lo stesso bisogno di fuggire - un evento in particolare è riuscito a rendermi ottimista, la candidatura di Matera come capitale europea della cultura per il 2019. Credo che tutti siamo consapevoli delle potenzialità che questa vittoria ha per lo sviluppo del turismo e dell'economia della Regione, per questo sono convinto che l'occasione non vada assolutamente sprecata e che, anzi, vada sfruttata per dare risalto a un'intera regione piena di potenziale inespresso. Sul come arrivare a questo obbiettivo ho riflettuto molto, ma senza mai arrivare a conclusioni abbastanza concrete da sottoporre a qualcuno con una petizione o anche solo una mail. A un certo punto però, tra un seminario sul turismo sostenibile e una collaborazione col Comune di Bologna in un progetto di comunicazione della PA, si è accesa una scintilla. Mi sono messo nei panni di un turista che non conosce la Basilicata ma che è stato affascinato dall'idea che Matera proietta all'esterno. Per arrivarci probabilmente dovrei servirmi dell'Aeroporto di Bari e molto probabilmente inserirei Matera come tappa giornaliera di una mia ipotetica vacanza in Salento, o magari resterei in città più giorni, ma avrei serie difficoltà a spostarmi in altre località lucane, sia perché magari non le conosco, sia perché senza un mezzo proprio sarebbero difficili da raggiungere. A questo punto ho pensato ai possibili itinerari che io suggerirei a un amico e ho iniziato a mettere in fila nomi come Metaponto, Pisticci, Craco, Policoro, Tursi, Nova Siri. Oppure Venosa, Melfi, Pietrapertosa o Maratea. Allora, per curiosità, ho cercato sul sito dell'APT se esistessero degli itinerari istituzionali, e li ho trovati. Li ho trovati però in un sito scarno, poco aggiornato e soprattuto privo di informazioni sui mezzi pubblici per raggiungere da Matera questi posti (http://www.aptbasilicata.it/Itinerari.66.0.html). La mia petizione dunque si rivolge al Governatore Pittella, all'APT regionale e alla Fondazione Matera-Basilicata 2019 per stimolare almeno una riflessione a riguardo, auspicando a una promozione turistica moderna e dinamica, che sappia intercettare i più giovani ma anche i turisti culturali, che credo possano essere il target che realmente potrebbe apprezzare il valore delle bellezze e delle tradizioni della nostra Regione. In conclusione specifico che la mia non vuole essere una critica - anzi seguo con interesse e apprezzo quanto sta facendo Basilicata Turistica - ma una segnalazione propositiva da parte di un lucano che crede nella scoperta di una nuova vocazione per la terra in cui vedo il mio futuro.

Rocco Pisilli
13,001 supporters
Closed
Petitioning Marcello Pittella, Nicola Valluzzi, Luigi Di Toro, Nicola Telesca, Livio Valvano

Dignità e sviluppo per i Laghi di Monticchio

I Laghi di Monticchio rappresentano una splendida località turistica che prima di Matera, di Castelmezzano e delle dolomiti lucane ha rappresentato un volano di sviluppo del Vulture e dell’intera Regione Basilicata. Da anni la località versa in condizioni di degrado, essendo priva di servizi e infrastrutture necessari alla fruizione turistica, oltreché allo sviluppo economico della stessa. Noi cittadini ci appelliamo al Presidente della Giunta regionale di Basilicata, Marcello Pittella, al Presidente della Provincia di Potenza, Nicola Valluzzi, al Sindaco di Rionero in Vulture, Luigi Di Toro, al Sindaco del Comune di Atella, Nicola Telesca, al Sindaco del Comune di Melfi, Livio Valvano affinché si intraprendano immediatamente i seguenti provvedimenti. - Abbattimento di tutti gli alberi pericolanti e rimozione di quelli già caduti su suolo demaniale che possono generare danni a cose e persone; - Pulizia del canale di scolo che ha provocato l’innalzamento delle acque dei laghi;- Pulizia dell’area di proprietà della Regione Basilicata in prossimità del lago Grande che faciliti l’accesso e la fruizione delle rive del lago da parte di turisti e abitanti del territorio;- Ripristino del manto stradale;- Ripristino delle banchine in legno sul lago grande;- Ripristino del guard rail divelto all’ingresso di Monticchio;- Ripristino delle staccionate del lago piccolo;- Ripristino della segnaletica stradale;- Assegnazione degli chalet in legno, realizzati con fondi PIOT nel 2015;- Assegnazione dell’area parcheggio realizzata con fondi PIOT nel 2015;- Messa in funzione dei bagni pubblici posizionati in prossimità del lago Piccolo (ISTMO);- Realizzazione di infrastruttura per la banda larga;- Realizzazione di isole ecologiche, con nuovi cassonetti per la raccolta differenziata;- Pulizia quotidiana delle strade e dei marciapiedi;- Pianificare di concerto tra gli enti coinvolti, l’APT Basilicata (Agenzia di Promozione Turistica) le politiche di sviluppo turistico ecosostenibile dell’intera area dei laghi e del Vulture.

Rionero 5 Stelle
3,415 supporters
Petitioning Marcello Pittella, Marcello Pittella, Raffaello De Ruggieri, Paolo Verri, Giovanni Oliva

Semplificazione SIAE per Matera 2019 "Liberare la CULTURA" dai vincoli SIAE per i piccoli spettacoli itineranti, eseguiti dal vivo, in piccole piazze o all'interno di spazi con pubblico inferiore alle 200 persone

_____________________________________________ Presidente del Consiglio di Gestione della SIAE Presidente Onorario SIAE Marcello Pittella Governatore della Basilicata Raffaello De Ruggieri Sindaco di Matera Paolo Verri Fondazione Matera2019 _____________________________________________ MATERA_2019  merita una CONVENZIONE speciale per la musica dal vivo Ripartiamo da dove si è fermato il Decreto "Valore Cultura"  del Ministro Bray(scaturito dalla Petizione Boeri)   Gentili Signori, i Rolling Stones, gli Who, gli U2, ma anche i Beatles (nel mitico Cavern di Liverpool) hanno cominciato a suonare nei pub e nei locali dal vivo, per qualche decina di ascoltatore sparso tra i tavoli o in piedi con una birra in mano. La musica, come ben sappiamo, non è un prodotto preconfezionato. Nasce in situazioni imprevedibili –un incontro casuale sui banchi di una scuola davanti a una pizza, sulla rete- e cresce in luoghi spesso occasionali: uno scantinato, un garage, una soffitta. Ma subito cerca, come l’ossigeno, un pubblico e uno spazio per mettersi in scena, magari davanti a pochi amici o parenti durante una festa, un matrimonio, una serata in un locale. Aiutare la musica a crescere, significa offrire a migliaia di giovani donne e uomini la possibilità di suonare in pubblico e dal vivo. Offrire loro spazi da cui possano sprigionare la loro linfa vitale. Sapendo che l’investimento in musica moltiplica i valori iniziali; perché la musica non è mai solo tempo libero e intrattenimento, ma una corrente che accende la vita degli spazi in cui scorre, produce lavoro, attira pubblico, incentiva il turismo e alimenta la creatività. La musica e i piccoli spettacoli di Teatro_Canzone sono in altre parole una parte fondamentale della nostra economia; con un indotto esteso e articolato, che non riguarda solo chi fa parte della filiera (gestori, producer, autori, promoter, discografici, editori, artisti…), ma coinvolge e beneficia chi la musica la ospita, la promuove, la pubblicizza. Eppure oggi in Italia fare EVENTI dal vivo è sempre più difficile. Un groviglio di permessi, licenze, autorizzazioni rende oneroso e complicato organizzare momenti di ascolto live : sia per chi la musica la fa che per chi la ospita. Genitili Signori Noi crediamo  che una CONVENZIONE SPECIALE tra la CAPITALE DELLA CULTURA EUROPEA e la SIAE sulla musica dal vivo sia oggi cruciale e innovativa anche per l'identità della cultura nazionale. Una CONVENZIONE che, in accordo con la SIAE e l’ex ENPALS (due oneri fissi per qualsiasi pubblico spettacolo) annulli le procedure burocratiche e i permessi per i locali – di qualsiasi tipo - che ospitano chi si esibisce dal vivo. Ci serve una CONVENZIONE, una normativa che stabilisca delle regole ragionevoli, come l’autocertificazione in rete degli spettacoli, una soglia massima di spettatori, orari condivisi per la musica su tutto il territorio nazionale; regole valide per tutti: gestori, artisti, fruitori, residenti.Anche perchè una legge siffatta saprebbe affrontare nel modo più efficace i disagi prodotti dai fenomeni della cosiddetta “Movida”. Moltiplicando nella città di MATERA e in tutto il territorio regionale l’offerta di spazi dove si propone spettali dal vivo (musica classica, rock, indie, jazz, blues, folk.. teatro_Canzone, clownerie, etc.) si diluirebbe infatti quella esacerbata concentrazione di folla attorno ai pochissimi locali in cui si può fare e ascoltare musica anche in ore serali. In Europa è già materia viva. In Inghilterra da qualche anno è in vigore una legge, la “Live Music Act”, che liberalizza e gli eventi di musica dal vivo con meno di 200 spettatori entro le ore 23 - e che incentiva le formazioni che si esibiscono “in acustico”. Una legge che ha già cambiato il panorama musicale delle città inglesi e che ha avuto nel nostro Paese una fortissima eco mediatica. Gentili Signori Voi, meglio di chiunque altro potreste scrivere  una CONVENZIONE SPECIALE tra MATERA e la SIAE sulla musica dal vivo. Sarebbe davvero, un “risultato culturale”. Francesco Da Matera - Abbondanza Frugale per Tutti - Movimento per la CulturAttiva

Francesco Lomonaco
2,677 supporters
Closed
Petitioning Graziano Delrio, Paolo Gentiloni, Vincenzo De Luca, Marcello Pittella, Dario Franceschini, Pier Carlo Padoan, Michele Emiliano, Gioia Ghezzi, Domenico Gambacorta, Nicola Rocco Valluzzi, Francesco M...

Ripristino tratta ferroviaria Avellino-Rocchetta S.Antonio

La linea Avellino-Rocchetta S.Antonio è stata per decenni una via fondamentale per il trasporto passeggeri e merci nel meridione d'Italia. Questa linea, che serve ben 3 regioni, è stata un punto di partenza per molte persone che a malincuore hanno dovuto lasciare la propria terra, i propri cari e i propri ricordi con destinazioni più disparate. Col tempo però ha perso traffico a favore della strada statale Ofantina che permette spostamenti più rapidi ma meno sicuri. L'arteria infatti si segnala da anni come particolarmente pericolosa in virtù dei molti incidenti, purtroppo, mortali che si verificano su questo tratto di asfalto. La messa in sicurezza della strada statale sarebbe la cosa da fare più logica ma anche la più complicata in quanto andrebbero allargate le carreggiate e la strada avrebbe costi di manutenzione e mantenimento del manto stradale forse anche più dispendiosi rispetto ai costi di gestione di una locomotiva e al salario del personale di bordo. Questi costi, inoltre, andrebbero ammortizzati almeno in parte tramite la vendita dei titoli di viaggio e nulla vieta che possa esserci quindi anche un utile. La tratta infatti è stata saltuariamente riaperta a scopi turistici in occasione di manifestazioni più o meno locali e il traffico passeggeri è risultato essere molto più che abbondante, tenendo presente che il potenziale stimato di passeggeri per i soli comuni direttamente interessati e di oltre 100.000 unità ma che subirebbe un incremento esponenziale se venisse considerato anche il bacino d'utenza interessato indirettamente come ad esempio il turismo della zona che sta conoscendo un lieve ma costante incremento e che potrebbe essere incentivato e valorizzato anche dall'aggiunta di questo servizio. In conclusione, questa piccola strada ferrata è molto più di quello che sembra a primo impatto. È una via di congiunzione tra passato, presente e futuro. È un ponte che unisce un territorio molto spesso abbandonato ed umiliato al resto del Paese.

Emanuele Leonardo Nannariello
121 supporters
Closed
Petitioning A RFI Al Sindaco di Potenza ing. Dario De luca Al presidente della Regione Marcello Pittella

Abolire il passaggio a livello di via Marconi e realizzare un sottopasso ferroviario

Tutti sanno che è pericoloso, molto pericoloso. Ma chi è che non ha mai attraversato (o ha avuto la tentazione di farlo) un passaggio a livello chiuso? D’altronde l’attesa, a volte, è veramente snervante. In effetti, i passaggi a livello ormai appartengono ad un altro tempo. La mobilità e le infrastrutture viarie sono profondamente cambiate rispetto al Dopoguerra. Già da diversi anni le Ferrovie hanno avviato un grande piano di chiusure. Le barriere vengono smantellate e, al loro posto, vengono creati sottopassi e cavalcavia. Una politica inevitabile per garantire maggior sicurezza. Anche nell’ultimo anno, infatti, non sono mancate le tragedie. Otto persone hanno perso la vita attraversandoli. Si tratta di cinque pedoni e tre ciclisti. La rimozione del passaggio a livello di via Marconi potrebbe essere concretamente effettuata, grazie all'investimento di 30 milioni di euro, interamente finanziato con l’aggiornamento 2016 del Contratto di Programma RFI-Minstero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Tale opera avrebbe sicuramente la funzione di migliorare la qualità della vita e la sicurezza dei cittadini di Potenza e dei tanti automobilisti che ne usufruiscono. Tale opera inoltre sarebbe un aiuto anche alla maggiore fruibilità della linea ferroviaria, riducendo i ritardi dovuti al sovente malfunzionamento del passaggio a livello e fluidificando i passaggi dei treni, che quotidianamente spostano centinaia di pendolari.

Davide Mecca
53 supporters