Decision Maker

Alberto Bonisoli

  • Ministero dei Beni e delle Attività Culturali

Does Alberto Bonisoli have the power to decide or influence something you want to change? Start a petition to this decision maker.Start a petition
Petitioning Alberto Bonisoli

Raccolta firme per non abolire le "Domeniche gratis al museo"

C'è chi in Italia crede veramente nella cultura. Per permettere veramente a tutti di poter accedere ad essa è fondamentale che iniziative come le "Domeniche gratis al museo" non vengano abolite, perché permettono a persone di tutte le età e di tutte le tasche di poter visitare i grandi poli culturali del nostro Paese, una volta al mese, in maniera del tutto gratuita. Affinché queste iniziative non vengano cancellate è sacrosanto che noi cittadini chiediamo al Ministro Bonisoli di non chiudere il programma a Settembre, come già annunciato.

Enrico Pagano
42,054 supporters
Petitioning Franco Bernabè, Giuseppe Conte, Alberto Bonisoli, Audrey Azoulay

Le mani dei braccianti e dei contadini patrimonio immateriale dell’Umanità

Gli episodi dei giorni scorsi hanno acceso i riflettori su un settore, quello dell'agricoltura, e su una terra, quella della provincia di Foggia, che ricevono per lo più attenzione per eventi spiacevoli. Noi giovani di questa terra vogliamo dare un segnale di speranza per le persone che la lavorano e la amano. Da qui l’idea di dare luce alle persone che, con fatica, raccolgono e producono il cibo che tutti mangiamo. Vogliamo che le mani dei braccianti e dei contadini di Capitanata diventino patrimonio dell’umanità! Vogliamo dare dignità e riconoscenza a chi ogni giorno lavora la terra, a chi la rende fertile, a chi la ama e la benedice.  “I vostri agrari e quelli di Cerignola vendono il loro grano o il vino allo stesso prezzo. Perché dunque voi dovete lavorare un maggior numero di ore e guadagnare di meno? Organizzatevi in grande massa, come i vostri fratelli di Cerignola, e otterrete anche voi gli stessi miglioramenti". Giuseppe di Vittorio “Abbiamo bisogno di contadini, di poeti, di gente che sa fare il pane, di gente che ama gli alberi e riconosce il vento. Più che l'anno della crescita, ci vorrebbe l'anno dell'attenzione” Franco Arminio. L’Italia è un popolo di poeti, navigatori, santi, contadini e braccianti: la terra per eccellenza del cibo buono e bello. Come sono belle le mani di chi raccoglie, di chi accarezza, di chi zappa e di chi feconda la terra. Sono mani dove è scritto un sapere antico, che si tramanda da generazioni, mani che hanno maturato un’esperienza che è diventata sapienza. Mani segnate dal vento, dall'acqua e dal freddo, mani impastate di terra e di sole. Le mani sono il simbolo del lavoro nei campi. La mano di un contadino e di un bracciante la riconosci subito: è imperfetta, piena di calli ed è indurita dalla fatica. Dietro quelle mani ci sono storie che hanno visto mondi vicini e lontani, storie di vita che hanno bisogno di dignità. Chiediamo al Presidente della Repubblica, al Capo del Governo, al Ministro delle Politiche agricole, al Ministro della Cultura, ai Presidenti delle Associazioni di categoria tutte e delle Associazioni datoriali, ai segretari di partito, un incontro per lavorare insieme al fine di far diventare le mani dei braccianti e dei contadini di Capitanata patrimonio immateriale dell’umanità UNESCO e di istituire il giorno dei braccianti e dei contadini. Il popolo italiano può dare un segnale di speranza alle giovani generazioni. L’Italia può scegliere di combattere il male con la bellezza, con gesti di attenzione a chi domani, per amore della propria terra, della propria famiglia e del proprio lavoro, si alzerà presto per continuare a produrre e a raccogliere il cibo che, ancora una volta, ritroveremo sulle nostre tavole.

Vazapp
25,434 supporters
Petitioning Alberto Bonisoli, Sergio Costa, Giovanni Toti, Matteo Cozzani, Karmenu Vella, Alfonso Bonafede

Salviamo una spiaggia per salvarle tutte, prima che sia troppo tardi #salvalespiagge

Regione Liguria e Comune di Portovenere (SP) hanno approvato una sanatoria con la quale si rende legale cancellare una spiaggia. Una massicciata abusiva, creata da privati per interessi privati, eliminerà definitivamente e per sempre la battigia frontale ad uno stabilimento balneare, che di fatto la occuperà per sempre. E' assurdo che si possa "legalizzare" un così pesante abuso sul demanio marittimo, impedendo la libera fruizione della fascia lungomare, tutelata per legge. L'Italia è un paese che deve tutelare le proprie coste, ma purtroppo ogni giorno le vediamo depredate da cemento, o altre opere, che impediscono di accedere liberamente al mare. Facciamo in modo che depredare o sanare tali abusi non sia più possibile, chiediamo una nuova legge a tutela delle coste e cominciamo a salvare questa piccola spiaggia in zona UNESCO per salvarle tutte. Per sapere di più su questa vicenda: la sintesi: http://partigianocivico.it/wp/index.php/2017/03/28/sporting-beach-portovenere-sp-comera-doveva-rimanere/ il dossier: http://partigianocivico.it/wp/index.php/category/spiagge/sporting-beach-portovenere/

Partigianocivico.it
20,221 supporters
Petitioning Alberto Bonisoli, Sergio Costa, Giovanni Toti, Matteo Cozzani, Karmenu Vella, Alfonso Bonafede

Salviamo una spiaggia per salvarle tutte, prima che sia troppo tardi #salvalespiagge

Regione Liguria e Comune di Portovenere (SP) hanno approvato una sanatoria con la quale si rende legale cancellare una spiaggia. Una massicciata abusiva, creata da privati per interessi privati, eliminerà definitivamente e per sempre la battigia frontale ad uno stabilimento balneare, che di fatto la occuperà per sempre. E' assurdo che si possa "legalizzare" un così pesante abuso sul demanio marittimo, impedendo la libera fruizione della fascia lungomare, tutelata per legge. L'Italia è un paese che deve tutelare le proprie coste, ma purtroppo ogni giorno le vediamo depredate da cemento, o altre opere, che impediscono di accedere liberamente al mare. Facciamo in modo che depredare o sanare tali abusi non sia più possibile, chiediamo una nuova legge a tutela delle coste e cominciamo a salvare questa piccola spiaggia in zona UNESCO per salvarle tutte. Per sapere di più su questa vicenda: la sintesi: http://partigianocivico.it/wp/index.php/2017/03/28/sporting-beach-portovenere-sp-comera-doveva-rimanere/ il dossier: http://partigianocivico.it/wp/index.php/category/spiagge/sporting-beach-portovenere/

Partigianocivico.it
20,221 supporters
Petitioning Sergio Costa, Alberto Bonisoli, Nicola Zingaretti, Sergio Mattarella

NO AGLI IMPIANTI DI TRASFORMAZIONE DEI RIFIUTI NELLA VALLE DEL TEVERE

Vogliamo fermare la cementificazione e la speculazione nel territorio della Valle del Tevere, in Sabina (terra di olio di oliva d.o.p.) dove insistono zone di interesse paesaggistico, archeologico e ambientale. Il comune di Ponzano Romano ha dato parere positivo rispetto all'interesse dimostrato dall'Azienda Sogliano Ambiente per la realizzazione di un impianto di trasformazione dei rifiuti in Bio-gas su un territorio di 6 ettari attualmente destinato a verde agricolo. Questo fa temere un forte impatto ambientale sul territorio interessato e sulle zone circostanti. Quali sono i vantaggi per i cittadini?  Il paesaggio è tutelato dall'articolo 9 della Costituzione della Repubblica Italiana. Inoltre, in un'area acquistata qualche anno fa dal gruppo Scarpellini, non molto distante dalla zona in questione dovrebbe sorgere un HUB Logistico di svariate tonnellate di cemento. Dobbiamo fermare tutto questo e sfruttare le potenzialità di questo territorio sostenendo i prodotti agroalimentari, il turismo culturale ed enogastronomico e non costruendo mostruosità con la falsa promessa di un aumento dei livelli di occupazione. Per maggiori informazioni www.tutelavalletevere.org AIUTATECI A SALVARE LA VALLE DEL TEVERE!

TUTELA VALLE TEVERE TVT
11,598 supporters
Petitioning Luigi Di Maio, Matteo Salvini, Giuseppe Conte, Alberto Bonisoli

La cultura non è una fregatura: MUSEI GRATUITI la DOMENICA!

Alberto Bonisoli, Ministro della Cultura, parlando di musei ha dichiarato: «Dopo l’estate elimineremo le domenica gratuite nei musei" e poi, motivando la sua decisione, ha aggiunto "se uno pensa di pagare una cosa e improvvisamente diventa gratis sembra un po’ una fregatura", "andiamo in una direzione che non piace a nessuno". Caro Ministro, ci ripensi! La cultura non è una fregatura, né per i turisti, né tantomeno per gli italiani.Questo provvedimento, entrato in vigore nel 2014, ha contribuito ad aumentare di 10 milioni il numero di visitatori nei musei italiani (dati MIBACT 2017), facendo crescere gli incassi di oltre il 40%, per un valore assoluto di quasi 60 milioni di euro in più nel periodo di riferimento. E’ quindi senza dubbio una grande vittoria da un punto di vista dei dati. Questa iniziativa, inoltre, ha permesso a molte famiglie di passare una domenica in modo diverso, ha attirato numerosi turisti, ma soprattutto ha dato la possibilità a moltissimi cittadini meno abbienti di poter fruire gratuitamente del nostro patrimonio culturale. Qualsiasi ulteriore passo dovrebbe andare nella direzione di aumentare la fruibilità dei musei italiani, anche e sempre più attraverso agevolazioni per chi non se lo può permettere, e non limitarla. Per questi motivi chiediamo al Ministro Bonisoli di ripensarci, evitando di porre un freno al desiderio di arricchimento culturale degli italiani, presupposto indispensabile per lo sviluppo e la crescita del nostro paese.

Pischelli In Cammino
3,195 supporters
Petitioning Alberto Bonisoli

IL BONUS CULTURA NON VA ABOLITO

18App è una risorsa molto importante per noi giovani studenti, una opportunità che abbiamo per pagare libri, canzoni, corsi, biglietti di spettacoli o concerti liberamente, cose a cui magari con la paghetta rinunceremmo a prendere, ma che il bonus cultura ci offre. Il Ministro della Cultura Alberto Bonisoli ha affermato «In alcuni casi era meglio spendere diversamente i soldi. Penso alla 18 App, i 500 euro in buoni da far spendere ai diciottenni. Vale 200 milioni... Meglio far venire la fame di cultura ai giovani, facendoli rinunciare a un paio di scarpe» (corriere.it).  Io non penso proprio che rinunciare a un paio di scarpe sia la soluzione, e se il neo Ministro pensa di voler fare dei tagli, allora può guardare da qualche altra direzione.  www.18appnonsitocca.it www.facebook.com/18appnonsitocca #18appnonsitocca    

Sebastiano Riva
2,357 supporters
Petitioning Massimo Bray, Nicola Lagioia, Alberto Bonisoli, Enrico Moavero Milanesi

Protestiamo per la presenza dell'Iran come ospite d'onore alla Fiera del Libro a Torino

La decisione di invitare l'Iran come ospite d'onore alla Fiera del Libro di Torino per il 2020 è un fatto gravissimo e senza precedenti in Europa. Si tratta di una dittatura e di un regime in cui non è possibile distinguere fra società civile e governo, dove vige la più spietata censura, dove molti scrittori e giornalisti sono stati condannati al carcere e alla tortura per svariati reati di opinione e che ha condannato a morte dal 1979 Salman Rushdie. Per questo ospitare l'Iran significherebbe legittimare quella dittatura che sopprime la propria popolazione e che finanzia il terrorismo in tutto il Medio Oriente. Un regime, l'Iran, che ha l'obiettivo ufficiale di distruggere Israele e di buttare a mare gli ebrei. Per questo nel 1979 hanno ucciso il cittadino ebreo iraniano Habib Elghanian appena presero il potere, per questo hanno compiuto attentati contro le comunità ebraiche in Argentina, per questo finanziano metà del budget di una organizzazione terroristica come Hamas che vuole distruggere Israele e lancia missili sul suo popolo, per questo in Libano hanno riempito Hezbollah di missili, per questo negano l'Olocausto. Mentre in tutta Europa assistiamo a una terribile ondata di antisemitismo e i simboli ebraici scompaiono, l'Italia non può consentire che questo regime sotto sanzioni ed embargo internazionale, un regime che brucia la bandiera con la Stella di Davide nelle sue manifestazioni pubbliche e che chiama Israele "cancro", diventi l'ospite d'onore nella sua principale fiera culturale. Si chiede pertanto la cancellazione di una decisione che disonorerebbe l'Italia e lancerebbe un pericoloso messaggio alla comunità internazionale.

Guido Errera Haschke
1,881 supporters
Petitioning Ministro Beni Culturali, Alberto Bonisoli

Salviamo Palazzo Trifiletti-Giovese, un gioiello nel cuore di Foggia

Il palazzo Trifiletti sorge a cavallo degli antichi fossati che delimitavano il borgo medievale riempiti con i detriti provenienti dalle demolizioni del devastante terremoto del 1731. L'edificio è di forma rettangolare compatta, con una corte interna sulla quale si affacciano i vari appartamenti. L'ingresso principale è quello di corso Garibaldi, costituito da un portale con arco a tutto sesto, ornato da una grossa cornice circolare in pietra, che immette nell’androne che si presenta con copertura a botte unghiata e con al centro dipinto uno stemma che si presume sia stato quello della famiglia Giovene. Da troppi anni e in uno stato di degrado ed abbandono, il tetto è crollato, dopo essere stato utilizzato da senza tetto come rifugio notturno, le finestre sono state murate e il portone sigillato. In seguito a piccoli crolli e cedimenti ora è recintato ed inaccessibile, e uno dei palazzi antichi più belli di Foggia, a due passi da palazzo di città, un gioiello che stiamo perdendo per sempre. L'interessamento delle istituzioni ci sembra l'unica strada percorribile per provare a salvarlo.

Vincenzo Saponaro
1,714 supporters
Petitioning Il ministro dei Beni Culturali Alberto Bonisoli

No all'abolizione della domenica al museo gratis!

La "Domenica al museo"  è una delle iniziative lanciate dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali per avvicinare i cittadini alle realtà museali e culturali di questo Paese. Dal 2014 ogni prima domenica del mese,  più di 400 musei statali sono stati aperti gratuitamente al pubblico, e visitati da oltre 10 milioni di persone. Un'iniziativa che ha consentito a tutti,  soprattutto a persone con un reddito basso,  di  fruire gratuitamente di parte del nostro patrimonio artistico. Ora il ministro Bonisoli ha dichiarato di voler sospendere questa iniziativa. Io vorrei chiedere al ministro di rivedere questa sua decisione,  di considerare che nel nostro paese esistono tanti cittadini che non possono permettersi di visitare un museo,  partendo dagli anziani e dalle famiglie numerose. Facciamo sì che la cultura resti un patrimonio di tutti,  e non solo di chi può permetterselo. 

Lucia Di Leva
1,574 supporters