No antenne selvagge nel Comune di Pianiga e in tutta Italia!

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


In tutta Italia spuntano ovunque antenne per la telefonia, spesso costruite velocente e senza avvertire i residenti nelle vicinanze. Chiediamo che questa prassi cessi immediatamente e che gli operatori telefonici e le amministrazioni pubbliche informino sempre i cittadini, prima della realizzazione di queste opere. Vi raccontiamo la nostra storia che abbiamo tristemente scoperto essere identica a quella di molti altri connazionali.

Improvvisamente, senza che nessun cittadino ne fosse a conoscenza, a marzo 2018 sono iniziati i lavori di installazione di un'antenna di 26 metri, all'interno di un quartiere residenziale a Cazzago di Pianiga  (VE). Il colosso di ben 26 metri, sorge a 100 metri dalla nuova  casa di riposo, nelle vicinanze di un asilo  nido  e tra  le abitazioni dei residenti, dove abitano anche molti bambini che giocano quotidianamente all'aria aperta. Come appreso dal cartello di cantiere e successivamente dall'accesso agli atti, l'operatore che ha iniziato e sta ultimando l'opera è Wind Tre SpA. L'enorme  palo permetterà l'installazione di ben  tre antenne  tribanda da 128 W l'una e già pronte, attraverso l'eventuale montaggio di opportuni filtri, a coprire le 5 bande a disposizione (aumentando ovviamente le potenze in gioco). I residenti che, appena appresa la notizia hanno depositato e protocollato presso il proprio Comune ben 308 firme contrarie all'opera,  si sono costituiti in comitato spontaneo con il nome di "TUTELA SALUTE E TERRITORIO". Non siamo contrari a questo genere di opere ma crediamo che la salute e l'informazione siano diritti fondamentali di ogni essere umano. Chiediamo a gran voce che:

1) Questo apparato, che sorge nel giardino di un residente del quartiere e a ridosso delle abitazioni, oltre che di altri siti sensibili, venga immediatamente rimosso, prima o dopo la sua ultimazione.

2) Che venga inserita nella legge 259/2003 (e in tutte le relative normative in materia), un valore di distanza minima di sicurezza dalle abitazioni ed altri punti sensibili (ospedali, scuole, ecc...)

3) Che tutti i Comuni d'Italia siano obbligati alla pubblicazione del proprio "piano antenne", che preveda anticipatamente la locazione delle stazioni radiobase per la telefonia mobile. Ovviamente informando pubblicamente tutti i cittadini coinvolti ad ogni nuova installazione. Sia su proprietà comunale che privata.

Contiamo sull'aiuto e sulla sensibilità di tutti i cittadini, non solo di Pianiga. Chiediamo di essere informati ed ascoltati ma soprattutto chiediamo la rimozione immediata di questa antenna in Via Cazzaghetto a Pianiga. Riteniamo che questi apparati debbano sorgere lontani dalle abitazioni, tutelando la salute di chi vi abita per molte ore al giorno.

I cittadini non hanno bisogno di ulteriori emissioni elettromagnetiche ad alta frequenza, essendo la zona già sufficientemente coperta dalla rete cellulare di tutti i principali gestori, ne hanno mai espresso il desiderio potenziamento della rete stessa.

Grazie

TUTELA SALUTE E TERRITORIO



Oggi: Francesco conta su di te

Francesco Minichiello ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Wind Tre SpA: No antenne selvagge nel Comune di Pianiga e in tutta Italia!". Unisciti con Francesco ed 698 sostenitori più oggi.