Vogliamo un'indagine per il disastro ambientale in Kamchatka!

0 hanno firmato. Arriviamo a 300.000.


RU / FR /EN

Il 29 settembre sulla rete sono apparsi i primi messaggi che parlavano dello stato della spiaggia Khalaktyrsky, situata nel territorio della Kamchatka in Russia. Secondo testimoni oculari, si osservavano  moltissimi animali marini morti sul litorale. Inoltre, i surfisti sulla spiaggia si sono lamentati di problemi alla vista dopo l'esposizione all'acqua, sintomi di avvelenamento e febbre alta. In molti casi, i medici hanno fatto una diagnosi di "ustione chimica corneale".

Il 30 settembre, il Ministro ad interim delle Risorse Naturali e dell'ecologia del territorio della Kamchatka ha riferito sui risultati del campionamento dell'acqua e della valutazione della qualità delle acque marine costiere in quest'area: "... in uno dei campioni è stato riscontrato un eccesso di quasi 4 volte per i prodotti petroliferi, in due campioni - un eccesso del doppio legale per i fenoli. Durante l'estrazione dei campioni, il vetro della vetreria chimica è stato ricoperto da una sostanza oleosa di colore giallo brillante, che, secondo i colleghi, potrebbe indicare la presenza nell'acqua di un inquinante simile per proprietà all'olio industriale".

Il 1° ottobre, per conto dell'ufficio del procuratore regionale, l'ufficio del procuratore ambientale inter-distrettuale della Kamchatka ha organizzato un controllo delle informazioni dei media sull'inquinamento delle acque oceaniche nell'area della spiaggia di Khalaktyrsky.

Il 2 ottobre i dati aggiornati dell'analisi chimica dei campioni d'acqua hanno confermato un aumento di circa 2,5 volte per i fenoli e di 3,6 volte per i prodotti petroliferi.

Il 3 ottobre è stato pubblicato un post sui social network del Ministero delle risorse naturali e dell'ecologia del territorio della Kamchatka, che sostiene: "Il colore dell'acqua è normale, l'odore dell'aria è normale, la spiaggia è completamente pulita", che contraddice la testimonianza dei subacquei che rivendicano migliaia di animali morti.

Il fatto che l'inquinamento sia in corso da più di due settimane, nonostante le ultime due tempeste, potrebbe indicare che si tratta di una perdita e non di un rilascio occasionale. Il fatto che gli animali siano morti in massa suggerisce che si tratta di una potente tossina.

Foche dagli anelli morte e polpi giganti gettati fuori dall'acqua sono stati trovati sulla riva. Pesci morti, molluschi e ricci di mare sono stati trovati morti sott'acqua. Se la perdita non si interrompe, potrebbero essere colpiti più animali di varie specie, da numerosi invertebrati a mammiferi così grandi come le orche, le cui rotte migratorie passano vicino alle acque colpite.

Nonostante le valutazioni della qualità dell'acqua in corso, la fonte e la causa della perdita rimangono sconosciute. Fino a quando non verrà controllata ed eliminata, la situazione potrebbe peggiorare e la distruzione dell'ecosistema della Kamchatka continuerà. Inoltre, con un ulteriore sviluppo, la tragedia potrebbe interessare le zone d'acqua delle regioni adiacenti e / o il mare aperto, al di là del territorio della Federazione Russa.

Chiediamo che vengano prese misure per chiarire ed eliminare le cause dell'incidente!