Firenze Rocks Visarno: pedana per disabili troppo lontana!

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


Lo sapete che le persone disabili in sedia a rotelle non hanno la possibilità di scelta, nonostante paghino il biglietto, di dove stare per assistere ad un concerto? Sono obbligate a stare recintate su una pedana o in un’area posta, praticamente sempre, in punti distanti dal palco da dove vedere diventa impossibile. Per chi se lo stia chiedendo: no, non è possibile acquistare neppure i vip ticket o i biglietti a costo maggiorato che consentano, laddove previsto, il posto più vicino al palco. Le persone in sedia a rotelle sono costrette a stare dove “vengono messe”. Qualcuno vuol farla passare per sicurezza, ma abbiamo esempi positivi dove i disabili sono collocati in area sicura transennata sotto il palco. Quanto meno vorremmo anche noi, pagando il biglietto, la libertà di scelta. Stiamo raccogliendo firme per fare un piccolo, ma importante passo in avanti per cercare di risolvere una delle situazioni peggiori: quella di Visarno Firenze Rocks perché la pedana è lontana anni luce. Per chi ama andare ai concerti vuole goderseli e non a caso una valanga di persone fanno la fila per ore e corrono come se fossero alle Olimpiadi per poter stare sotto il palco. Sì, perché lì, alla transenna, è tutta un’altra storia! Poter vedere da vicino il tuo cantante o gruppo preferito, poterlo guardare negli occhi e lasciare che la musica ti trapassi il cuore. Sotto lo stesso cielo, migliaia di anime unite all’unisono dalla stessa passione che cantano e condividono una serata volta allo stare bene, al divertimento, al cancellare tutto ciò che di negativo può esserci nella vita di ognuno. Cantare liberamente senza vergogna, sapendo di non essere giudicato. Ecco, su una pedana recintati, raggruppati lì tutti assieme come appestati, su una pedana lontana ai margini ci sentiamo esclusi, indesiderati e tristi ed arrabbiati perché non avremo mai la possibilità di stare sotto il palco. Ci sentiamo spettatori indesiderati di una festa che si tiene al centro. E poi si parla di inclusione... Proponiamo un’area sicura recintata sotto il palco! Molti disabili non vanno più ai concerti per questo: pagare per vedere male e provare tristezza e rabbia... Crediamo che tutto questo debba cambiare, che l’unione fa la forza e che la musica unisca più di ogni altra cosa! Vi chiediamo dunque di firmare questa petizione per iniziare a cambiare concretamente ciò che non va e che si può risolvere solo volendolo. E siamo certi che con questa raccolta firme l’organizzatore del Firenze Rocks Visarno porrà rimedio! Grazie in anticipo! 

Quelli di #sottoilpalcoancheio (pagina Facebook e account Instagram che vuole cambiare la situazione dei disabili ai concerti... libertà di scelta)

Dai un’occhiata alla pagina Facebook