NO AL PROGETTO SPECULATIVO SULL'EX CASERMA MAZZONI!

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


Basta speculazione! Vogliamo un Quartiere vivibile e sostenibile!

Il 17 aprile si è svolta la Commissione Assetto del Territorio del Quartiere Santo Stefano, occasione nella quale come cittadini e cittadine siamo stati informati del progetto relativo all’ex caserma Mazzoni e di cui il Comune di Bologna dovrebbe approvare il Piano Urbanistico Attuativo entro la fine dell'anno.

Il progetto prevede la costruzione all’interno dell’ex caserma Mazzoni di ben 195 appartamenti suddivisi in 7 grandi palazzoni che occuperanno il 70% della superficie e di un’area per scopi commerciali, compensati (come “contentino”) dalla costruzione di 20 alloggi per il social housing, una piccola scuola secondaria con annessa palestra e il recupero dell’ex nido Rizzoli in Villa Mazzacurati (abbandonato e in stato di degrado da più di 10 anni e altrove rispetto l’area dell’ex Caserma Mazzoni).

Ma non solo: il progetto prevede l’abbattimento di ben 101 alberi che anche nel caso in cui venissero compensati a norma di legge, potrebbero acquisire solamente tra 10 o 15 anni la capacità di assorbimento dell'inquinamento della vegetazione esistente!

Inoltre, secondo gli studi fatti, l'aumento previsto di 1085 autoveicoli al giorno nella zona farebbe respirare ai noi cittadini una tonnellata di smog in più all'anno.

  • Chi ha acquistato casa da poco (magari con i risparmi di una vita) la vedrà deprezzata.
  • Il cantiere rovinerà il sonno, la vivibilità e l’agibilità di chi ci abita.
  • Il progetto, se realizzato, metterà a rischio la nostra salute.

Come si può pensare di fare una tale colata di cemento per costruire centinaia di appartamenti, in una città che secondo la stima di Confabitare conta circa 7.000 alloggi vuoti e come noto, proprio in queste settimane, ci sono migliaia di studenti fuorisede che stanno lasciando la città perché costretti a seguire le lezioni online?

L’ex caserma Mazzoni è tristemente vuota da decenni, come del resto le altre grandi ex caserme cittadine di proprietà di Cassa Depositi e Prestiti: sono luoghi costruiti con danaro pubblico che invece di essere accessibili alla cittadinanza in quanto beni comuni (in un contesto dove avremo sempre più bisogno di spazi aperti), vengono lasciati vuoti in attesa di riuscire a privatizzarli perseguendo le vecchie logiche del mattone.

Questo progetto è calato dall’alto, senza che ci sia stato un confronto reale e un percorso di partecipazione con noi chi vive nel territorio: noi vogliamo dire la nostra e immaginarci il futuro di quest’area, ma la condizione per fare questo è blocco immediato di questo progetto e l'avvio dell'iter modificativo del P.O.C., per darci la possibilità di affermare un altro modello di città, più vivibile e sostenibile!

Per compilare una proposta sull’ex Caserma Mazzoni: https://forms.gle/D4M2Qn5qurd1wAo26

Mail: excasermamazzonibenecomune@gmail.com

Facebook: Ex Caserma Mazzoni Bene Comune

Sito Web: https://excasermamazzonibenecomune.wordpress.com/