Salviamo il Mercato di Primavalle I

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Il mercato romano di Primavalle I è nel cuore del quartiere, tutti gli abitanti lo conoscono, racchiude la storia del posto e negli ultimi anni grazie allo sforzo dei commercianti rimasti e di alcune associazioni è rimasto vivo. Lo scorso anno il Comune di Roma e il Municipio XIV hanno iniziato dei lavori di ristrutturazione che dovevano essere
condivisi, purtroppo i tempi dei lavori e l'entità di questi sono cambiati in corso e i disagi sono diventati molto pesanti. Quello che doveva essere il rilancio della struttura e che avrebbe dovuto portare all’assegnazione di nuove licenze, ha paralizzato le attività, messo in difficolta i commercianti e sfiduciato la cittadinanza, che chiede trasparenza sul progetto finale dell'amministrazione e un confronto vero su ciò che sta avvenendo in un luogo così importante per tutti. Ma soprattutto chiede di tutelare, di ascoltare, di aiutare quei commercianti che sempre hanno con fatica portato avanti il mercato e resistendo alle crisi, non lasciando i loro banchi, hanno permesso al Mercato di non chiudere. Oggi il Mercato di Primavalle I è un cantiere pieno di calcinacci, quando i lavori dovevano essere terminati da tempo, e rischia di dover sopportare questa situazione per un periodo molto lungo, senza sapere cosa sarà realmente del proprio destino, i commercianti stanno vivendo una crisi delle vendite e rischiano la chiusura, gli abitanti sono privati di un centro di aggregazione storico, dal valore umano, culturale e affettivo inestimabile, soprattutto se rapportato ai centri commerciali moderni, concorrenti e in espansione su tutto il territorio.

Chiediamo pertanto:
trasparenza e partecipazione sul futuro del Mercato di via S. Igino Papa;
un incontro pubblico tra commercianti e rappresentanti municipali per condividere lo stato dei lavori in corso e futuri in modo chiaro;
la massima tutela dei commercianti e la possibilità per chi lo volesse di sospendere la licenza e il pagamento del canone di locazione fino al termine dei lavori, senza perdere i diritti acquisiti;
la tutela e la cura della struttura e delle opere di Street art presenti sulle sue pareti esterne.