Petition Closed

Vigevano, mensa gratis a scuola per i bambini più poveri

Nel marzo del 2011 il Comune di Vigevano ha adottato una delibera che colpisce duramente i bambini più svantaggiati.

La delibera numero 51/2011 impone anche alle famiglie con i redditi più bassi, che tuttavia non sono in carico ai Servizi Sociali, il pagamento del servizio di mensa scolastica per i propri bambini e stabilisce che basta che una famiglia non paghi anche una sola retta (120€ a fascia massima) perché il bambino sia escluso dal servizio e costretto a consumare il pranzo portato da casa in una stanza separata, lontano dai propri compagni o addirittura a tornare a casa.

Insieme ad altre famiglie e a Save the Children, io, Gaspare Russo, chiedo al Sindaco di Vigevano Andrea Sala di annullare la delibera comunale 51/2011, perché viola la Convenzione sui Diritti dell'Infanzia e dell’Adolescenza e altri accordi internazionali sottoscritti dall'Italia in materia di diritto alla salute e all'istruzione.

Siamo due genitori separati, nessuno dei due lavora. Sono almeno 3 anni che cerco un nuovo impiego senza successo. Abbiamo 2 bambini e poter fare affidamento sulla mensa scolastica per un pasto garantito e di qualità per i nostri bambini è davvero importante.

In un momento in cui il 35% dei genitori italiani ha ridotto la spesa alimentare per la famiglia, consumare il pasto nella mensa scolastica non è solo uno strumento per contrastare la povertà minorile, ma anche un momento importante e significativo per ogni bambino: è un’occasione di convivialità e socialità, di integrazione tra culture diverse e di educazione alimentare.

Save the Children supporta la domanda che ho fatto insieme ad altre  famiglie colpite dagli effetti della delibera 51/2011, attraverso un servizio di orientamento legale. Quest’azione fa parte di “Illuminiamo il futuro” la campagna per dare educazione, opportunità e speranza ai bambini che vivono in povertà in Italia

Questa petizione fa parte di una campagna più ampia di Save the Children per chiedere equità nel trattamento dei bambini su tutto il territorio nazionale. Molti comuni adottano criteri di equità, garantendo l’esenzione dal pagamento per tutte le famiglie con un reddito ISEE che ne certifica la condizione di povertà, anche se non in carico ai Servizi Sociali. La delibera 51/2011 del Comune di Vigevano, come accade anche a Brescia, Adro, Crotone e Campobasso, non prevedendo l’esenzione in base al reddito ISEE ed escludendo dal servizio i bambini i cui genitori hanno un debito nei confronti dell’Amministrazione, ha effetti discriminatori nei confronti delle fasce più deboli della popolazione. Per questo motivo tutti i Comuni che adottano la medesima prassi dovrebbero annullare queste disposizioni. Il Governo, inoltre, deve dotare tutte le scuole, a partire dalle primarie, di un servizio mensa di qualità e fare dell’accesso gratuito alla mensa per i bambini in condizioni certificate di povertà il primo livello essenziale delle prestazioni sociali per l’infanzia, ai sensi del dettato Costituzionale.

Grazie,

Gaspare Russo

This petition was delivered to:
  • Sindaco di Vigevano
    Andrea Sala


    Save the Children Italia Onlus started this petition with a single signature, and now has 10,260 supporters. Start a petition today to change something you care about.