#VeraInclusioneNelleScuole senza "SE" e senza "MA"

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Mi chiamo Claudia, sono la mamma di Francesco, un ragazzino sedicenne con una disabilità complessa che nell’ottobre 2018, pur essendo in anno di obbligo scolastico, è stato escluso dalla scuola perché considerato “un caso troppo difficile da gestire”.
Lancio questa petizione per Francesco e per tutti i bimbi e i ragazzi che in Italia, a causa della loro disabilità, vengono esclusi ed emarginati: desidero che non capiti MAI PIÚ che il diritto alla scuola venga calpestato.

La Convenzione ONU per i diritti delle persone con disabilità del 2006, diventata Legge Italiana nel 2008, mette l’accento sul fatto che le persone con disabilità siano cittadini titolari di diritti al pari degli altri.
Punto di vista che implica un ribaltamento delle prospettive, che obbliga a predisporre tutti i supporti necessari perché le persone con disabilità possano accedere ai diritti e alle politiche per tutti.

Questa petizione vuole giungere ai cittadini, alle Istituzioni e alle Alte Cariche dello Stato, per affermare che il diritto alla scuola non dev’essere una “probabilità”, non può essere lasciato al caso e alla buona volontà dei singoli insegnanti e dirigenti.
L’inclusione scolastica, senza “SE” e senza “MA”, senza discriminazioni circa la gravità della disabilità, chiede la costruzione di percorsi e di prassi che debbano essere pensati, codificati e messi a sistema, perché il diritto alla scuola possa essere vissuto pienamente.

Come si realizza vera inclusione scolastica?

Serve un serio confronto tra le Istituzioni scolastiche, sociali, sanitarie e le famiglie, per attuare percorsi personalizzati di inclusione, cuciti sulla persona con disabilità come un perfetto abito sartoriale, attraverso strumenti amministrativi e burocratici; formazione degli insegnanti (di classe e di sostegno), dei Dirigenti e di tutto il personale scolastico; azioni di sensibilizzazione verso i coetanei; adeguamenti strutturali, dove necessari; lavoro di rete; coinvolgimento del territorio…

Io, da mamma, porto la mia esperienza, il mio sapere, la mia voglia di costruire.
E mi metto a disposizione per lavorare affinché il diritto alla scuola diventi davvero PER TUTTI.

#iosonoconfranci
#VeraInclusioneNelleScuole



Oggi: Claudia conta su di te

Claudia Pirotti ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "urp@istruzione.it: #VeraInclusioneNelleScuole senza "SE" e senza "MA"". Unisciti con Claudia ed 970 sostenitori più oggi.