#unitiperloro

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


Il 22 Aprile 2017 a piazza del Popolo in Roma degli animalisti di strada, senza bandiere, loghi e appartenenze hanno ribadito che tutti gli animali sono esseri senzienti in grado di provare amore, gioie, paure, dolore e sofferenza. Noi siamo la loro voce e li dobbiamo tutelare tutti. NESSUNO ESCLUSO. 

Abbiamo stilato un manifesto di 15 punti che se approvati dal prossimo parlamento  eleverebbero allo stesso livello gli uomini e i loro fratelli animali. Noi siamo gli altri animali, il nostro scopo è difendere i più deboli, i diversi, proprio  quelli che danno il valore aggiunto alla nostra vita. 

Gli animali ci insegnano la vita, ci consegnano il valore unico e prezioso del dono ricevuto dal soffio vitale. Dobbiamo conservarlo e custodirlo in tutte le sue forme.

Il comitato #unitiperloro spinge i partiti e il prossimo parlamento a far diventare leggi i punti del nostro manifesto. Solo così potremo definirci una civiltà evoluta in grado di saper convivere in un contesto BIOCENTRICO e non pericolosamente ANTROPOCENTRICO.

Firmate tutti per sostenere e valorizzare i diritti di chi non ha voce. Firmate per essere: #unitiperloro

Ecco il punti del manifesto #unitiperloro:

1) Affrontare immediatamente il percorso legislativo per inasprire le leggi contro il maltrattamento e/o l’uccisione degli animali.

2) Abolire DEFINITIVAMENTE circhi con animali, delfinari e zoo.

3) Abrogare proroga Galletti sull'abbattimento selettivo dei lupi e proroga Lorenzin circa i test su animali di droghe, alcol, tabacco e xenotrapianti.

4) Intraprendere il percorso olandese sull'abolizione della sperimentazione animale.
https://www.clearlyveg.com/blog/2017/01/12/dutch-government-announces-plan-eliminate-animal-safety-testing-2025

Entro il 2025 l'Olanda abbandonerà la ricerca con il modello animale.
.
5) Avviare raccolta firme Referendum contro la caccia, delfinari e circhi con animali.

6) Prevedere che sulle confezioni di carne alla luce dei i recenti avvisi dell'OMS sul consumo di carne e aumento dei rischi di cancro venga inserita l'avvertenza che nuoce gravemente alla salute. Preferibile applicare le foto dei danni del consumo di carne e dati sull'impatto ambientale e sanitario. Riteniamo che anche il prezzo della carne debba aumentare per compensare i costi economici dei danni ambientali e sanitari.

7) Prevedere la radiazione dei veterinari compiacenti che nei macelli coprono o fingono di non vedere abusi e torture su animali.

8) Approvare una legge che preveda il divieto di esporre animali nei negozi come se fossero merce.

9) Inserire nel percorso scolastico un congruo numero di ore dedicate all'ambiente e al rispetto degli animali. I programmi scolastici fino alle classi superiori dovranno prevedere visite scolastiche presso rifugi e convegni sul benessere animale.

10) Stabilire il divieto assoluto, per chi ha avuto precedenti per maltrattamento animale di acquistare e/o detenere animali di qualsiasi tipo per il resto della vita, con sanzioni penali e amministrative rilevanti sia per il soggetto che per chi procura o vende animali allo stesso.

11) Obbligare i comuni di dotarsi di una struttura per la cura di animali cani/gatti/conigli ecc. di almeno 100 posti con obbligo di introdurre i volontari animalisti per la cura degli Animali all’interno della struttura, le spese della struttura sarebbero a carico del Comune.

12) Ridurre l'IVA per chi fa sterilizzare cani e gatti. Promuovere la cultura della sterilizzazione nei luoghi ad alto tasso di randagismo. 
Riduzione e detrazione fiscale agevolata per chi adotta un cane/gatto randagio presso le strutture comunali o private.

13) Mettere al bando il commercio di avorio. Divieto assoluto alla vendita di capi di abbigliamento con inserti di pelliccia o pelle di animale.

14) Attualmente la legge non definisce uno status specifico per rifugi, santuari e oasi per gli animali. Essi sono luoghi dove regna la pace e la vita. Il governo e la politica istituiscano a livello legislativo il riconoscimento di oasi e santuari dove si offre rifugio ad animali provenienti da allevamenti.

15) Si chiede l'istituzione di un servizio veterinario pubblico con pronto soccorso h 24 gratuito per le emergenze con volontari. Sarà un servizio per gli animali abbandonati nelle strutture e convenzionato per quelli adottati, la salute è un diritto di tutti, animali compresi.







Oggi: Riccardo conta su di te

Riccardo Laganà ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "#unitiperloro: #unitiperloro". Unisciti con Riccardo ed 449 sostenitori più oggi.