Fermiamo la mattanza delle balene in Nord Europa!

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Nel 2019 continua la mattanza delle balene in Nord Europa. Alle pratiche consolidate di Norvegia e al famigerato rito del Grindadràp nelle isole Faroe anche l'Islanda é pronta a riprendere la caccia alle balene. Assurda la strage nelle isole Faroe dove il tutto non avviene per scopi alimentari. Il Grindadràp consiste letteralmente nel "massacro" di balene e delfini anche piccoli con coltelli ed uncini da parte di tutta la popolazione (bambini inclusi!) che a riva attendono il loro carico da massacrare. I cetacei vengono fatti spiaggiare dalle imbarcazioni dei pescatori.

È di poco tempo fa la notizia che l'Islanda vuole uccidere nei prossimi 5 anni oltre 2000 cetacei tra cui le balenottere comuni (una specie in via d'estinzione) per una decisione del governo islandese.

Non é possibile accettare tutto questo! Le isole Faroe sono sotto la giurisdizione danese che nulla fa per bloccare questa mattanza ritenuta legale. Anzi le forze dell'ordine sono compiacenti: vengono addirittura impiegate forze navali per contrastare anche i volontari di Sea Shepherd che con estrema difficoltà operano in questa zona. Anche la trasmissione de le "Iene" si é occupata con un servizio molto puntuale. Per ulteriori info e foto (terribili) consultare https://www.seashepherd.it/grindadrap-alle-isole-faroe/ 

Anche le leggi vengono modificate per favorire il Grindadràp.

In Europa vige la tutela delle specie in via d'estinzione.

Fermiamo il massacro dei cetacei in Europa!