Una nuova Scuola per il Maggia

0 hanno firmato. Arriviamo a 7.500.


Nell'anno in cui la prima scuola alberghiera d'Italia compie 80 anni, ancora si ritrova senza una struttura nuova, all'avanguardia e che possa unire quelli che sono i quattro plessi che compongono oggi l'Istituto Alberghiero Erminio Maggia di Stresa, dove i ragazzi non hanno la possibilità di vivere l’esperienza scolastica in modo comunitario.

Se Albano Mainardi potesse vedere oggi quella che è la drammatica situazione in cui vive "La Scuola di Stresa" ne rimarrebbe deluso ed amareggiato.

Il diritto allo studio è sancito dalla Costituzione, dallo Statuto degli Studenti e delle Studentesse e dalla carta del comune:

Tra le finalità del Comune di Stresa all’articolo 4 comma 1 del proprio Statuto sono indicate:

1. Il Comune promuove lo sviluppo e il progresso civile, sociale ed economico della comunità locale, ispirandosi ai valori e agli obiettivi della Costituzione.

2. Il Comune ricerca la collaborazione e la cooperazione con altri soggetti pubblici e privati e promuove la partecipazione dei singoli cittadini, delle associazioni e delle forze sociali ed economiche all'attività amministrativa.

3. In particolare il Comune ispira la sua azione ai seguenti principi:

  • a) Rimozione di tutti gli ostacoli che impediscono l'effettivo sviluppo della persona umana e l'eguaglianza degli individui;
  • b) Promozione di una cultura di pace e cooperazione internazionale e di integrazione razziale;
  • c) Recupero, tutela e valorizzazione delle risorse naturali, ambientali, storiche, culturali e delle tradizioni locali;
  • d) Tutela attiva della persona improntata alla solidarietà sociale, in collaborazione con le associazioni di volontariato e nel quadro di un sistema integrato di sicurezza sociale;
  • e) Superamento di ogni discriminazione tra i sessi, anche tramite la promozione di iniziative che assicurino condizioni di pari opportunità;
  • f) Promozione delle attività culturali, sportive e del tempo libero della popolazione, con particolare riguardo alle attività di socializzazione giovanile e anziana;
  • g) Promozione della funzione sociale dell'iniziativa economica, anche attraverso il sostegno a forme di associazionismo e cooperazione che garantiscono il superamento degli squilibri economici, sociali e territoriali.

 

Art. 38 Costituzione Italiana

[…]. I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi.[…]

Lo Statuto degli studenti e delle studentesse

Art.1 (Vita della comunità scolastica).

1.     La scuola è luogo di formazione e di educazione mediante lo studio, l'acquisizione delle conoscenze e lo sviluppo della coscienza critica.

2.     La scuola è una comunità di dialogo, di ricerca e di esperienza sociale, informata ai valori democratici e volta alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni. In essa ognuno, con pari dignità e nella diversità dei ruoli, opera per garantire la formazione alla cittadinanza, la realizzazione del diritto allo studio, lo sviluppo delle potenzialità di ciascuno e il recupero delle situazioni di svantaggio, in armonia con i principi sanciti dalla Costituzione e dalla Convenzione internazionale sui diritti dell'infanzia e con i principi generali dell'ordinamento italiano.

Art. 2 (Diritti)

1.     Lo studente ha diritto ad una formazione culturale e professionale qualificata che rispetti e valorizzi, anche attraverso l'orientamento, l'identità di ciascuno e sia aperta alla pluralità delle idee. La scuola persegue la continuità dell'apprendimento e valorizza le inclinazioni personali degli studenti, anche attraverso un'adeguata informazione, la possibilità di formulare richieste e di sviluppare temi liberamente scelti.

6.  […] Gli studenti hanno diritto alla libertà di apprendimento ed esercitano autonomamente il diritto di scelta tra le attività curricolari integrative e tra le attività aggiuntive facoltative offerte dalla scuola. Le attività didattiche curriculari e le attività aggiuntive facoltative sono organizzate secondo tempi e modalità che tengono conto dei ritmi di apprendimento e delle esigenze di vita degli studenti.

8. La scuola si impegna a porre progressivamente in essere le condizioni per assicurare:

  • a) un ambiente favorevole alla crescita integrale della persona e un servizio educativo-didattico di qualità;
  • b) offerte formative aggiuntive e integrative, anche mediante il sostegno di iniziative liberamente assunte dagli studenti e dalle loro associazioni.
  • c)iniziative concrete per il recupero di situazioni di ritardo e di svantaggio nonché per la prevenzione e il recupero della dispersione scolastica;
  • d) la salubrità e la sicurezza degli ambienti, che debbono essere adeguati a tutti gli studenti, anche con handicap;
  • e) la disponibilità di un'adeguata strumentazione tecnologica;
  • f) servizi di sostegno e promozione della salute e di assistenza psicologica.

 

 

 

 

Non facciamo morire la Scuola di Stresa… non “perdiamo l’ora”!