Vittoria confermata

Uber in Italia

Questa petizione ha creato un cambiamento con 27.553 sostenitori!


Il tribunale di Roma ha bandito il servizio Uber, che era presente a Roma e Milano, dall'Italia, basandosi su leggi risalenti a 25 anni fa. 

Gli enti dell'Associazione dei Consumatori si sono già schierati contro questa ingiustizia, ma noi sostenitori desideriamo fare la nostra parte: portare al Governo la voce degli utenti e dei cittadini che utilizzano ed apprezzano il servizio. 

In passato era già stato bandito il servizio Uber Pop, attivo invece nel resto dell'Europa, specialmente a Londra e Berlino, dove costituisce la modalità di spostamento privata numero uno, ma con il blocco di Uber Black si è arrivati al limite, a testimonianza ulteriore dell'arretratezza di pensiero italiana. 

Un cambiamento in Italia è obbligatorio: abbiamo dimostrato all'Europa di esserci con Expo 2015, ma dobbiamo continuare a farlo presente costantemente.

L'appello quindi è rivolto al nostro Presidente del Consiglio Gentiloni e ai Ministri Delrio e Calenda, rispettivamente dei trasporti e dello sviluppo economico: qual è il futuro dell'Italia? Continuerà ad essere il "Bel Paese" fermo a 25 anni fa o finalmente si evolverà, seguendo il modello già adottato da altri?

La parola finale spetta a voi: i cittadini hanno già espresso il proprio parere a riguardo, ora attendono solamente di essere ascoltati.



Oggi: Danilo conta su di te

Danilo Polani ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Tribunale di Roma: Uber in Italia". Unisciti con Danilo ed 27.552 sostenitori più oggi.