Stop alla soppressione della sezione dei 3 anni nella scuola d'infanzia Agazzi di Pisa

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


Al sindaco di Pisa Michele Conti, all'assessore Rosanna Cardia, alla dirigente dei servizi educativi Laura Tanini, alla coordinatrice pedagogica Federica Fabrizi, all'assessore Cristina Grieco


In qualità di membri del Comitato di Gestione della scuola dell'infanzia R. Agazzi, esprimiamo tutto il nostro disappunto in merito alla recente notizia relativa alla soppressione della sezione dei 3 anni nella scuola comunale Agazzi per il prossimo anno scolastico.
In primo luogo, evidenziamo le modalità con le quali siamo venuti a conoscenza della decisione: per puro caso, in occasione dell'iscrizione da parte di alcuni genitori nel giorno di giovedì 10/01/2019 che, non trovando nel modulo di iscrizione la sezione dei 3 anni della scuola Agazzi, hanno pensato inizialmente ad un errore materiale.
Al riguardo, sottolineiamo che né il comitato di gestione, in qualità di organismo legittimamente costituito, né il corpo insegnanti, sono stati messi a conoscenza né sono stati avvertiti preventivamente. Addirittura, il corpo insegnante della scuola aveva fissato, per il mese di gennaio, una data per la visita annuale dedicata alle famiglie interessate all'iscrizione per l'anno prossimo.
La nostra decisione di ricoprire il ruolo di membri di un Comitato di Gestione è fondata sulla convinzione dell'importanza di un sistema di comunicazione efficace e rispettoso dei ruoli all'interno del sistema educativo. Purtroppo in questa occasione, oltre al merito della decisione che contestiamo, evidenziamo che le famiglie e le loro esigenze sono state azzerate come se, per assurdo, non fossero il perno di tutto questo sistema.
In data 15/01, dopo l'intervento in Consiglio Comunale dell'Assessore Cardia, abbiamo appreso le presunte giustificazioni alla base della decisione e ne siamo rimasti sconcertati.
La scuola comunale d'infanzia Agazzi a Pisa rappresenta un patrimonio dal punto di vista delle strutture educative non solo per il quartiere dei Passi, ma per l'intera città: basti pensare a quanti genitori, anche negli anni passati, hanno iscritto i propri figli pur non abitando nelle vicinanze, prediligendo quel metodo educativo rispetto ad altri.
A fronte di una decisione che ci lascia sconcertati, evidenziamo che non ci è stata fornita alcuna informazione relativamente al futuro delle due classi che rimarranno alla fine dell'anno scolastico 2018-2019, aprendo uno scenario di enorme incertezza per le famiglie dei bambini che già frequentano e per quelle che, avendo altri figli oltre quelli frequentanti, si vedono costrette ad iscrivere il secondo figlio in una scuola dell'infanzia diversa.
Alla luce di quanto sopra contestiamo la decisione assunta e chiediamo il rapido ripristino della sezione dei 3 anni presso la scuola dell'infanzia Agazzi.