Confirmed victory
Petitioning Roma Capitale
This petition was delivered to:
Roma Capitale

Stop al degrado della Scuola Carlo Pisacane

La Carlo Pisacane è una scuola elementare pubblica di Roma, nel quartiere di Torpignattara, in condizioni di degrado insostenibili: crollano pezzi di muro, i soffitti sono lesionati, dietro gli armadi c'è muffa e sporcizia, i servizi igienici hanno tubature a vista e ad altezza della testa dei bambini, gli spazi esterni sono abbandonati e lasciati all’incuria.

Nonostante questo, grazie alla passione degli insegnanti, la Carlo Pisacane riesce a distinguersi per un contesto interculturale e un’offerta formativa all'avanguardia rispetto alle altre scuole della Capitale.

Tante le proteste dei genitori e sempre inascoltate, fin quando un gruppo di questi si sono intrufolati a scuola armati di secchi e pennelli per ritinteggiare gli ambienti, come ci ha raccontato nella video-testimonianza Leila, mamma di una bambina di 5 anni che frequenta la scuola infanzia Pisacane.

Nonostante i genitori si stiano prendendo carico della manutenzione e pulizia della scuola, nessuna risposta è arrivata dalle istituzioni scolastiche e comunali.

Con questa petizione chiediamo che il Comune di Roma si impegni a garantire in tempi brevi l’avvio dei lavori per ristabilire la piena fruibilità della scuola Pisacane considerato lo stato di sicurezza precario in cui versa l'edificio.

La Carlo Pisacane è il simbolo di uno scenario preoccupante che coinvolge tutto il nostro paese. L'Italia è un paese in cui non si investe più in istruzione e formazione. Il sistema scolastico non è innovativo e al passo con altri paesi europei, né rispetto all’offerta formativa, né rispetto all'adeguamento delle strutture scolastiche.

La maggior parte dei ragazzi italiani frequenta la scuola in edifici (il 15% di quelli censiti) costruiti prima del 1945, di cui 1.000 risalenti all’Ottocento. Secondo i  dati forniti dal MIUR sull’anagrafe dell’edilizia scolastica, solo il 30% degli edifici ha meno di 30 anni, appena l’8% è stato progettato secondo le normative antisismiche malgrado il 50% sorge in aree a forte rischio, e 1 su 2 non dispone di una scala di sicurezza esterna.

La povertà di spazi e servizi è uno dei temi principali di Allarme Infanzia, la campagna di Save the Children Italia per denunciare il furto continuo e silenzioso del futuro dei bambini in Italia. Diamo l’allarme perché le prospettive di intere generazioni di bambini e giovani sono state saccheggiate dalla crisi e da anni di assenza di politiche e interventi a favore dell’infanzia e dell’adolescenza. Se vuoi aiutarci ad impedire che venga rubato il futuro ai bambini dai l’allarme insieme a noi su www.allarmeinfanzia.it


Letter to
Roma Capitale
La Carlo Pisacane è una scuola elementare pubblica di Roma, nel quartiere di Torpignattara, in condizioni di degrado insostenibili: crollano pezzi di muro, i soffitti sono lesionati, dietro gli armadi c'è muffa e sporcizia, i servizi igienici hanno tubature a vista e ad altezza della testa dei bambini, gli spazi esterni sono abbandonati e lasciati all’incuria.

Nonostante questo, grazie alla passione degli insegnanti, la Carlo Pisacane riesce a distinguersi per un contesto interculturale e un’offerta formativa all'avanguardia rispetto alle altre scuole della Capitale.

Tante le proteste dei genitori e sempre inascoltate, fin quando un gruppo di questi si sono intrufolati a scuola armati di secchi e pennelli per ritinteggiare gli ambienti, come ci ha raccontato nella video-testimonianza Leila, mamma di una bambina di 5 anni che frequenta la scuola infanzia Pisacane.

Nonostante i genitori si stiano prendendo carico della manutenzione e pulizia della scuola, nessuna risposta è arrivata dalle istituzioni scolastiche e comunali.

Con questa petizione chiediamo che il Comune di Roma si impegni a garantire in tempi brevi l’avvio dei lavori per ristabilire la piena fruibilità della scuola Pisacane considerato lo stato di sicurezza precario in cui versa l'edificio.

La Carlo Pisacane è il simbolo di uno scenario preoccupante che coinvolge tutto il nostro paese. L'Italia è un paese in cui non si investe più in istruzione e formazione. Il sistema scolastico non è innovativo e al passo con altri paesi europei, né rispetto all’offerta formativa, né rispetto all'adeguamento delle strutture scolastiche.

La maggior parte dei ragazzi italiani frequenta la scuola in edifici (il 15% di quelli censiti) costruiti prima del 1945, di cui 1.000 risalenti all’Ottocento. Secondo i dati forniti dal MIUR sull’anagrafe dell’edilizia scolastica, solo il 30% degli edifici ha meno di 30 anni, appena l’8% è stato progettato secondo le normative antisismiche malgrado il 50% sorge in aree a forte rischio, e 1 su 2 non dispone di una scala di sicurezza esterna.

La povertà di spazi e servizi è uno dei temi principali di Allarme Infanzia, la campagna di Save the Children Italia per denunciare il furto continuo e silenzioso del futuro dei bambini in Italia. Diamo l’allarme perché le prospettive di intere generazioni di bambini e giovani sono state saccheggiate dalla crisi e da anni di assenza di politiche e interventi a favore dell’infanzia e dell’adolescenza. Se vuoi aiutarci ad impedire che venga rubato il futuro ai bambini dai l’allarme insieme a noi su www.allarmeinfanzia.it

____________________________________________________________Chiedo che sia garantito in tempi brevi l’avvio dei lavori per ristabilire la piena fruibilità della Scuola Carlo Pisacane di Torpignattara, considerato lo stato di sicurezza precario in cui versa l'edificio.
La manutenzione e la pulizia delle scuole è un dovere pubblico e non devono essere i genitori a prendersene carico.

Per tutte le scuole pubbliche della Capitale devono essere garantiti investimenti per l’offerta formativa e l’adeguamento delle strutture scolastiche a condizioni di decoro estetico e di sicurezza.