Petition Closed

Stop al concorso truffa! Gli Italiani devono sapere!

Concorsone Scuola - Oltraggio per gli Italiani

(il video utilizzato a supporto della petizione è stato realizzato dal Comitato dei genitori CooGen Torino - link - che ringrazio per la gentile concessione d'uso)

Il nuovo concorso scuola 2016 tanto decantato negli slogan dell'attuale “dittatura” di governo è una vera e propria TRUFFA ai danni degli ITALIANI, delle CASSE dello STATO e della SCUOLA ITALIANA. I motivi sono molteplici:

1.       Si sta bandendo un concorso per valutare NUOVAMENTE docenti che hanno già conseguito un’abilitazione e, pertanto, sono STATI GIÀ VALUTATI ampiamente dallo STATO negli stessi ambiti in cui si intende valutarli di nuovo.

2.       Per la valutazione di cui al punto 1 e per i corsi abilitanti, durante i quali tale valutazione è stata espletata, sono stati già ampiamente SPESI SOLDI PUBBLICI e PRIVATI:

a.       per organizzare la farraginosa macchina dei CONCORSI che gli abilitati hanno dovuto sostenere per accedere ai percorsi abilitanti, peraltro banditi dallo STATO sulla base del numero di posti programmato in funzione delle reali esigenze di organico (secondo quanto già fatto con le SISS precedentemente);

b.      per pagare i docenti universitari che hanno tenuto i CORSI che gli abilitandi hanno dovuto frequentare;

c.      per pagare i docenti universitari delle commissioni che hanno valutato gli abilitandi per sostenere gli esami di circa 40 materie dei corsi del percorso abilitante;

d.      per pagare i docenti universitari delle commissioni che hanno valutato gli abilitandi nell’esame finale il cui superamento ha permesso allo STATO di DICHIARARE la persona ABILITATA all’insegnamento, cioè con le conoscenze, abilità e competenze adeguate per poter insegnare e certificate dallo Stato stesso con percorso specifico;

e.      per pagare i docenti che hanno seguito il TIROCINIO che gli abilitandi hanno dovuto sostenere in aula e nelle istituzioni scolastiche in aggiunta a tutti i punti precedenti.

3.       Con la “Buona scuola” sono già stati assunti docenti presenti nelle graduatorie di merito del concorso 2012 a cui erano risultati IDONEI: il CONCORSO NON ERA ABILITANTE, quindi non erano né vincitori di concorso né dotati di abilitazione (in barba alle dichiarazioni dell’attuale dittatore di Governo che attraverso slogan propagandava l’assunzione solo per i vincitori). In poche parole sono stati assunti docenti che non hanno mai insegnato e di cui sono state valutate solo conoscenze e non abilità e competenze (ampiamente valutate durante la fase di tirocinio per gli abilitati).

4.       Già si hanno GRADUATORIE UFFICIALI garantite dallo STATO in cui sono inseriti gli abilitati per i quali con l’attuale concorsone 2016 si valuteranno le STESSE conoscenze e gli STESSI titoli già considerati e valutati per queste graduatorie. Sono le graduatorie di II fascia di Istituto, in cui tutti i titoli inseriti nella bozza della griglia di valutazione del concorsone sono già stati inseriti e valutati adeguatamente, permettendo ai 200000 abilitati di essere chiamati a supplenze annuali secondo CRITERI OGGETTIVI predeterminati (ndr. e non con domande a risposta aperta per lo scritto per dare ampia possibilità di valutazioni soggettive).

5.       Nella farsa che contraddistingue questo Ministero e questo Governo si sta bandendo un concorso senza avere contezza dei posti effettivamente disponibili per regione nonostante i numeri blaterati dal MIUR: il 2016-17 sarà l’anno della mobilità straordinaria, quindi i numeri che puntualmente stanno affollando i siti specialistici di settore come indicati dal MIUR sono totalmente basati sul nulla! È assurdo che il concorso venga bandito prima della mobilità straordinaria prevista per legge per l'anno 2016/2017: significa che il numero di posti regionali dichiarati dal Miur potrebbe essere totalmente stravolto. Insomma si potrebbe verificare una mancanza di posti e a rischio sarebbe l'assunzione immediata o addirittura nel triennio di validità delle Graduatorie di Merito visto che si stima una mobilità per oltre 100000 docenti a fronte di 64000 nuovi vincitori di concorso (cfr. http://it.blastingnews.com/lavoro/2016/02/concorso-scuola-2016-contraddizioni-delle-procedure-regionali-e-analisi-della-normativa-00804049.html; http://www.orizzontescuola.it/news/usb-scandalo-concorso-docenti-non-posti-sicilia

6.       Sarà una forma velata e nascosta di "licenziamento" di massa: dal 2016-17 ci sarà per legge (comma 131 L.107 del 2015) l’obbligo di non poter stipulare altri contratti a termine per chi ha superato i 36 mesi. (cfr. http://www.orizzontescuola.it/news/riforma-supplenze-36-mesi-posto-vacante-unit-misura-stop-al-precariato ; http://www.orizzontescuola.it/news/no-al-limite-dei-36-mesi-supplenza-partire-dal-1-settembre-2016-lettera ). Si specifica che tale disposizione non significa assunzione, ma impossibilità di reiterare il contratto, cioè licenziamento definitivo. Si tenga conto, inoltre, che la stragrande maggioranza dei precari che parteciperebbero al concorso sono abilitati con oltre 36 mesi di servizio: anziché recepire la norma europea che dovrebbe garantire e tutelare il lavoratore si opera in senso contrario annullando il diritto di migliaia di docenti (cfr. http://it.blastingnews.com/lavoro/2015/09/fino-a-36-mesi-di-supplenza-su-posto-vacante-o-disponibile-e-poi-00550035.html Di conseguenza, il motivo velato del concorso è il "licenziamento" in tronco (ndr. "licenziamento" inteso non tecnicamente, non essendoci mai stata assunzione a tempo indeterminato) di 2 docenti su 3 (64000 posti per 200000 abilitati, la maggior parte dei quali con più di 36 mesi di servizio). Stiamo parlando di docenti con 40-50 anni, con famiglie a carico, per i quali è impossibile trovare nuova occupazione, perché sarebbe impossibile “convertire” le loro competenze in attività diverse dall’insegnamento. Quindi, c'è da riflettere sul fatto che i partecipanti del concorso non sono "persone nuove" della scuola (per le quali la percentuale di assunzione sarebbe molto alta) ma lavoratori precari anche da più di 10 anni, contrariamente a quanto vogliano farci intendere.

7.       Si sta oltraggiando il ruolo dei docenti e della stessa scuola: non c’è una visione programmatica di qualità e un reale investimento nella formazione, ma si procede solo per ECONOMICIZZARE tutto e renderlo valutabili secondo criteri aziendalisti che nulla hanno a che fare con la formazione. C’è solo propaganda che va contro l’interesse della scuola pubblica con un impoverimento dei saperi ed uno svilimento delle competenze così come dimostrato dall’attuale accorpamento delle Classi di Concorso (cfr. http://www.orizzontescuola.it/news/nuove-classi-concorso-probabilmente-gu-23-febbraio-anief-troppi-accorpamenti-forzati-e-programmi

8.       Questo concorso ESCLUDE NUOVI INSEGNANTI che potrebbero arricchire il capitale umano degli istituti scolastici con nuove forze e fresche competenze: il Governo sta facendo il gioco delle tre carte solo per sfoltire il precariato di persone che già lavorano da anni nella scuola licenziando i 2/3 restanti e non introducendo nessun nuovo docente (cfr. https://www.youtube.com/watch?v=zdbsgO5GDN4 Andrebbero usate le graduatorie di II fascia attuali e introdurre successivamente il concorso per solo laureati come fatto nel 2012.

9.       Il CONCORSO stesso è FUORILEGGE. Si tratta di un concorso inadeguato e fuori legge per gli stessi limiti che si era dato il governo e che arriva molto dopo rispetto ai termini ordinatori prefissati (per legge avrebbero dovuto bandirlo entro il 1 dicembre con adeguati tempi per i concorrenti) (cfr. http://www.orizzontescuola.it/news/derrico-unicobas-concorso-fuori-legge-doppio-canale-abilitati-demoliremo-mobilit IL CONCORSO, inoltre, rappresenta un chiaro atto di PREVARICAZIONE da parte del Governo nei confronti della classe docente e della scuola: si sta seriamente pensando di DENUNCIARE lo STATO e costituirsi parte civile perchè non si può cambiare così le regole del gioco: è come se, giocando a calcio, all'89 si dicesse "vince chi fa meno goal" (cfr. http://www.orizzontescuola.it/news/concorso-cattedra-trento-federazione-gilda-unams-diffida-amminstrazione ).

10.   Si spenderebbero nuovamente TANTISSIMI SOLDI PUBBLICI la maggior parte dei quali già spesi per i punti 2.a, 2.c, 2.d di questo elenco, nonostante si parli di razionalizzazione della spesa pubblica.  Si tenga presente che è prevista una spesa di circa 300 milioni di euro solo per l'organizzazione del concorso (ndr. forse per foraggiare il CINECA?!? cfr. http://it.blastingnews.com/lavoro/2016/02/concorso-scuola-2016-per-soli-titoli-interrogazione-parlamentare-e-il-nodo-della-gestione-00775883.html

11.   Alla luce di quanto esposto, IL CONCORSO NON LO VUOLE NESSUNO: i DOCENTI ABILITATI perché già ampiamente valutati; i NEOLAUREATI perché impossibilitati ad accedervi; l’economia e LE CASSE DELLO STATO; il BUONSENSO.

12.   I punti precedenti non lasciano altra ipotesi che ritenere che i motivi del concorso siano SUBDOLI e A DANNO DI TUTTO IL SISTEMA SCOLASTICO: è evidente che ci sia chiaro interesse nell’organizzare la macchina concorsuale per foraggiare quanti ne godranno a scapito dei soliti lavoratori onesti che abitano questo Paese.

È giunto il momento di dire BASTA! Risvegliamo l’orgoglio sopito e riprendiamoci quanto ci spetta di DIRITTO: la serenità progettuale di una scuola che investa realmente nella cultura e nella formazione per i nostri figli… in una sola parola, il FUTURO!

Prof. Ing. Alfredo Pudano (email: alfredo.pudano AT unirc.it)

 

RICHIESTE sottoposte al Ministro con l'interrogazione parlamentare a firma del Senatore Antonio Caridi presentata in data 07/03/16:

- eliminare il vincolo previsto dalla L. 107/2005 di non poter stipulare altri contratti a termine per chi ha superato i 36 mesi, considerato che la stragrande maggioranza dei precari che parteciperebbero al concorso sono abilitati con oltre 36 mesi di servizio;

- riaprire le GAE (Graduatorie ad Esaurimento) per i docenti abilitati (avendo questi titolo equipollente ai colleghi già inseriti) e bandire il concorso per laureati senza titolo di abilitazione solo in una seconda fase, e cioè in seguito al reale esaurimento delle graduatorie stesse. Si garantirebbe, così, il rispetto dei percorsi che le varie categorie di docenti hanno condotto fino ad oggi, iniziando solo successivamente un nuovo iter con regole chiare per i nuovi insegnanti.

oppure

- annullare il concorso appena bandito e utilizzare graduatorie di II fascia legate alle relative province attraverso un concorso per soli titoli per i docenti abilitati, evitando così il problema dei ricorsi, considerato che si attingerebbe a delle graduatorie precostituite (quelle di seconda fascia appunto) e introducendo successivamente il concorso per solo laureati come fatto nel 2012, lasciando la possibilità del doppio canale di assunzioni (da graduatoria e da concorso) e distinguendo la graduatoria per gli abilitati dal concorso per laureati senza titolo di abilitazione;

oppure

- annullare il concorso appena bandito, promuovendo un concorso in cui possano partecipare sia gli abilitati che i non abilitati (evitando sicuri ricorsi) con una differenziazione in 2 FASI:

FASE 1: I docenti NON ABILITATI sosterranno il concorso per ottenere un punteggio in centesimi equiparabile e sovrapponibile a quello che gli abilitati hanno ottenuto nei percorsi abilitanti. QUESTA FASE sarà ABBUONATA ai docenti già abilitati.
I DOCENTI ABILITATI accedono direttamente alla seconda fase, avendo già conseguito l’abilitazione e, quindi, essendo già stati valutati negli ambiti indicati dal bando del concorso.

FASE 2: i non abilitati che hanno superato la prima prova e gli abilitati accedono tutti ad un’unica graduatoria a cui, oltre al punteggio dell’abilitazione (o al punteggio ottenuto nella prima fase del concorso per i non abilitati), si aggiungono i punteggi dei titoli secondo quanto già stabilito nella tabella del concorso appena bandito. 

Alla fine del concorso vi sarà quindi una GRADUATORIA UNICA in cui il punteggio delle prove di esame sostenute dai SOLI docenti NON ABILITATI nella FASE 1, convertito in punteggio di abilitazione equiparabile a quello dei percorsi abilitanti già conseguiti, si aggiunge a quello dei titoli: ciò renderà il concorso una sorta di verifica di uno stato di “abilitazione” che i docenti abilitati hanno già conseguito, e quindi per questo la FASE 1 riguarderà solo i NUOVI DOCENTI.

La graduatoria rispetterà le scelte delle province delle GI (ma questo è anche superabile con graduatoria regionale…)

La graduatoria avrà durata triennale (come qualsiasi concorso) essendo determinata proprio da questo concorso.

 

 

PS: in data 26/02/2016 il concorso è stato bandito. Ecco alcuni articoli:

 

Articolo Orizzonte Scuola:
Concorso scuola 2016. Pasticcio di illogicità oppure lucido disegno politico? Lettera di un “In-Segnante”

Concorso scuola. FLCCGIL: il governo vanifica i diritti acquisiti dai docenti precari

http://www.orizzontescuola.it/news/concorso-scuola-flccgil-governo-vanifica-diritti-acquisiti-dai-docenti-precari

Concorso a cattedre: Anief conferma ricorsi per far partecipare precari non abilitati, docenti di ruolo e abilitandi

http://www.orizzontescuola.it/news/concorso-cattedre-anief-conferma-ricorsi-far-partecipare-precari-non-abilitati-docenti-ruolo-e

 

 

 

This petition was delivered to:
  • Presidente del Consiglio dei Ministri
    Matteo Renzi
  • Presidente della Repubblica Italiana
    Sergio Mattarella
  • Ministro dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca
    Stefania Giannini (Ministro dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca)
  • Presidente della Repubblica
    Sergio Mattarella
  • Presidente del Consiglio dei Ministri
    Matteo Renzi
  • Sottosegretario di Stato all'Istruzione, all'università e alla ricerca
    Davide Faraone
  • Deputato PD
    Roberto Speranza
  • Parlamentare, Politico
    Pierluigi Bersani
  • Sindacato
    Anief
  • Sindacato
    FLC-CGIL
  • Sindacato
    UIL
  • Sindacato
    Cobas


Alfredo Pudano started this petition with a single signature, and now has 36,612 supporters. Start a petition today to change something you care about.