Gela senza auto, per bambini e famiglie #gelaciclabile

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


La FIAB (Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta) di Gela ha predisposto e condiviso con la città un Piano per la Mobilità di Emergenza post Covid, il piano è stato poi sostenuto e condiviso da tantissime realtà associative, che lo hanno fatto proprio, trasformandolo nel piano di una intera comunità ( Casa del Volontariato, Comunità Laudato SI, MoVI, Associazione Orti Sociali, Associazione SMAF, Scout Fabio Rampulla, Agesci Gela 4, Gela Famiglia, UNICEF Comitato Locale di Gela, Croce Rossa, Ass. Futuramente, Via Francigena Fabaria Comitato di Gela, ADAS, Centro di Cultura Salvatore Zuppardo, Associazione Green & Sport, Associazione Diabetici Eschilo, Pro Loco Gela, Adoces, Centro Aiuto alla Vita, Special Olympics, #shiplab)

La salute dei cittadini è minacciata dalla pandemia da Covid 19 e per questo motivo abbiamo accettato la limitazione delle nostre libertà. Dal 4 maggio inizierà la Fase 2 dell'emergenza Covid 19 e sarà fondamentale mantenere il distanziamento sociale e garantire la qualità dell'aria nelle nostre città. Questi obiettivi possono raggiungersi solo restituendo lo spazio pubblico ai cittadini e riducendo l'uso dell'automobile privata. L'automobile è un problema:

  • genera alti livelli di polveri sottili che sono causa di malattie respiratorie e favorisce la diffusione del Covid 19, offendendo il diritto alla salute;
  • occupa spazio pubblico e impedisce di muoversi liberamente ed in sicurezza in città,
  • costringe i bambini, gli anziani, le persone con disabilità, i ciclisti e tutti gli utenti deboli della strada a rimanere a casa,
  • sottrae spazio pubblico e lede il diritto alla mobilità delle persone.

Dobbiamo riprenderci questo spazio, perchè è l'unico modo per tornare ad essere una comunità che cresce nel futuro. Cosi abbiamo proposto all'Amministrazione Comunale di Gela un piano di mobilità d'emergenza post covid per la fase 2, che garantisca salute e distanziamento sociale seguendo una serie di precisi criteri:

  • la predisposizione secondo Codice della Strada di strade condivise a preferenza di pedoni e ciclisti con limite di velocità non superiore a 30 km/h
  • la trasformazione dell'intero centro storico federiciano in ZTL esclusi i residenti,
  • la pedonalizzazione integrale e h24 del corso Vittorio Emanuele nel tratto interno al centro storico federiciano,
  • la creazione di corsie ciclabili nelle direttrici principali della città,
  • la tracciatura di sensi unici eccetto bici,
  • l'utilizzo dei parcheggi scambiatori (Caposoprano e Arena) e punti noleggio bici a pedalata assistita in prossimità degli stessi.
  • la destinazione dello spazio pubblico recuperato, anche direttamente in strada, alle attività commerciali.

Un piano che porti le persone a muoversi lasciando l'auto privata a casa. 

Chiediamo all'Amministrazione Comuale di Gela ed al Sindaco Lucio Greco l'immediata attuazione del Piano per la Mobilità di Emergenza post Covid proposto. Lo chiediamo perchè è una necessità fondamentale per la salute e la sicurezza di tutti noi, per costruire il nostro futuro.