NO AL DUMPING SOCIALE IN AVIAZIONE!

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


È necessario che l'art. 207 del Decreto Rilancio (D.L. 13 maggio 2020, n. 1) venga approvato e applicato estensivamente quanto prima in modo che i dipendenti delle Compagnie Aeree e delle imprese del trasporto aereo che operano con base stabile in Italia possano godere del salario minimo previsto dal CCNL del settore.

 

L’applicazione di questo articolo impedisce il cosiddetto dumping salariale, ovvero il meccanismo per il quale la competizione tra aziende si gioca su una diminuzione dei costi ottenuta tramite contratti al ribasso che mortificano i lavoratori e le loro condizioni salariali e che abbassano i livelli di qualità di servizio reso ai passeggeri.


Con questo articolo tutte le Società operanti nel trasporto aereo in Italia dovranno regolarizzare il personale secondo i contratti di diritto italiano con salari non inferiori a quelli indicati nel CCNL, negoziato nel rispetto delle norme sociali, pensionistiche, sanitarie e di libertà sindacale in modo da tutelare il personale affinché possa essere dignitosamente retribuito, assistito e riconosciuto.

 

 

 

It is necessary that art. 207 of the Relaunch Decree (Legislative Decree 13 May 2020, no. 1) will be approved and extensively applied as soon as possible in order to ensure the minimum wage prescribed by the CCNL (National Collective Labour Agreement) to all the employees of Airlines and air transport companies firmly operating on the Italy territory.

 

The application of this article prevents from the salary dumping, the mechanism by which competition between companies is played on the cost reduction consequent to the downward contracts that then mortify employees and their wage conditions and that lower the levels of quality of service rendered to passengers.

 

This article ensure that all companies dealing with air transport in Italy regularise their employees according to Italian law contracts with wage in line with the CCNL negotiated in compliance with the welfare, pension, health and trade union freedom rules to protect the staff so that they can be dignifiedly paid, assisted and recognized.