Vietare l'uccisione di animali per la festa del sacrificio islamica in Italia

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Ogni anno in Italia si svolge la festa del sacrificio islamica. Questa festa implica che venga fatto un sacrificio rituale che si pratica nel corso della festività, per ricordare il sacrificio sostitutivo effettuato con un montone da Abramo. I musulmani sacrificano un animale, che deve essere un ovino un Caprino un bovino o un camelide. L'animale viene ucciso mediante sgozzamento, con la recisione della giugulare che permetta al sangue di defluire. L'animale deve essere vigile e cosciente, quindi non può essere stordito, come invece prevede la legge italiana riguardo la macellazione. Questa tradizione, barbara e anacronistica, deve essere fermata. In Italia non deve essere permesso un tale scempio. Una mattanza che non possiamo accettare, perché deve essere chiaro, che le leggi italiane debbano essere rispettate, e la maggior parte degli italiani inorridisce di fronte a questa pratica. Il rispetto per gli essere umani, passa prima dal rispetto per gli animali, e la comunità islamica, deve rispettare il paese che l'ha accolta, smettendo definitivamente di perpetrare questo orrore. Chiediamo ai ministri Salvini e Di Maio, al ministro per l'ambiente Costa, all'onorevole Brambilla, di creare una legge che impedisca in futuro questo tipo di maltrattamenti nei confronti degli animali. 



Oggi: BARBARA conta su di te

BARBARA SEDICI ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "SALVINI MATTEO : Vietare l'uccisione di animali per la festa del sacrificio islamica in Italia". Unisciti con BARBARA ed 676 sostenitori più oggi.