Continuazione dell'esperimento SOX nei Laboratori INFN del Gran Sasso (Abruzzo)

0 hanno firmato. Arriviamo a 50.000.


TESTO IN ITALIANO (ENGLISH BELOW):

Recentemente è stata approvata all'unanimità dalla commissione Attività produttive del consiglio regionale abruzzese una risoluzione per bloccare l'esperimento SOX (Short distance neutrino Oscillations with BoreXino), in corso di preparazione nei Laboratori INFN del Gran Sasso.

La mozione ha fatto seguito a una sfortunata campagna di non corretta informazione, che ha coinvolto associazioni ambientaliste locali, a cui purtroppo una nota trasmissione televisiva (Le Iene) ha offerto risalto mediatico. Secondo questa campagna, l'esperimento costituirebbe un pericolo ambientale, in particolare di contaminazione nucleare delle sorgenti acquifere.

Come successivamente spiegato in più di una occasione dai rappresentati INFN e infine comunicato con una apposita nota stampa (https://www.lngs.infn.it/en/news/nota-stampa-28-11) queste accuse sono infondate, in quanto l'esperimento non prevede l'innesco di una reazione di fissione nucleare [si legga anche l'articolo de IlPost http://www.ilpost.it/2017/11/27/sox-gran-sasso-le-iene/ che offre un riepilogo della vicenda]. 

L'esperimento utilizza una sorgente radioattiva composta di scorie nucleari, sigillata all'interno di un contenitore di tungsteno nichel e ferro, spesso 19 centimetri e pesante 2 tonnellate. Questo contenitore scherma le radiazioni nucleari e lascia passare all'esterno solo i neutrini, che sono appunto l'unico oggetto di studio dell'esperimento.

Questo contenitore, che non può essere aperto manualmente, è realisticamente indistruttibile. È resistente fino ad una temperatura di 1500 gradi centigradi. Neppure un terremoto potrebbe causarne l'apertura, senza considerare che le strutture dei Laboratori del Gran Sasso sono rigorosamente antisismiche.

Per essere molto chiari: qualunque ipotesi di distruzione del contenitore coinvolgerebbe eventi che, oltre ad essere non realistici, renderebbero il pericolo della liberazione della sorgente radioattiva non significativo al confronto.

L'esperimento non è stato tenuto segreto, ma anzi ha ricevuto tutte le autorizzazioni previste dalla legge.

Noi riteniamo incomprensibile che il lavoro delle persone che hanno preparato l'esperimento, durato vari anni e su cui hanno investito le proprie carriere, debba essere rovinato senza che ve ne siano le ragioni scientifiche.

Noi riteniamo che la paura debba essere contrastata con la corretta informazione scientifica, e che la corretta informazione scientifica debba sempre prevalere sulla paura.

Noi CHIEDIAMO IL RISPETTO per il lavoro dei tecnici, dei ricercatori scientifici e di tutto il personale INFN, che non deve essere messo in discussione e in pericolo da una campagna di non corretta informazione basata soltanto sulla paura.

Per queste regioni, chiediamo al Presidente della Regione Abruzzo di confermare l'autorizzazione dell'esperimento. 

ENGLISH TEXT:

Recently, the committee for Productive activities of theAbruzzo Regional Council has approved a resolution to block the SOX experiment (Short Distance Neutrino Oscillations with BoreXino), which is under preparation at Gran Sasso's INFN Laboratories.
The motion followed an unfortunate campaign of incorrect information, involving local environmental activists associations, which unfortunately a well-known TV show (Le Iene) offered media coverage. According to this campaign, the experiment would be an environmental hazard, in particular nuclear contamination of aquatic sources.
As later explained on more than one occasion by INFN representatives and finally communicated with a special press release (https://www.lngs.infn.it/en/news/nota-stampa-28-11) these allegations are unfounded, since the experiment does not provide for the initiation of a nuclear fission reaction [see also IlPost's article http://www.ilpost.it/2017/11/27/sox-gran-sasso-le-iene / offering a summary of the story].
The experiment uses a radioactive source composed of nuclear waste, sealed inside a nickel-iron-tungsten container, 19 centimeters thick and 2 tons heavy. This container shields nuclear radiation and lets out only the neutrinos, which are the only object of the experiment.
This container, which can not be opened manually, is realistically indestructible. It is resistant to a temperature of 1500 Celsius degrees. Even an earthquake could not cause its opening, without considering that the structures of the Gran Sasso Laboratories are strictly anti-seismic.
To be very clear: any conceivable destruction of the container would involve events that, in addition to being unrealistic, would make the release of the radioactive source not significantly dangerous in comparison.
The experiment was not kept secret, but in fact received all the permits provided by law.
We find it unintelligible that the work of people who prepared the experiment, which lasted several years and on which their careers have been invested, must be ruined without any scientific reason.
We believe that fear must be countered by proper scientific information, and that correct scientific information must always prevail over fear.
We ASK FOR RESPECT for the work of technicians, scientific researchers and all INFN staff, which should not be questioned and endangered by an incorrect information campaign based only on fear.
For these reasons, we ask the President of the Abruzzo Region to confirm the authorization of the experiment.



Oggi: Costantino conta su di te

Costantino Pacilio ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "#Salviamolaricerca Continuazione dell'esperimento SOX nei Laboratori INFN del Gran Sasso @pdnetwork @forza_italia ‏@Mov5Stelle ‏@liberi_uguali". Unisciti con Costantino ed 48.530 sostenitori più oggi.