Medici contro la nomina del prof Bassetti come Coordinatore Gestione Pazienti Covid

0 hanno firmato. Arriviamo a 7.500.


SI AVVISA CHE LA PRESENTE PETIZIONE E' DIRETTA AI MEDICI E PUO' ESSERE FIRMATA SOLO DA MEDICI-CHIRURGHI (firmare riportando il numero di ordine; grazie) 

Spett.le Ministro della Salute - Dott. On. Roberto Speranza

Onorevole Ministro,

La recente nomina del Professor Matteo Bassetti quale coordinatore scientifico del Gruppo di Lavoro per la definizione dei criteri di appropriatezza dei ricoveri di pazienti Covid -19 istituito da AGENAS, desta stupore nel mondo sanitario.  

Le dichiarazioni del Professore, rese pubbliche sin dall’inizio della pandemia, si sono dimostrate fuorvianti.  Di fronte alla emergenza sanitaria più significativa dell’ultimo secolo, causata da una malattia grave ed ancora poco conosciuta, l’atteggiamento  più corretto non poteva e non doveva essere quello delle affermazioni perentorie e delle previsioni incaute.

L’atteggiamento poco prudente e dichiarazioni largamente diffuse dai mezzi di comunicazione, hanno provocato confusione nella popolazione e favorito errori di comportamento. Non solo tra i cittadini. Gli stessi amministratori pubblici liguri, che hanno potuto avvalersi di una consulenza così poco orientata alla prudenza hanno valutato e preparato programmi dimostratisi ampiamente insufficienti per affrontare la seconda ondata.

Riteniamo che il Prof. Bassetti, attraverso le sue esternazioni pubbliche, abbia dimostrato una visione poco prudente ai problemi posti dalla pandemia prospettando delle soluzioni operative che si stanno dimostrando insufficienti ed inadeguate ad affrontarli.

Pertanto, la sua nomina a coordinatore scientifico del gruppo di lavoro per la gestione nazionale dei pazienti Covid-19 per il Ministero della Salute, appare non giustificata e non rappresentativa per la comunità medico-scientifica.

Chiediamo di essere rappresentati da Colleghi più prudenti nel gestire questa emergenza sanitaria, al fine di tutelare la salute dei nostri cittadini e per consentire una maggiore qualità delle nostre cure con massima sicurezza degli operatori sanitari.