Spazzatura. Il modello olandese per incentivare la segregazione.

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Siamo ormai abituati a vivere a stretto contatto con i rifiuti domestici sparsi in mezzo alle strade.

 I comuni di piccole, medie e grandi citta’, hanno I conti in rosso dovuti al costo della raccolta rifiuti che di anno in anno invade le strade di quasi tutta l’Italia.

Esiste un obbligo, quello morale, del rispetto per l’ambiente, che dovrebbe essere inculcato nella nostra cultura consumista, l’obbligo di segregare I rifiuti per incentivare il riciclaggio.

 

In Italia, questo obbligo pare venire meno,  quindi I nostri politici hanno il dovere di trovare una soluzione per evitare di lasciare alle generazioni future un Paese sempre piu sporco ed inquinato.

Differenziare la spazzatura e’parte di un percorso culturale che fino ad oggi in Italia non e’mai esistito, ecco quindi il richiamo alle soluzioni Nord-Europee che hanno incrementato positivamente il rapporto tra uomo/ambiente.

 

In Olanda, Paese dove vivo, vige la cauzione(deposito) su molti prodotti ad uso domestico. In poche parole, al supermercato la birra (giusto per fare un esempio) costa xxx euro + 0,10 euro di deposito cauzionale sulla bottiglia. Lo stesso vale per molti altri prodotti come bottiglie di plastica 0,25 euro, bottiglie di vetro(vino, olio, etc.).

Dal 2021 anche le bottigliette d’acqua inferiori ad un litro avranno l’obbligo cauzionale.

Per poter recuperare I soldi del deposito cauzionale, nei supermercati sono installate macchine scanner con il rullo trasportatore, che identificano il tipo di contenitore e il valore dello stesso.

Lo scanner, al termine dell’identificazione, rilascia un coupon con un codice a barre che puo’ essere utilizzato come sconto per gli acquisti al supermercato.

 

Credo che questa semplice soluzione, possa in qualche modo facilitare al riciclo di materiali, migliorare il rapporto tra uomo e ambiente, lasciare le nostre citta’ piu’ pulite, ridurre I costi di raccolta dei rifiuti.

 

Chiedo a tutti voi, di poter firmare questa semplice petizione, la soluzione e’ alla nostra portata e insieme possiamo riuscirci.


Vuoi condividere questa petizione?