Vittoria

Salviamo la Farmacia Pitrelli dall'ASL di Taranto

Questa petizione ha creato un cambiamento con 619 sostenitori!


L’ASL di Taranto vuol chiudere le serrande della Farmacia Pitrelli, quel piccolo baluardo di salute pubblica nel rione Tamburi, all’ombra dell’ILVA. Sopravvissuta alle bombe sganciate dagli Alleati sul porto di Taranto, che la rasero al suolo, oggi rischia di finire distrutta dall’inchiostro dei burocrati, che ci stanno impedendo di trasferirne la concessione al nuovo compratore. Con cinque famiglie che potrebbero finire per strada.

Tutto questo grazie al tradimento dell’imparzialità della pubblica amministrazione, che si è rivelata supina a indebite intrusioni di terzi. L’intento, sfacciatamente dichiarato, è quello di mandare all’asta la storica autorizzazione n.1 della città, con un nobile secolo di servizio pubblico alle spalle. A beneficio di chi, esattamente, non è dato sapere.

Dopo cinque generazioni della famiglia Pitrelli, tutto finirà il 16 marzo 2018 

  • se i burocrati dell'ASL non faranno il loro dovere, sbloccando il trasferimento dell'autorizzazione al compratore, o
  • se il sindaco Rinaldo Melucci o il governatore Michele Emiliano non agiranno di loro iniziativa.

Nel silenzio si muore: non lasciateci soli. Solo la lanterna dell'opinione pubblica è in grado di gettare luce su questa oscura situazione. 

Grazie per il vostro sostegno.



Oggi: Stefano conta su di te

Stefano Pitrelli ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Rinaldo Melucci: salvi la Farmacia Pitrelli dall'ASL di Taranto". Unisciti con Stefano ed 618 sostenitori più oggi.