Riaprire il lungomare nascosto di via Elorina e del Talete. Basta mare negato a Siracusa!

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


A Siracusa, tra via del Porto Grande e via Elorina, c'è un lungomare ai più sconosciuto in quanto diventato "muromare" perchè coperto dal cemento e da aree private (o abbandonate come l'ex s.p.e.r.o). Situazione più o meno analoga al lungomare di Ortigia, precisamente in zona Talete, coperto da quell' ecomostro meglio conosciuto come parcheggio Talete (meno parcheggi, meno mezzi privati, più mezzi pubblici). Assurdo ma vero. Il tutto in totale sfregio all' articolo 9 della Costituzione posto a tutela del paesaggio. A Siracusa, tra l'indifferenza e il menefreghismo generale (che si riflette in ogni ambito della vita quotidiana cittadina, e non solo), oltre a toglierci l'aria, il mare, la terra e la salute ci hanno tolto anche la capacità di percezione del paesaggio, diritto e valore sancito non solo dalla natura ma anche, come sopra, dalla Costituzione. 
Un lungomare, quello di via Elorina, con una vista mozzafiato su Ortigia con il suo golfo, e sulla Penisola della Maddalena (meglio nota come l'Isola), in cui innanzitutto va ripristinato l'accesso e la fruizione delle spiagge cittadine (tra cui la Playa), e in cui va ripristinato il passeggio panoramico, alberato e ciclopedonale. Quest'ultimo farebbe parte, insieme alla pista preesistente che attualmente si interrompe nell' ex passaggio a livello di via Piave (e da lì deve continuare), della "bicipolitana" urbana ed extra che andrebbe nelle direzioni di Ortigia, dell' Isola e delle zone balneari. Clicca qui per vedere cosa hanno fatto a Marina di Ragusa, e qui per avere un quadro complessivo su come devono essere i trasporti a Siracusa e dintorni.

Per questi e per altri motivi va liberato e restituito totalmente alla città questo pezzo di costa. E la costa e il mare devono essere SEMPRE liberi e pubblicamente accessibili e fruibili, così come deve esserci un passeggio panoramico. In una città normale funzionerebbe così.
Invece purtroppo a Siracusa gira tutto al contrario e la realtà è sotto gli occhi di tutti (o quasi, perchè tra la popolazione ci sono i complici che fanno finta di non vedere), perchè in questa città e più in generale in questo territorio sono tanti, troppi i casi di pezzi di costa cementificati, nascosti, negati e privatizzati, sopratutto nelle zone balneari costruite senza nessun piano regolatore (Fontane Bianche docet). 

Anche il lungomare Talete di Ortigia non è da meno, ha anch'esso una vista panoramica stupenda sulla terraferma sul cui sfondo si vede anche l'Etna. Solo per questo merita di essere liberato e rivalorizzato nel modo giusto, per esempio e anche in questo caso con delle spiagge e con un percorso panoramico, alberato e ciclopedonale. Sarebbe sicuramente meglio di farci passare e parcheggiare le macchine e le moto (Ortigia isola pedonale), e sarebbe anche ora di darci un taglio definitivo con la cementificazione sfrenata.

Queste istanze e queste petizioni non dovrebbero muoverle sempre e solo una pagina come la nostra, ma anche il resto della cittadinanza. Svegliatevi, prendete coscienza, incazzatevi, protestate e vogliate sempre e comunque una città diversa e migliore, senza accontentarvi mai delle briciole che ci mandano dall' alto per farci stare zitti e buoni. 
Chi si accontenta non gode ma muore. 

Condividi, firma e fai firmare affinchè la nostra non sia una voce ma un urlo, più forte e più diretto. Più che per noi stessi dobbiamo farlo per i nostri figli e per i nostri nipoti, i quali meritano una città, una terra e un futuro migliore.



Oggi: Cambiamo conta su di te

Cambiamo Siracusa ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Riaprire il lungomare nascosto di via Elorina e del Talete. Basta mare negato a Siracusa !". Unisciti con Cambiamo ed 1.332 sostenitori più oggi.