Fermiamo un devastante progetto nel cuore della Riserva Naturale della Val di Mello

0 hanno firmato. Arriviamo a 75.000.


Non possono essere i 400.000 euro di soldi pubblici un buon motivo per svilire la Val di Mello - in provincia di Sondrio, Lombardia - per scardinarne la sua mitica naturalità.

Per imporre un circuito per disabili che nessuno vuole, nessuno desidera, nessuno lo chiede ma avvilente per tutti, disabili per primi.

Un circuito recinto proprio dove ogni anno già transitano migliaia di bambini alla ricerca del contatto diretto, libero, profondo con l’ambiente naturale come dev’essere in una Riserva. Quel luogo è un giardino nel centro della Valle, di una bellezza folgorante, di facile accesso, commuovente nella sua delicata naturalità.

Nella orrenda SCHEDA progetto, la pietra, il muretto, il gradino diventano insidie da abbattere,  il tronco-ponte per passare un ruscelletto un pericolo da eliminare e arginare con un ponte cementato e collaudato, la vegetazione…verde infestante da sradicare, la delicata traccia da seguire nell’erba sostituita da una segnaletica a prova di non vedente….

Andate a vedere le schede che ci hanno illustrato all’Ersaf e rimarrete a bocca aperta …e il sasso dove si gioca arrampicando? Diventerà un sasso in Sicurezza…ma quale sicurezza? Boh, basterà scriverlo su un cartello in braille: masso di arrampicata per ciechi/disabili in sicurezza …aberrante!

Come si fa a progettare così male?

Come si fa a confondere BARRIERE ARCHITETTONICHE che giustamente vanno abbattute nelle scuole, ospedali, edifici pubblici… e DIFFICOLTÀ NATURALI, necessarie per confrontarsi con i propri limiti e parte inscindibile del paesaggio naturale in particolar modo di una Riserva.

400.000 non sono euro ma le persone che ogni anno transitano in Val di Mello, che la amano e che da questa meravigliosa Valle traggono il senso di bellezza, totalmente assente nei progettisti di questo stupro-casalingo.

Donne e uomini tenacemente pronti a difenderla e ad opporsi con forza ad ogni forma di stupidità, a maggior ragione se promossa da chi istituzionalmente dovrebbe difenderla.

LA VAL DI MELLO NON È DI ERSAF, NON È DEL COMUNE DI VAL MASINO MA UN BENE COMUNE DI TUTTI.

Il progetto Ersaf per disabili è aberrante, fuori luogo, incomprensibile; è la bandiera di come non si deve intervenire in una Riserva Naturale.  “Le buone pratiche” sono state quelle tramandate dai contadini che l’hanno da sempre mantenuta.

Chiediamo una firma per fermare questo aberrante progetto

La Val di Mello deve restare bella così com’è


Il comitato per la tutela della Val di Mello


Vuoi condividere questa petizione?