Proteggiamo gli Asili Nido in Regione Lombardia

0 hanno firmato. Arriviamo a 5.000.


“Regione, attraverso una delibera di Giunta, sta mettendo a rischio il sistema degli asili nido della Lombardia. È pericoloso e sbagliato voler introdurre volontari nei servizi: la compresenza non deve essere assicurata da personale non educativo”.
“Non condividiamo la scelta di cambiare il calendario scolastico senza rispettare quanto stabilito dal contratto nazionale delle funzioni locali (non superare le 42 settimane) e mettendo in discussione le tutele di lavoratrici e lavoratori, minando il perimetro pubblico del servizio”, affermano i sindacati. “Anche stabilire un rapporto numerico educatore/bambini 1:8 senza modularlo in base all’età dei piccoli utenti – aggiungono – è sbagliato e non tiene conto delle loro esigenze così diverse”.
Ulteriori preoccupazioni nascono dall’assenza di specifiche chiare in presenza di bambini disabili: che fare per loro?
“Se questo provvedimento dovesse essere approvato – affermano Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl della Lombardia – da un lato ci sarebbe un ulteriore peggioramento delle condizioni lavorative di educatrici ed educatori, dall’altro il rischio di una pesante contrazione dell’offerta di posti e/o un incentivo per gli enti al ricorso al personale di cooperativa e alle esternalizzazioni”.
In Lombardia solo un bambino su 4 oggi riesce a frequentare l’asilo nido: non possiamo permetterci nessun passo indietro. Regione deve semmai lavorare per arrivare il prima possibile a un’offerta del 100%.
Frequentare un nido di qualità è un diritto di tutte le bambine e i bambini che devono essere al centro dell’offerta educativa.

le segreterie regionali di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl