No all’odio contro le persone LGBTI: vogliamo la legge!

0 hanno firmato. Arriviamo a 15.000.


Ci serve il tuo aiuto, la legge della Regione Emilia-Romagna contro l’omotransnegatività è in PERICOLO e rischia di non essere approvata.
Le vite delle persone LGBTI contano: aiutaci a dimostrarlo!

Il testo della legge regionale contro le discriminazioni rischia di cadere nel dimenticatoio a causa di un emendamento non pertinente sulla pratica della Gpa (gestazione per altri), per altro già illegale in Italia; un emendamento che punta a togliere indistintamente i finanziamenti regionali a tutti i soggetti, associazioni o enti che promuovono tale pratica. Cosa si intende per “promozione della Gpa”? Perché inserire questo emendamento anche se chiaramente non pertinente? Una mossa scorretta che non ha l’obiettivo di promuovere un confronto democratico sull’argomento, che sarebbe auspicabile, bensì di porre un aut-aut irresponsabile: o con l’emendamento, o niente.

Questa legge è molto più di un generico e superficiale monito contro le violenze, bensì punta a combattere e scardinare i meccanismi socioculturali alla base delle discriminazioni contro le identità LGBTI, attraverso percorsi culturali e di formazione nelle strutture sanitarie regionali, negli uffici, nelle scuole.  È un testo lungimirante che punta a consolidare la cultura del rispetto e della diversità, contrastando quella “negatività” che da sempre ostacola il sereno accesso delle persone LGBTI in vari ambiti sociali: scuola, lavoro, salute, comunicazione, sport, cultura ecc.

Il testo nasce dalla collaborazione tra comuni e associazioni del territorio emiliano-romagnolo e dal confronto con le esigenze reali della comunità.

È un primo passo verso una Regione più inclusiva, che rischia, tuttavia, di cadere nel vuoto a causa di forze reazionarie che rivendicano il diritto a discriminare.

Ma noi non ci arrendiamo, perché sono in gioco le nostre vite. Per questa ragione, abbiamo intenzione di depositare la petizione al Consiglio Regionale della Regione Emilia-Romagna proprio la mattina del 28 giugno, a 50 anni dai moti di liberazione di Stonewall e anniversario della presa del Cassero di Bologna, primo spazio che un’amministrazione pubblica ha assegnato alla comunità LGBTI in Italia.

Aiutaci a diffondere il nostro appello, consulta il testo della legge qui: http://demetra.regione.emilia-romagna.it/al/articolo?urn=er:assemblealegislativa:progettodilegge:2018;7159


Vuoi condividere questa petizione?