covid-19: riduzione affitto negozi

covid-19: riduzione affitto negozi

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!
Santolo Castellano ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Presidenza del consiglio dei ministri, Governo Italiano e a

SITUAZIONE

Il Governo stanzia risorse pubbliche per “ristorare” le attività commerciali cui è stata imposta la chiusura  per un certo periodo (ad. esempio i ristoranti).

Il meccanismo è quello della concessione di un credito di imposta pari al 60% del canone di affitto; tale credito può essere ceduto al locatore, diminuendo così l'esborso cui è tenuto il conduttore.

In definitiva, quindi: la pandemia induce il Governo a sostenere le attività commerciali che ha obbligato alla “serrata”, ma per contribuire a sostenerne i costi fissi (affitto) elargisce un credito di imposta, senza che al contempo la proprietà immobiliare sia soggetta ad alcuna perdita. 


PROPOSTA
Si dovrebbe prevedere che il 60% sia ripartito tra Stato e la proprietà; così  rispetto ad un affitto di 100, il conduttore pagherebbe (di suo) 40, lo Stato 30 (credito di imposta) e la proprietà 30 (canone ridotto pari a 70, anziché 100). 


Ciò distribuirebbe il “costo” del covid-19 anche sulla proprietà immobiliare, che invece – ad oggi – non subisce alcuna decurtazione dei propri ricavi, mentre tutte le altre categorie reddituali e la intera Comunità nazionale, stanno pagando un prezzo altissimo.

invece oggi accade anche questo

Firma e ricordati di condividere tra i tuoi contatti.Grazie

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!