Petizione per avocazione delle funzioni di soggetto attuatore della Protezione Civile

0 hanno firmato. Arriviamo a 7.500.


Petizione per avocazione delle funzioni di soggetto attuatore della Protezione civile del presidente della Regione, dottor Donato Toma, e delle funzioni del commissario ad acta dottor Angelo Giustini e sub-commissaria dottoressa Ida Grossi, nonché del direttore generale dell’Asrem, avvocato Oreste Florenzano e della direttrice sanitaria dell’Asrem, Maria Virginia Scafarto.

Preg.mi

Il popolo molisano vi chiede AIUTO!

Nel Molise la sanità è nel caos. E’ passato un anno dall’inizio della Pandemia e nulla è stato deciso.

Il piano di rafforzamento della rete ospedaliera per il contrasto al Covid non è mai partito! 

Petizione per avocazione delle funzioni di soggetto attuatore della Protezione civile del presidente della Regione, dottor Donato Toma, e delle funzioni del commissario ad acta dottor Angelo Giustini e sub-commissaria dottoressa Ida Grossi, nonché del direttore generale dell’Asrem, avvocato Oreste Florenzano e della direttrice sanitaria dell’Asrem, Maria Virginia Scafarto.

Alla situazione di gravissima emergenza (dichiarata con propria nota dal commissario ad acta il 19 febbraio 2020) generata dal “notevole afflusso di pazienti positivi presso il Pronto Soccorso dei tre ospedali di Termoli, Isernia e Campobasso”, non si è in grado di rispondere con adeguati posti letto di terapia intensiva.

E’ passato un anno per assistere a giovani che muoiono al Pronto soccorso in attesa di essere ricoverati in terapia intensiva, a malati abbandonati che chiamano, disperati, al telefono i medici dell’Usca di riferimento, senza avere risposte perché quest’ultimi sono sovra-impegnati nel soccorso emergenziale, di persone alla ricerca disperata di  introvabili bombole di ossigeno per i familiari malati a domicilio!  

E’ passato un anno e, mentre in tutte le regioni Italiane vi sono strutture dedicate ai malati Covid, nel Molise, l’ospedale è un privilegio che non ci possiamo permettere… in Molise  il diritto alla salute non è Uguale al resto d’Italia e ciò nella palese colpevole assenza di tutti i livelli regionali e nazionali.

E’ passato un anno per scegliere, senza riuscirvi, una struttura  adeguata, capace di fornire assistenza ai malati Covid consentendo di  decomprimere i livelli ospedalieri e garantire le cure ai malati (tanti) no Covid.

Dinanzi all’ultimo inqualificabile balletto, contraddistinto tra scontri politici e guerre di potere, la “Casa dei diritti Aps”, associazione che opera per il perseguimento di finalità civiche, solidaristiche, di utilità sociale, per la promozione della cultura della legalità, della  tutela dei diritti umani, civili, politici e sociali tra cui il diritto alla salute, il Comitato Molisanità L113 che si batte per l’affermazione del diritto alla salute nel Molise, Ultimi con don Aniello Manganiello, i Discoli del Sinarca e tanti cittadini e associazioni che aderiscono alla presente petizione    

si rivolgono alle SS.VV Ill.me

rappresentando che c’è bisogno del VS intervento diretto, con:

a)     avocazione dei poteri di Protezione civile, già affidati al Presidente Toma nel febbraio 2020 e che va, pertanto, destituito  dal ruolo di soggetto attuatore della Protezione civile molisana;

b)    avocazione dei poteri conferiti al Commissario Angelo Giustini e sub commissario Ida Grossi per la gestione dell’emergenza sanitaria;

c)     avocazione di tutti i poteri conferiti all’avv.to Oreste Florenzano e Maria Virginia Scafarto ed ai responsabili della Direzione Salute. 

Si allega alla presente istanza la nota sintetica riepilogativa di quanto accaduto nell’ultimo anno di pandemia.