Covid-19 e Assicurazioni: i risparmi della riduzione dei sinistri vadano ai cittadini

Covid-19 e Assicurazioni: i risparmi della riduzione dei sinistri vadano ai cittadini

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.
Più firme aiuteranno questa petizione a ottenere una risposta da parte del decisore. Aiuta a portare questa petizione a 500 firme!
Davide Giuliani ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Presidenza del consiglio dei ministri, Governo Italiano e a

In questo momento così drammatico assistiamo a tante iniziative di solidarietà, sia da parte di privati cittadini che di aziende più o meno grandi.
Se è vero che non si può obbligare nessuno a essere solidale con il prossimo, allo stesso modo deve essere quantomeno concesso ai cittadini di pretendere che non ci si arricchisca lucrando di fatto sull'attuale drammatica situazione.
Fatta questa premessa vorremmo segnalare un fatto che, almeno per quanto di nostra conoscenza, non ha ricevuto la dovuta attenzione da parte dei mezzi di comunicazione.
Le attuali misure restrittive, senza precedenti nella storia repubblicana, hanno imposto il blocco forzato di tutti i cittadini dell'intero territorio nazionale all'interno delle abitazioni. La conseguenza di ciò è stata una drastica riduzione del traffico veicolare.
Oltre a una migliore qualità dell'aria che respiriamo, è presumibile che tra le conseguenze positive di tale riduzione del traffico vi sia anche una sensibile riduzione del numero dei sinistri.
Questo fatto si tradurrà in un beneficio per tutte le compagnie di assicurazione che potranno godere di futuri bilanci piuttosto floridi.
Chiediamo al governo di fare in modo di aggiornare gli studi attuariali e statistici tenendo conto di quanto rilevato, quantificare il risparmio delle Assicurazioni fino al termine dell'attuale regime di restrizioni e operarsi in modo che tale somma sia restituita agli utenti con sconti o proroghe delle scadenze delle polizze assicurative RC auto.

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.
Più firme aiuteranno questa petizione a ottenere una risposta da parte del decisore. Aiuta a portare questa petizione a 500 firme!