Salviamo l'Ospedale S. Matteo degli Infermi di Spoleto

0 hanno firmato. Arriviamo a 5.000.


Signora Presidente Tesei, non è accettabile che vengano cancellati, in un colpo solo, i servizi sanitari di un ospedale Dea di primo livello che serve le comunità di Spoleto e della Valnerina, 60 mila abitanti già destabilizzati dalle conseguenze del sisma del 2016, creando disservizi a catena per i cittadini e per le strutture sanitarie vicine.
Revochi la sua ordinanza, Presidente.

Ci restituisca un vero pronto soccorso e gli essenziali servizi di degenza.
Sì a un reparto covid, no alla cancellazione dei servizi sanitari per Spoleto e la Valnerina.